Keystone (archivio)
Il Capo dell'Esercito Thomas Süssli
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVITTO
6 ore
Auto nel pendio, un morto
Grave incidente ieri pomeriggio a Muotathal. Due feriti e un decesso
SVIZZERA
12 ore
Noto attivista Corona-scettico finisce in cure intense con il virus
Il 66enne François de Siebenthal si è opposto pubblicamente alle disposizioni sanitarie decise dal Governo federale.
GRIGIONI
14 ore
Non ce l'ha fatta il parapendista caduto ad Arosa
Il 75enne è spirato ieri in ospedale a causa delle serie ferite riportate nell'incidente di domenica scorsa.
FOTO
SVIZZERA
15 ore
«Tutte le persone presenti su quell'aereo devono testarsi»
L'UFSP ha scritto un SMS a tutti i passeggeri del volo atterrato questa mattina a Zurigo e proveniente da Johannesburg.
SVIZZERA
15 ore
Cassis ha sentito il ministro degli esteri cinese al telefono
Dopo il guasto che lo ha lasciato a piedi, il consigliere federale ha avuto un «buon colloquio» con Wang Yi.
SVIZZERA
15 ore
Nuove Covid-restrizioni a Neuchâtel e San Gallo
Nel cantone romando scatta l'obbligo di mascherina in musei, cinema e chiese. Fortemente raccomandato il telelavoro.
SAN GALLO
16 ore
Si butta in mezzo alla strada e sputa addosso a soccorsi e polizia
Un uomo di 32 anni è stato arrestato per aver messo in pericolo sé stesso e gli altri.
SVIZZERA
17 ore
Licenziati cinque militari no-vax
Facevano parte del Comando forze speciali e senza vaccino non avrebbero potuto effettuare missioni all'estero.
FOTO
ARGOVIA
17 ore
Con il 2.6 per mille combina un disastro
Ieri sera a Mellingen, una 37enne si è messa alla guida della sua automobile completamente ubriaca. Pessima idea.
SVIZZERA
18 ore
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
21 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
SVIZZERA
18.10.2021 - 09:160
Aggiornamento : 10:16

L'Esercito sfora il budget per l'informatica di 100 milioni

Sarà necessario aumentare gli impieghi a tempo pieno e quindi le spese, spiega il comandante di corpo Thomas Süssli.

BERNA - Le forze armate svizzere sono alle prese con gravi problemi strutturali nell'informatica. Il budget sarà superato di circa 100 milioni di franchi nell'anno in corso. Il capo dell'esercito sta risparmiando, tra le altre cose, sulle munizioni e avrebbe bisogno di quattro volte tanto il personale informatico.

La ragione principale dei problemi è l'enorme numero di progetti IT che l'esercito deve attualmente portare avanti simultaneamente, ha detto il portavoce Stefan Hofer confermando una notizia diffusa dai giornali Tamedia. I problemi erano già emersi nell'autunno 2020, ma la gravità della situazione è diventata palese solo nel corso di quest'anno. Il budget IT per il 2021 era di 460 milioni di franchi, ma ci sarà un superamento di circa 100 milioni di franchi, ha detto Hofer.

Sarebbero necessari circa 4000 impieghi a tempo pieno per implementare tutti gli attuali progetti IT come previsto. Il capo dell'esercito Thomas Süssli dispone però di solo un centinaio di posti di lavoro a tempo pieno. Sarà necessario assumere specialisti e quindi aumentare le spese.

60 milioni in meno di munizioni - Hofer ha inoltre confermato che il capo delle forze armate intende assorbire i costi aggiuntivi riallocando i fondi a bilancio. Per esempio, risparmierà circa 60 milioni di franchi sugli acquisti previsti di munizioni e altro materiale. Le scorte saranno poi ricostituite ulteriormente. Altri 40 milioni verrebbero risparmiati fermando o posticipando progetti informatici.

I problemi erano già stati evocati dal Controllo federale delle finanze (CDF) all'inizio di ottobre nel suo rapporto sui ritardi del sistema di difesa terra-aria. La situazione delle risorse era stata giudicata tesa, specialmente per la mancanza di personale qualificato. Le misure correttive all'interno delle forze armate sono già in fase di sviluppo e le decisioni sono attese in autunno. La scelta delle priorità dei progetti IT è in corso. Tuttavia, il CDF vuole ancora esaminare separatamente la gestione della tecnologia dell'informazione e della comunicazione al Dipartimento federale della difesa (DDPS).

"Fitania" rischia di far lievitare i costi - Con il progetto chiave "Fitania" (infrastruttura di comando, informatica e collegamento all'infrastruttura di rete delle forze armate), il DDPS vuole rendere le forze armate digitalmente adatte alle sfide future. Sono previsti tre diversi progetti per un totale di 3,3 miliardi di franchi. Il DDPS vuole costruire una rete fissa di cavi in fibra ottica e ponti radio, creare tre centri informatici e allestire una piattaforma di telecomunicazioni per la trasmissione mobile e parzialmente mobile di dati.

Secondo Hofer, questo lavoro, che va avanti da anni, è una delle ragioni principali dell'attuale squilibrio finanziario. Secondo i calcoli interni dell'esercito, il sovraccarico cronico nel settore IT potrebbe far lievitare i costi di 600 milioni di franchi svizzeri l'anno nei prossimi anni.

Il portavoce ha precisato che Süssli - lui stesso un informatico - ha avviato un piano informatico globale per l'intero settore della difesa. Lo strumento è destinato a migliorare l'individuazione precoce di possibili strozzature di personale e finanziarie.

Nuovo messaggio dal 2024 - Da parte sua, la responsabile del DDPS Viola Amherd ha presentato a giugno nuove procedure che renderanno gli acquisti "più efficienti, soprattutto in termini di tempo, qualità e costi". Nel 2024, per la prima volta, il parlamento riceverà un nuovo tipo di Messaggio sull'esercito per ogni legislatura. Il documento avrà un orizzonte temporale di 12 anni, conterrà in primo luogo i valori chiave per l'orientamento delle forze armate e per le sue capacità sulla base del Rapporto del Consiglio federale sulla politica di sicurezza. Saranno esposte anche le uscite per investimenti e le spese d'esercizio per le differenti capacità. I crediti d'impegno per il materiale militare - per progetti, rinnovo di mezzi e munizioni - saranno chiesti per quattro anni.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 05:53:04 | 91.208.130.87