20min/Sonja Mulitze
SVIZZERA
07.09.2021 - 10:190
Aggiornamento : 13:14

Trasporti pubblici in ritardo? In sei mesi 8'600 richieste di risarcimento

Sono scattati il 1. gennaio 2021 i nuovi diritti dei viaggiatori. La maggior parte delle domande dovuta alla neve

BERNA - Se il treno o il bus arrivano a destinazione con più di un'ora di ritardo, i passeggeri hanno diritto a un'indennità del 25% del biglietto. Con un ritardo di oltre due ore, si parla del 50%. È quanto prevedono i nuovi diritti dei passeggeri, in vigore dal 1. gennaio 2021.

Nuovi diritti che nel primo semestre dell'anno hanno portato al versamento di quasi 74'000 franchi per ritardi del trasporto pubblico, come comunicato oggi da Alliance SwissPass. Sono infatti state presentate circa 8'600 richieste di indennità alle imprese del trasporto pubblico, di cui circa 6'800 erano giustificate (si tratta del 79%). Solo una domanda su cinque è stata respinta a causa di un ritardo insufficiente, di biglietti non validi o di un importo dell'indennità inferiore a cinque franchi.

Il maggior numero di richieste (4'300) è stato presentato a gennaio, quando ci sono state interruzioni dell’esercizio in molte località a causa delle forti nevicate.

Il numero di richieste è inferiore al volume previsto - spiega l'organizzazione - a causa della ridotta attività di viaggio dovuta alla pandemia e della buona puntualità nella prima metà del 2021.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 20:40:43 | 91.208.130.86