Regeneron Phamaceuticals
SVIZZERA
17.05.2021 - 20:150
Aggiornamento : 23:38

Il cocktail anti-Covid è arrivato in Svizzera (anche in Ticino)

Sono state consegnate le 3'000 dosi ordinate dalla Confederazione

Il trattamento permetterà di evitare l'aggravarsi della malattia in soggetti a rischio: «È un farmaco che farà la differenza»

Fonte 20 Minuten / Pascal Michel
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - Il cocktail di anticorpi sviluppato da Roche e Regeneron riduce del 70% il rischio di ospedalizzazione o di morte dei pazienti affetti da Covid-19. Per l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), il trattamento che si basa sulla combinazione di casirivimab e imdevimab è quindi «molto promettente». E lo scorso aprile aveva annunciato l'ordinazione di 3'000 dosi. Un comunicato stampa spiegava che i primi trattamenti saranno disponibili a metà maggio 2021 per alcuni gruppi di pazienti a rischio. La consegna è avvenuta nei tempi previsti: «Erano state ordinate 3'000 dosi, che sono ora arrivate in Svizzera. Primi ospedali hanno già ricevuto la fornitura richiesta» conferma un portavoce dell'UFSP interpellato da 20 Minuten.

Contro lo sviluppo di una forma grave della malattia - «Per noi questi medicamenti sono molto importanti per evitare lo sviluppo di una forma grave della malattia» afferma Philip Tarr dell'Ospedale cantonale di Basilea Campagna. E spiega che il trattamento di Roche sarà somministrato a persone non ricoverate. «Ogni giorno al pronto soccorso vediamo pazienti col Covid che non hanno bisogno di ossigeno e che sono in buone condizioni di salute». Si tratta di persone che vengono rimandate a casa. «Ed è proprio in questi casi che entrerà in gioco il cocktail di anticorpi». Secondo Tarr, potrebbe venire impiegato anche da medici di famiglia. È comunque fondamentale, aggiunge Tarr, non soltanto che il farmaco sia disponibile ma anche che venga somministrato per tempo. «Non possiamo aspettare che i pazienti vengano ospedalizzati in pessime condizioni. A quel punto potrebbe ormai essere troppo tardi per il cocktail».

Chi riceverà il cocktail? - Ma chi riceverà il cocktail di anticorpi? Una strategia è stata elaborata dal gruppo Clinical Care della Covid-Taskforce in collaborazione con la Società svizzera di malattie infettive (SSI). «Stiamo attualmente lavorando per consentire una distribuzione equa e regolare della terapia» afferma Nicolas Müller dell'Ospedale universitario di Zurigo, responsabile del gruppo Covid in seno alla SSI. L'attenzione si concentra sulle persone che hanno contratto il coronavirus e che rischiano un decorso grave. «Il paziente tipo è un 55enne che ha già avuto un infarto o malattie pregresse gravi» spiega ancora Müller. Gli anticorpi vanno somministrati preso, entro cinque giorni dai primi sintomi.

Per ogni cantone, i medici cantonali hanno determinato quali strutture saranno rifornite con il trattamento. In Ticino - come riferisce la RSI - si tratta dei sette ospedali EOC e della Clinica Moncucco. E anche nel nostro cantone alcune dosi sono già disponibili.

I medici daranno il farmaco ambulatorialmente e disporranno anche di piccole scorte. «Il cocktail viene miscelato in loro e somministrato tramite infusione». Müller osserva, inoltre, che attualmente nelle cure intense ci sono persone che avrebbero potuto evitare un aggravamento della malattia se avessero avuto a disposizione tale terapia. «Pensiamo che questo farmaco possa fare la differenza».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-24 12:04:44 | 91.208.130.85