Immobili
Veicoli
keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
28 min
«È la fine della fase acuta, non della pandemia»
Alain Berset guarda al futuro con fiducia: «Credo che ora abbiamo una prospettiva che da molto tempo non era così buona»
GINEVRA
2 ore
Il jet d'eau si tingerà di viola e arancione
Il simbolo di Ginevra si colora per celebrare la terza giornata mondiale delle malattie tropicali neglette.
FRIBURGO
3 ore
Un frontale sulla strada ghiacciata provoca quattro feriti
A provocare l'incidente è stato un 87enne che ha invaso la corsia di contromano.
SAN GALLO
4 ore
Finisce fuori strada a causa di un capriolo
È successo ieri sera a Wittenbach (SG). Il conducente di 22 anni è stato portato in ospedale
LUCERNA
4 ore
Il reddito di base incondizionato per affrontare le sfide della società
La misura viene proposta da un comitato apartitico a Lucerna. Si tratterebbe di sperimentarla per tre anni
SVIZZERA
6 ore
Le polemiche sul nucleare agitano il PLR
I malumori andavano risolti “in casa”, secondo il presidente Thierry Burkart
SAN GALLO
6 ore
Un giovane ubriaco provoca la polizia
È stato fermato la scorsa notte a San Gallo. Aveva un tasso alcolemico dell'1,9 per mille
SVIZZERA
7 ore
Le parole di Berset dividono la popolazione
«Conosciamo troppo poco le conseguenze a lungo termine» ricorda Edith Leibundgut.
GINEVRA
15 ore
900 email da una cinquantina di indirizzi diversi: condannata una giovane stalker
La donna aveva preso di mira il suo ex e una sua insegnante nell'arco di diversi anni.
BERNA
17 ore
Un CovidPass valido tre mesi? La Svizzera è scettica
Il presidente di Swissnoso: «Ciò che serve è un allentamento delle misure e una riduzione delle quarantene»
ZURIGO
19 ore
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
21 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
SVIZZERA
26.08.2021 - 15:330

Organi umani "Swissmade" nello spazio

I ricercatori dell'università di Zurigo lanciano un esperimento senza precedenti nella stazione spaziale internazionale

ZURIGO - Con il prossimo volo di rifornimento diretto alla Stazione spaziale internazionale (Iss), lo Space Hub dell'università di Zurigo (UZH) e il gruppo europeo Airbus Defence and Space portano un esperimento nello spazio, che ha lo scopo di far progredire ulteriormente la produzione industriale di tessuto umano in condizioni di assenza di gravità.

Con questo passo, lo spazio potrebbe diventare un laboratorio per la produzione di organi umani in miniatura per uso terrestre nella ricerca e nella medicina. I primi test preparatori sulla Iss svolti 18 mesi fa hanno avuto successo.

Il processo per il progetto congiunto 3D Organoids in Space (organoidi in tre dimensioni nello spazio) viene dal professore di anatomia all'ateneo sulla Limmat Oliver Ullrich e dalla biologa, pure attiva all'UZH, Cora Thiel, pionieri nella ricerca su come la gravità influenza le cellule umane. Insieme ad Airbus, hanno sviluppato il processo fino alla maturità del progetto. Il team di Airbus Innovations guidato da Julian Raatschen sta sviluppando l'hardware e fornendo l'accesso alla Iss.

Fattibilità nello spazio - Dall'idea al primo test di produzione nello spazio, i partner del progetto hanno impiegato solo tre anni per completare varie fasi di test e procedure di selezione interna altamente competitive. «Siamo i primi a dimostrare che il percorso verso la produzione nello spazio è fattibile, non in teoria, ma in pratica», dice Ullrich, citato in un comunicato odierno dell'UZH.

I ricercatori stanno usando la microgravità nello spazio per far crescere tessuti tridimensionali simili a organi - i cosiddetti organoidi - da cellule staminali adulte umane. «Sulla Terra, gli organoidi tridimensionali non possono essere prodotti senza scheletri di supporto a causa della gravità», spiega Thiel.

Organoidi invece di modelli animali - Tali organoidi 3D sono di grande interesse per le aziende farmaceutiche: gli studi tossicologici potrebbero così essere condotti direttamente su tessuti umani senza la necessità di modelli animali. Gli organoidi cresciuti dalle cellule staminali dei pazienti potrebbero anche essere utilizzati in futuro come blocchi di costruzione per la terapia di sostituzione dei tessuti per gli organi danneggiati. Questo perché il numero di organi donati è lungi dall'essere sufficiente a soddisfare la domanda mondiale di migliaia di organi da donare.

La ricerca condotta nel marzo 2020, quando 250 provette contenenti cellule staminali umane hanno trascorso un mese sulla Iss, ha avuto molto successo: strutture differenziate di fegato, ossa e cartilagine simili a organi si sono sviluppate come previsto dalle cellule staminali del tessuto in microgravità a un'altitudine di 400 chilometri. Al contrario, le colture create sulla Terra, cresciute come controlli in condizioni di gravità normale, non hanno mostrato alcuna o solo una minima differenziazione cellulare.

Altre tappe prima della commercializzazione - Nella missione attuale, le cellule staminali dei tessuti di due donne e due uomini di età diverse vengono inviate nello spazio. Così facendo, i ricercatori stanno testando quanto sia solido il metodo quando si usano cellule di diversa variabilità biologica. Si aspettano che la produzione sia più facile e più affidabile in microgravità rispetto all'utilizzo di strutture di supporto per crescere sulla Terra.

«Attualmente, l'attenzione si concentra sui problemi di ingegneria della produzione e sul controllo della qualità». Per quanto riguarda la commercializzazione prevista, dobbiamo ora scoprire per quanto tempo e in che qualità possiamo mantenere gli organoidi cresciuti nello spazio in coltura dopo il loro ritorno sulla Terra", dice Ullrich, sempre citato nel comunicato. «Se avrà successo, la tecnologia potrà essere ulteriormente sviluppata e portata a maturità operativa. Airbus e lo Space Hub dell'UZH possono così dare un ulteriore contributo al miglioramento della qualità della vita sulla Terra attraverso soluzioni basate sullo spazio», dice dal canto suo il project manager di Airbus Raatschen. Il materiale campione tornerà sulla Terra all'inizio di ottobre. I primi risultati sono attesi da novembre.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-29 15:12:35 | 91.208.130.87