Immobili
Veicoli
20 Min / Carole Alkabes
ULTIME NOTIZIE Svizzera
NEUCHÂTEL
2 ore
Il branco aggredisce una 64enne
Un adolescente e due complici hanno colpito una donna con un sasso per poi rapinarla.
SVIZZERA
3 ore
Il Covid-19 non ferma il processo a Vincenz
Da domani l'ex presidente di Raiffeisen sarà alla sbarra per i reati (tra gli altri) di truffa e appropriazione indebita
VALLESE
4 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
4 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
VAUD
6 ore
Mormont, pene pecuniarie per gli attivisti
I cosiddetti "zadisti" erano accusati di violazione di domicilio e impedimento di atti dell'autorità
FOTO
SAN GALLO
8 ore
Sotto l'effetto di droga e alcol, ruba l'auto al compagno della madre
È successo domenica mattina a San Gallo. Il mezzo è stato abbandonato nelle vicinanze del domicilio
VALLESE
8 ore
Botte da orbi fuori dalla discoteca: due feriti
La rissa è scoppiata sabato mattina all'uscita di un locale di Sion.
SVIZZERA
8 ore
Un'inspiegabile impennata di epatite E
È stata registrata all'inizio del 2021. In tutto l'anno sono stati accertati 105 casi
ARGOVIA
8 ore
Alterco uomo-donna, 49enne gravemente ferito
La 32enne, che avrebbe usato violenza fisica sul malcapitato, è stata arrestata.
SVIZZERA
9 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
9 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
9 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
9 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
ZURIGO
10 ore
L’ospedale di Wetzikon premia i suoi infermieri
Il dieci per cento in meno di lavoro e salario invariato: questa la soluzione per far fronte alla carenza di sanitari.
SVIZZERA
11 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
VALLESE
11 ore
È morto l'escursionista travolto da una valanga venerdì
Il 72enne ricoverato in ospedale a Sion è deceduto ieri sera
SVIZZERA
12 ore
Aziende green e sostenibili? È una questione (soprattutto) di reputazione
Sembra essere questa la principale motivazione, secondo uno studio di Deloitte
SVIZZERA
13 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
21 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
23 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
SVIZZERA
08.07.2021 - 08:030
Aggiornamento : 10:09

Farmacie sull'orlo del collasso

Esplode la domanda di test rapidi antigenici per andare in vacanza o per entrare in discoteca.

Il grido d'allarme dei farmacisti svizzeri confrontati con migliaia di richieste al giorno e con la diminuzione dei rimborsi voluto dalla Confederazione. «Lavoriamo in perdita».

Fonte Daniel Graf Carla Pfister / 20 Minuten
elaborata da Adriano De Neri
Giornalista

BERNA - Molte farmacie svizzere si trovano sull'orlo del baratro. Il motivo? Sempre più cittadini stanno prenotando dei test rapidi antigenici per andare in vacanza o per entrare in discoteca. Un enorme aumento della domanda che coincide pure con la decisione della Confederazione di diminuire da 54 a 47 franchi il rimborso massimo del test effettuato in farmacia. 

Nel canton Argovia questo ha portato diverse farmacie a non offrire più il tampone rapido. «Il sovraccarico di richieste, la mancanza di personale, lo stress e l'abbassamento del contributo statale, oltre all'attività quotidiana, ha portato molte farmacie a dire basta», precisa a 20 Minuten il presidente dell'Associazione dei farmacisti argoviesi Lukas Korner.

Tutto esaurito - La decisione dei farmacisti argoviesi ha avuto ripercussioni anche nel vicino canton Zurigo. «Siccome molte farmacie non offrono più questo test, i clienti argoviesi vengono da noi a effettuarlo», sottolinea la presidente dei farmacisti zurighesi Natalia Blarer. Nella sua farmacia sull'Europaalle attualmente possono testarsi immediatamente solo le persone con sintomi. «Per tutte le altre categorie abbiamo una lunga lista d'attesa a causa delle numerosissime prenotazioni». 

«Come uno schiaffo in faccia» - Il fatto che il Governo abbia deciso di abbassare il rimborso per i test-antigenici è equiparabile a «uno schiaffo in faccia» per la farmacista. «Il tampone vero e proprio per il quale possiamo addebitare i soldi si fa in fretta. Ma da lì a ricevere il codice QR c'è dietro un grande lavoro amministrativo». Il rimborso di 47 franchi, insomma, non basta. «Con quella cifra non ci converrebbe eseguire quei test», deplora Blarer. «Continuiamo a farli solo perché vogliamo dare il nostro contributo per superare la crisi».

«Nessuno ci ha preso sul serio» - «È una catastrofe», afferma Claudia Meier-Uffer, amministratrice delle farmacie Rotpunkt di Gossau e presidente dell'Associazione di San Gallo e Appenzello. «Le farmacie sono subissate di richieste di test. Molte ormai non prendono più riservazioni, mentre il personale è costretto a fare i salti mortali». Una situazione che per Meier-Uffer era facilmente prevedibile. «Avevamo già lanciato un grido d'allarme, ma nessuno ci ha preso sul serio. Ora siamo sull'orlo del collasso».

Altri potrebbero seguire Argovia - Anche Pharmasuisse non riesce a capacitarsi di questa riduzione dei prezzi. «Ogni abbassamento del prezzo porta a un peggioramento della copertura dei costi», precisa l'organizzazione mantello dei farmacisti svizzeri. «La pressione è enorme. La maggior parte delle farmacie è confrontata con turni doppi e notturni da più di un anno. Non possiamo di certo escludere che altre farmacie seguiranno presto l'esempio di Argovia e non offriranno più test in futuro».

«Costi coperti» - La Confederazione, però, la vede in maniera totalmente differente. Secondo Jonas Montani dell'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), infatti, «la remunerazione per le analisi sui tamponi antigenici Sars-CoV-2 coprano ancora i costi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 6 mesi fa su tio
Cos'è la pazzia umana in confronto a un virus influenzale! Le nuove religioni saranno pandemie e cambiamenti climatici.
egi47 6 mesi fa su tio
Oramai la sanità Svizzera é allo sbando totale, li fa incassare soldi senza fare niente, se devono fare qualche piccolo sforzo, poverini si stressano. Sui medicinali di un povero disgraziato malato hanno un margine minimo del 30-40% e in più si sono inventati pure la partecipazione spese. Solo i ristoratori Italiani fanno come loro, per imbrogliare la gente fatturano il cosiddetto coperto.
Wunder-Baum 6 mesi fa su tio
domani vado a prendere i test e se non ci sono spachi su tutt
vulpus 6 mesi fa su tio
Che sia tanto o poco , ognuno avrà i suoi costi per la propria farmacia. Evidentemente l'attività primaria di una farmacia non sono i tamponi. Si fa in fretta a dire ci ho messo 10 minuti. Si ma poi c'è un lavoro amministrativo, che richiede attenzione e responsabilità: l'utente si aspetta un risultato veloce , affidabile e preciso. Evidentemente c'è però qualcosa che non funziona. È normale che tutti questi cittadini d'un tratto necessitano dei tamponi? Chi si è vaccinato non ne necessita più. E allora ci siamo al collo di bottiglia di chi vuole la "sua libertà di decidere". Fanno bene i farmacisti a rifiutare questa attività. E la confederazione ancor più dovrebbe procedere all'incasso della prestazione invece di farla gratuitamente.
Scigu 6 mesi fa su tio
I soliti farmacisti senza vergogna. Il tempo di lavoro necessario arriva al massimo a 5/7 minuti, visto che mentre il reagente “lavora” il/la dipendente può fare altro. Poi, “lavoro amministrativo”? I dati per il rilascio del codice qr sono già nel sistema, visto che il 90% delle prenotazioni va fatto via internet, quindi basta schiacciare un tastino e stampare…
aleddgg 6 mesi fa su tio
Boh ma non capisco ogni anno paghiamo sempre di più, da inizio pandemia siamo sull’orlo del baratro ma i soldi continuano ad esserci, boh qualche dubbio penso ci possa stare
seo56 6 mesi fa su tio
Le farmacie ci lucrando i cittadini pagano! Assurdo fare i test gratis per quelli che vanno in vacanza! Se lo pagassero loro e non i contribuenti 😡😡😡😡
Duca72 6 mesi fa su tio
Ringraziate i non vaccinati
Gio58 6 mesi fa su tio
@Duca72 L'avranno ormai ripetuto tutti fino alla noia, anche i vaccinati sono contagiosi!! Forse le era sfuggito.
emib53 6 mesi fa su tio
Io ho fatto un tampone rapido in farmacia e iltempo totale di lavoro, visto che il tampone è lo stesso di quello che si ottiene gratis e che probabilmente viene dato gratis anche alle farmacie, sarà stato di una decina di minuti e quindi mi pare che perfino 47 franchi siano troppi. Do anche credito alla confederazione che se ha deciso la diminuzione, avrà dati sui costi, mi infastidisce questo modo di fare allarmistico.
Um999 6 mesi fa su tio
Secondo me sta solo esplodendo il loro guadagno.
Tato50 6 mesi fa su tio
@Um999 A parte che è gratuito, pagato dalla Confederazioni, e hai diritto a una confezione da 5 al mese. Chiaramente le Farmacie in parte saranno rimborsate ma se c'è domanda ......................
Um999 6 mesi fa su tio
@Tato50 No Tato, non è del tutto corretto, il PRC é a pagamento e chi è vaccinato lo paga pure. I 5 test che dici tu sono quelli fai da te e non hanno valenza ufficiale o per viaggi all’estero. Credimi che i guadagni sono tanti, naturalmente non mi permetto di fare i conti in tasca a nessuno.
Bibo 6 mesi fa su tio
@Tato50 Quelli gratuiti "fai da te" che puoi anche ordinare a casa non valgono per andare all'estero, ci vogliono appunto quelli fatti in farmacia che costano... Soluzione semplicissima: la confederazione rimborsa "solo" 47.-? fateli pagare 100, il resto ce lo mette chi lo vuole per andare a divertirsi-vacanza. Mi risulta che alcune fanno già così...
Tato50 6 mesi fa su tio
@Bibo Scusa Bibo; mi sono confuso con quelli che ho preso tanto per provarli. Ho già fatto le due vaccinazioni e sul cellulare l’apposita applicazione mentre a moglie l'ha cartacea. Ho voluto provare quello e se mi uscivano due linee rosse erano cavoli amari ;-)) Comunque mi sono confuso e chiedo venia ;-))
Bibo 6 mesi fa su tio
@Tato50 Ma figurati, errare è umano no? ;-)
Tato50 6 mesi fa su tio
@Um999 Chiedo venia ! Io sono vaccinato e ho anche il certificato sul cellulare e mia moglie cartaceo. Pensavo si trattasse dei 5 test che mi son fatto dare più per curiosità e ho provato come funzionavano. Per fortuna è uscita una lineetta sola ;-)) Ho capito di quale parli, quindi Pardon ;-))
Gus 6 mesi fa su tio
Poverini. Lavorano in perdita? Certo che non si può sempre aggiungere alla cassa malati 7-8 franchi per prestazioni indefinite fornendo un medicinale ripetitivo di 20 franchi. Quando si guadagna molto facilmente, poi ci si lamenta se si guadagna leggermente meno. Farmacisti come Suter!
Tato50 6 mesi fa su tio
@Gus È gratuito, pagato dalla Confederazione, e non viene fatturato dalle CM. Quindi a volte tacer ......................
Tato50 6 mesi fa su tio
@Gus Scusa Gus, ho confuso il tipo di tampone e quindi chiedo perdono ;-))
Ala 6 mesi fa su tio
a 40 li faccio io, pezzenti!
pillola rossa 6 mesi fa su tio
«Lavoriamo in perdita» barza
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 20:56:49 | 91.208.130.86