Immobili
Veicoli
Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 min
Cantoni: con più efficienza si risparmierebbero 11 miliardi
Ecco dove si può migliorare per quanto riguarda formazione, cultura, aiuto sociale e strade.
SVIZZERA
15 min
«Ci sono decine di spie russe a Ginevra»
Con la guerra in corso tra Russia e Ucraina è aumentato lo spionaggio, anche nel nostro Paese
SVIZZERA
1 ora
Muore per recuperare un aeromodello
Due gravi incidenti sulle montagne svizzere, questa domenica: a perdere la vita un 64enne ed una 75enne
SVIZZERA
2 ore
Attenti alle spie russe
Sono attive soprattutto a Ginevra, nelle missioni diplomatiche. Il Sic: «La minaccia informatica è in aumento»
SVIZZERA
16 ore
Perse le tracce di un rifugiato su tre
Nello svolgimento di un sondaggio tra le famiglie di accoglienza, il Canton Berna non è riuscito a trovare 338 persone
BERNA
17 ore
Sotto esame le email cancellate del ricatto di Berset
L'intento è quello di stabilire le circostanze che hanno portato all'eliminazione di alcuni messaggi
SVIZZERA
22 ore
Libero scambio di farmaci
Gli Stati Uniti e la Svizzera stanno lavorando a un'intesa sul settore dei medicamenti
SVIZZERA
23 ore
Dalla Russia con astuzia
Le Dogane segnalano 18 sospette violazioni delle sanzioni contro Mosca, ai confini elvetici
FOTO
SCIAFFUSA
23 ore
Auto esce di strada e finisce in sala da pranzo
Ferite lievi per il conducente, miracolosamente illesi gli abitanti della casa
SVIZZERA
1 gior
Chi gonfia i prezzi con la scusa dell'inflazione?
Secondo Mister prezzi Stefan Meierhans e l'economista Sergio Rossi i "furbetti" non mancano
SVIZZERA
12.08.2021 - 10:200

Salari più alti per superare la crisi: la proposta di Travail Suisse

L'organizzazione sindacale sollecita aumenti importanti in particolare per edilizia e sanità.

Lo scopo ultimo sarebbe incrementare il potere d'acquisto per far girare l'economia.

BERNA - Salari più alti sono importanti per superare l'attuale crisi. Ne è convinta l'organizzazione sindacale Travail.Suisse, che per il 2022 sollecita aumenti diversificati a seconda del settore: più forti per l'edilizia e la sanità, meno per la ristorazione.

Secondo Travail.Suisse, che ha presentato oggi a Berna assieme a Syna e a Hotel & Gastro Union le rivendicazioni salariali per il prossimo anno, il calo del numero di infezioni da Covid-19 e il rapido aumento del tasso di vaccinazione hanno permesso negli ultimi mesi di perseguire una strategia di apertura che ha migliorato notevolmente la situazione economica. Ora anche i dipendenti dovranno partecipare a questa ripresa: bisogna incrementare il loro potere di acquisto.

La Seco prevede per l'anno in corso una crescita del PIL del 3,6%. Questo compenserebbe più che bene la flessione economica dell'anno scorso dovuta alla pandemia: si è insomma tornati nuovamente al «livello pre-crisi», ma vi sono grandi differenze a seconda del settore. «Avanzare richieste salariali generali non è la soluzione appropriata: in questo momento è più che mai necessaria un'azione differenziata», si legge in una nota congiunta diffusa in occasione della conferenza stampa.

Concretamente ciò significa, tra le altre cose, che gli aumenti salariali saranno probabilmente rari nel settore della ristorazione, che è stato colpito duramente dalla pandemia di coronavirus. «Possiamo solo sperare che il settore esca più forte dalla crisi dopo la riforma strutturale in corso, in modo che i salari e le condizioni di lavoro possano gradualmente migliorare», spiega Urs Masshardt, direttore dell'Hotel & Gastro Union.

Sull'altro fronte vi è l'industria delle costruzioni, che ha superato la crisi in gran parte indenne. Qui, gli aumenti salariali sono possibili e necessari, hanno enfatizzato i sindacati.

Sanità: salari troppo bassi e poco personale - Dall'inizio della pandemia, la situazione spesso precaria del settore sanitario è stata ripetutamente portata all'attenzione pubblica e ciò si riflette anche nelle richieste avanzate dai sindacati. La carenza di personale qualificato è acuta, «e i salari hanno ristagnato troppo negli ultimi anni», sottolinea Mathias Regotz, responsabile della politica contrattuale di Syna, citato nella nota.

Anche le paghe nel commercio al dettaglio sono stati mantenuti a livelli troppo bassi per anni. «In questi settori ci dovranno essere assolutamente aumenti salariali dal tre al quattro per cento».

I peggiori scenari per il mercato del lavoro ventilati nella fase acuta della crisi non si sono concretizzati, tuttavia, la disoccupazione è ancora di circa un terzo superiore a prima della crisi: vi sono 35'000 senza lavoro in più. Inoltre, molti dipendenti hanno dovuto rinunciare a una parte del loro reddito a causa del lavoro ad orario ridotto. E l'inflazione crescente sta mettendo in pericolo il loro potere d'acquisto.

Crollo dei consumi privati - «Un adeguamento generale del costo della vita per tutti i dipendenti è necessario per mantenere il potere d'acquisto e sostenere il consumo privato», rileva Gabriel Fischer, responsabile della politica economica di Travail.Suisse. Gli aumenti in busta paga sono quindi importanti anche per superare più rapidamente la crisi.

Un grande bisogno di azione c'è pure per quanto riguarda gli stipendi delle donne. La legge riveduta sulla parità dei sessi esige un'analisi della parità salariale delle aziende con più di 100 dipendenti, tuttavia non vi sono controlli in materia. Travail.Suisse e gli altri sindacati hanno creato una piattaforma per garantire una maggiore trasparenza e chiedono a tutte le aziende di dimostrare che rispettano le disposizioni della legge.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-27 11:21:41 | 91.208.130.87