keystone
BERNA
04.07.2021 - 16:490

L'Esercito non ha abbastanza cuochi e si rivolge ai privati

Mancano circa 70 chef e circa 150 cuochi di truppa.

Il problema non è nuovo, ma nessun miglioramento è in vista.

BERNA - L'Esercito svizzero ha un disperato bisogno di cuochi, a tal punto che una parte delle reclute che entreranno in servizio domani saranno supportati da ristoratori privati. Un portavoce del Dipartimento federale della difesa (DDPS) ha confermato un'informazione pubblicata oggi dalla "NZZ am Sonntag".

Mancano circa 70 chef e circa 150 cuochi di truppa. Il problema non è nuovo, ma nessun miglioramento è in vista.

L'esercito spiega questa situazione con il fatto che sempre più donne stanno imparando il mestiere di cuoca e sempre più stranieri lavorano nella ristorazione, due categorie che non sono tenute al servizio militare.

Stando al domenicale, da ormai alcuni anni l'esercito recluta soltanto persone provenienti da mestieri della ristorazione o dell'alimentazione per i posti di cuoco, macellaio e panettiere. Sono così operativi già dal primo giorno.

In otto siti militari, si è dovuto ricorrere a ristoratori privati, stando a un portavoce del DDPS. Questi prepareranno i pasti direttamente nelle cucine delle caserme.

Questa situazione suscita critiche negli ambienti militari. "Se l'esercito non può sostenere le sue truppe indipendentemente dai fornitori di servizi civili, la sua capacità a resistere in caso di crisi non è più garantita", ha dichiarato l'Associazione svizzera dei furieri, che chiede di impiegare anche soldati neofiti. L'esercito ha quindi intrapreso questa strada e ha creato la funzione di soldato della logistica di cucina.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
dan007 3 mesi fa su tio
I militari devono a rotazione lavorare nelle cucine con un formatore questo li aiuterà nella vita di tutti i giorni cibo fresco e sano
Booble63 3 mesi fa su tio
Ai miei tempi in cucina ci mettevano anche i muratori.. 😎
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@Booble63 Ai tempi attuali c'è la fila d'ispettori per controllare l'igiene della cucina. In pratica chi mangia nuota nel fango in piena caduta santi mentre in cucina, guai se c'è un filo di polvere.
Cane93 3 mesi fa su tio
Io problema è che nessuno vuole andare andare a fare il cuoco. Sono andato una settimana ad aiutare i cuochi e ho detto mai più! Inizi presto la mattina e finisci tardi la sera. Lavori 13-14 ore. Prepari, servi, lavi i piatti e appena finisci tutto e ora di ricominciare
M70 3 mesi fa su tio
i giovani non intraprendono la formazione di cuoco xchè non hanno nessuna chance di assunzione visto che viene prediletto il personale estero!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 09:50:08 | 91.208.130.86