Immobili
Veicoli
Deposit (immagine illustrativa)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
4 ore
Il 2G in pista non ferma gli sciatori
La regola vale nel comprensorio internazionale di Samnaun. E le presenze non mancano
ZURIGO
4 ore
Investì una poliziotta, 11 anni di carcere per un 20enne
L'intenzionalità, nella manovra, ci sarebbe stata, ha stabilito il Tribunale distrettuale zurighese.
SVIZZERA
8 ore
La donazione di organi ha un problema di sicurezza
Chiunque può iscrivere altre persone al registro nazionale di Swisstransplant. Avviata una procedura di accertamento
ZURIGO
9 ore
Il booster funziona bene
Nuovi dati mostrano come la terza dose garantisca tassi di mortalità e ospedalizzazione significativamente inferiori
BASILEA CITTÀ
10 ore
Un'altra lettera sospetta al dipartimento della Sanità di Basilea
L'intervento degli specialisti (bardati di tutto punto) ha escluso la presenza di materiali pericolosi.
BERNA
10 ore
Tifosi senza mascherina, nessun aumento dei contagi
È quanto constatano le autorità sanitarie cantonali di Berna dopo la Coppa del Mondo di sci ad Adelboden
NEUCHÂTEL
12 ore
Rapina a La-Chaux-de-Fonds, arrestati due sospettati
I due presenti autori del colpo avvenuto lo scorso 18 ottobre sono stati posti in detenzione preventiva.
SVIZZERA
13 ore
Tutto tranquillo nelle centrali atomiche elvetiche
Sono ventidue gli eventi nucleari o radiologici di lieve entità segnalati nel 2021.
SVIZZERA
13 ore
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
SVIZZERA
27.05.2021 - 16:590

Le vittime del nazismo potrebbero avere il loro memoriale in Svizzera

Per il Consiglio federale è fondamentale «mantenere viva la memoria» su questo periodo nerissimo della storia.

Centinaia di cittadini rossocrociati persero la vita sotto il giogo nazionalsocialista.

BERNA - Anche la Svizzera potrebbe avere il proprio memoriale per le vittime del nazionalsocialismo al fine di aumentare la consapevolezza dell'importanza della democrazia e dello Stato di diritto, soprattutto tra i giovani.

Un progetto in tal senso verrà elaborato assieme ai Cantoni, ha spiegato oggi il Consiglio federale che raccomanda al parlamento di adottare due mozioni identiche sul tema inoltrate da Alfred Heer (UDC/ZH) e Daniel Jositsch (PS/ZH).

Anche il governo, si legge nella risposta pubblicata oggi alle mozioni dei sue parlamentari, è consapevole dell'importanza di sensibilizzare la popolazione alle drammatiche conseguenze del nazionalsocialismo, in particolare dell'Olocausto e del tragico destino di tutte le sue vittime, di cui intende mantenere viva la memoria. Ciò vale in particolare per le giovani generazioni.

Pertanto è favorevole alla creazione di «un memoriale svizzero». Il Dipartimento federale degli affari esteri, in collaborazione con gli altri dipartimenti interessati - in particolare quello dell'economia, della formazione e della ricerca e dell'interno - e con la partecipazione dei Cantoni coinvolti presenterà al Consiglio federale alcune opzioni per la realizzazione di un simile memoriale in Svizzera, proponendo anche forme di comunicazione adeguate.

Il 25 maggio scorso, in una petizione indirizzata al Consiglio federale, circa 150 personalità, tra cui l'ex consigliera federale socialista Ruth Dreifuss - prima persona di religione ebraica eletta in governo - e circa 30 organizzazioni, avevano chiesto l'erezione di un memoriale per le vittime, tra cui centinaia di svizzeri, del nazionalsocialismo.

La creazione artistica, sostenuta dall'Amitié judéo-chrétienne en Suisse, dall'Organizzazione degli Svizzeri all'estero, dalla Federazione svizzera delle comunità israelite, dal Centro per gli studi ebraici dell'Università di Basilea e dall'Archivio per la storia contemporanea del Politecnico federale di Zurigo, vuole onorare le vittime del nazismo, ma anche coloro che si adoperarono per aiutare i perseguitati e che per questo ebbero problemi con la giustizia.

Tra le vittime del nazismo perite nei campi di concentramento si contano anche numerose persone, specie donne, che per matrimonio persero la nazionalità svizzera. Di recente, la casa editrice NZZ Libro ha dato alle stampe il volume, dal titolo emblematico, "Die Schweizer KZ-Häftlinge. Vergessene Opfer des Dritten Reichs", in cui si fa stato di centinaia di persone - donne, uomini, bambini, ebrei, socialisti, omosessuali, testimoni di Geova, membri della resistenza o esponenti delle minoranze etniche romanì come i Sinti e i Roma - rinchiuse nei campi di concentramento. Il sostegno da parte delle autorità elvetiche dell'epoca fu sovente timido, se non assente.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ro 7 mesi fa su tio
Perché no ? Solo che si poteva fare molto prima.
pillola rossa 7 mesi fa su tio
La stampa statunitense scriveva dell'olocausto di 6 milioni di ebrei molto prima dell'avvento di Hitler. Di questo è meglio non parlarne.
seo56 7 mesi fa su tio
🤐🤐🤐
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-19 03:43:14 | 91.208.130.89