20min/Carole Alkabes
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Anche Swissmedic sta valutando la pillola anti-Covid
Merck ha depositato una domanda di omologazione in Svizzera lo scorso mese di agosto
FOTO
ZUGO
11 ore
Sorpasso fatale per un motociclista
L'uomo si è scontrato contro un furgone e un'auto che circolavano nel senso opposto.
SVIZZERA
12 ore
Salari più bassi: «Risultati deludenti»
L'Unione sindacale svizzera commenta le cifre pubblicate oggi dall'Ufficio federale di statistica.
BERNA
13 ore
Certificato Covid, nuovi problemi con l'app
Attualmente si starebbero verificando sporadici malfunzionamenti nelle applicazioni in uso per la lettura dei QR Code.
FOTO
ARGOVIA
15 ore
Sbaglia la precedenza e finisce cappottato
Incidente spettacolare questa mattina in quel di Oftringen (AG)
SVIZZERA
16 ore
In Svizzera 3'297 contagi in settantadue ore
Nel corso del weekend si è reso necessario il ricovero per 49 pazienti Covid. Sono stati registrati quindici decessi
SVIZZERA
16 ore
Chi ha detto che gli over 55 se la passano male?
Il tasso di occupazione aumenta. E anche il riconoscimento professionale. Lo dice uno studio di Swisslife.
SVIZZERA
16 ore
«Il Tribunale federale non è un casinò»
Un comitato partitico prende la parola contro l'Iniziativa sulla giustizia in votazione il prossimo 28 novembre
SVIZZERA
17 ore
Le uscite vincolate riducono il margine di manovra
Per il 2022 la Confederazione prevede uscite pari a 78 miliardi di franchi
SVIZZERA
18 ore
La pandemia aggrava la situazione economica dei media
La pubblicità è in calo anche nell'online, per la prima volta dal 2014
SVIZZERA
17.09.2021 - 18:220

Test a pagamento: le reazioni dei partiti

Soddisfatto il PLR, mentre altri promettono battaglia

BERNA - Il PLR accoglie favorevolmente l'annuncio del Consiglio federale di volersi attenere alla sua decisione di rendere i test a pagamento dal primo ottobre per le persone asintomatiche. Verdi, Alleanza del Centro, UDC e Verdi liberali invece non ci stanno e promettono battaglia in Parlamento.

Il PLR è l'unico partito governativo a sostenere questa strategia del Governo. I test a pagamento costituiscono un incitamento a farsi vaccinare, così come l'estensione del certificato Covid, che porta sempre più persone a fare il grande passo, sottolineano i liberali-radicali in una nota. A loro avviso, la vaccinazione resta il solo modo di proteggersi contro il virus e quindi di evitare misure più restrittive.

Anche la decisione del Governo sull'introduzione di controlli in entrata sul territorio svizzero è positiva, secondo il PLR. Ciò soddisfa una richiesta dei liberali-radicali, che auspicavano l'obbligo di un test in assenza di un certificato.

Verdi: no a test a pagamento - Dal canto loro, i Verdi ritengono "incomprensibile" che il Consiglio federale stia prendendo tempo e che i test Covid diventino quindi a pagamento a partire dal primo ottobre. Gli ecologisti intendono "continuare a mettere la pressione" sul Governo durante la sessione autunnale affinché rimangano gratuiti.

I Verdi deplorano il fatto che il Consiglio federale non tenga conto del cambiamento di posizione osservato in seno al Parlamento. "Tale decisione è pericolosa da un punto di vista epidemiologico", aggiungono gli ecologisti.

Anche Centro e PVL per gratuità test - Anche l'Alleanza del Centro e i Verdi liberali avrebbero preferito che il Consiglio federale si fosse pronunciato per la gratuità dei test. Per la situazione epidemiologica e l'umore nel Paese è importante che essi continuino a rimanere gratuiti.

L'atmosfera nel Paese è tesa e il Consiglio federale temporeggia, ha dichiarato su Twitter il presidente del PVL Jürg Grossen. La popolazione ha bisogno di chiarezza e di sapere se dal primo ottobre i test saranno gratuiti o si dovrà pagare per farli. A suo parere, c'è bisogno di un periodo gratuito più lungo. Il tempo per prepararsi ai requisiti del certificato Covid è stato troppo breve, ha aggiunto.

Dello stesso avviso l'Alleanza di centro. Il partito di Gerhard Pfister propone inoltre che i test gratuiti potrebbero essere limitati a un determinato numero al mese o messi a disposizione soprattutto di giovani e giovani adulti, qualora continuassero ad essere gratis "per un certo periodo". Ciò permetterebbe di continuare a seguire lo sviluppo epidemiologico.

Per aumentare il numero di persone favorevoli al certificato Covid, c'è bisogno anche di altre misure come i test gratuiti. Ciò è essenziale, anche per poter diminuire i ricoveri negli ospedali.

UDC contenta dei controlli alle frontiere - Dal canto suo, l'UDC si dichiara soddisfatta per le nuove regole di controllo alle frontiere introdotte dal Consiglio federale. Il primo partito svizzero si dice tuttavia anche stupito del fatto che il Governo non abbia deciso di rendere gratuiti i test contro il coronavirus.

Per quanto riguarda i controlli alle frontiere, l'UDC ricorda come sia dal marzo 2020, che il partito abbia chiesto norme più severe per gli ingressi in Svizzera. I democentristi avrebbero voluto che anche i frontalieri fossero controllati ai confini per contrastare la pandemia di Covid-19.

Sui test a pagamento, l'UDC chiede che sia la Confederazione ad assumersi i costi, fintanto che vige l'obbligo certificato Covid.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-26 05:46:39 | 91.208.130.89