Immobili
Veicoli
keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Migliaia di certificati Covid non saranno più validi
La validità dell'attestazione sarà ridotta a 270 giorni. La misura toccherà chi si è vaccinato prima del 6 maggio 2021
ARGOVIA
4 ore
Cadavere nella grotta, i genitori dell'omicida: «Resta sempre nostro figlio»
Il 22enne, che rischia oltre 16 anni di carcere, sta già scontando anticipatamente la pena.
VAUD
6 ore
«Fosse stato bianco sarebbe ancora vivo»
Circa sei mesi fa un uomo è stato ucciso da un poliziotto a Morges
SVIZZERA
6 ore
La gestione del lupo è efficace
Secondo uno studio, l'abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le uccisioni di bestiame
SVIZZERA
7 ore
Una falla di sicurezza nel portale clienti di AutoPostale
Tra maggio 2021 e gennaio 2022 oltre 1'700 dati non erano protetti. Ora il problema è stato risolto
SVIZZERA
9 ore
Nel 2021 la terra ha tremato oltre mille volte
Tre sismi su suolo elvetico hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 4.0: «Un numero più alto del solito».
SVIZZERA
10 ore
Lavoro ridotto, Berna proroga le misure fino a marzo
Il Consiglio federale ha adeguato l'ordinanza Covid-19 a sostegno delle imprese
BERNA
11 ore
Strade nazionali: 8,4 miliardi per il 2024-2027
Per cinque progetti di ampliamento in fase avanzata il Consiglio federale domanda inoltre lo sblocco di 4,3 miliardi
SVIZZERA
12 ore
Record assoluto di casi in Svizzera: oltre 43mila in 24 ore
In discesa, con il 24,9%, il tasso di occupazione dei pazienti Covid in terapia intensiva.
ZURIGO
13 ore
Nessuna settimana dei "super contagi": «Le misure vanno revocate»
La Task Force aveva previsto una «settimana di super infezioni» per la fine di gennaio.
SVIZZERA
13 ore
AI: «Gravi lacune nelle perizie degli esperti»
Secondo Inclusion Handicap le valutazioni vengono fatte con l'obiettivo di evitare il versamento dell'invalidità.
SVIZZERA
13 ore
Anche Beat Stocker respinge tutte le accuse
Coimputato a processo Vincenz, l'ex numero uno di Aduno: «Non mi sono arricchito con quegli investimenti occulti».
SVIZZERA
14 ore
Giro di vite sul commercio illegale di animali e piante protetti
Dal prossimo 1. marzo si rischiano fino a cinque anni di carcere. Lo ha deciso il Consiglio federale
BERNA
29.04.2021 - 12:390
Aggiornamento : 14:58

Legge CO2: alcuni esponenti dello Sciopero per clima sono per il "no"

La norma sarebbe «fatale» poiché rende irraggiungibile qualsiasi politica climatica sociale e coerente

Il comitato, che aveva promosso il referendum contro la legge, è composto di gruppi regionali, soprattutto romandi, dello Sciopero per il clima e di altre organizzazioni

BERNA - Il comitato per un'ecologia sociale, una costola del movimento Sciopero per il clima, ha lanciato oggi la sua campagna contro la Legge sul CO2 in votazione il prossimo 13 giugno. La norma è "fatale" poiché rende irraggiungibile qualsiasi politica climatica sociale e coerente, sostengono questi ambientalisti.

Contro la legge è stato lanciato con enorme successo un referendum: un comitato economico interpartitico, sostenuto dall'UDC, per cui le misure sono eccessive, ha raccolto 110'000 firme (ne bastavano 50'000). Altre 7000 sottoscrizioni provengono dal comitato per un'ecologia sociale, che combatte la norma per ragioni diametralmente opposte.

Il comitato è composto di gruppi regionali, soprattutto romandi, dello Sciopero per il clima e di altre organizzazioni. Raccomandando un no, intende mostrare una terza via, «un'alternativa necessaria e urgente a due campagne (quella dei sostenitori della legge e quella del comitato referendario economico) senza prospettiva», si legge in un comunicato.

Con la loro raccomandazione di voto, questi attivisti sono in contrasto con altri scioperanti per il clima e con organizzazioni ambientaliste come Greenpeace e WWF, che invece si schierano per la Legge federale sulla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra (Legge sul CO2).

Gli obiettivi fissati da questa norma sono assolutamente insufficienti sotto tutti i punti di vista, ritiene il comitato. La norma si basa su una dichiarazione d'intenti per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, ma anche i suoi sostenitori ammettono che le misure proposte nella legge non permetteranno di raggiungere questo obiettivo.

Ciò è tanto più problematico in quanto la neutralità nelle emissioni di CO2 entro il 2050 è tutt'altro che sufficiente: per avere il 66% di possibilità di non superare un riscaldamento globale di 1,5 gradi centigradi, la Svizzera deve raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2030.

«Continuare a inquinare» - In secondo luogo, la legge si concentra sulle compensazioni piuttosto che sulle riduzioni, critica il comitato. Ciò equivale a dare ai grandi inquinatori la possibilità di continuare a immettere CO2 nell'atmosfera. Potranno comprare all'asta diritti di emissione di gas a effetto serra, mentre le piccole imprese, che non hanno gli stessi mezzi, dovranno per forza puntare sulle riduzioni.

Inoltre, la legge stabilisce che un quarto della riduzione delle emissioni può essere ottenuta attraverso compensazioni all'estero. «Non solo la Svizzera non riesce a far fronte alla sua responsabilità storica e attuale per le emissioni globali, ma si affida a programmi di compensazione all'estero che si sono dimostrati inefficaci», ha detto Mattia De Lucia, un attivista di Zurigo, durante una conferenza stampa diffusa in linea.

Legge antisociale - Il comitato critica anche il fatto che la legge si concentra sul trasporto privato motorizzato ad alte emissioni, soggetto a standard di efficienza ridicoli.

Le tasse previste nella Legge sul CO2 poi sono antisociali, poiché graveranno maggiormente sulle famiglie a basso reddito, deplorano gli ambientalisti. Il loro potenziale di incentivazione non funzionerà poiché non sono abbastanza elevate per scoraggiare le famiglie ricche dal viaggiare spesso in aereo o dall'acquistare auto altamente inquinanti. Così, queste tasse falliscono nel loro obiettivo e rafforzano le disuguaglianze sociali, ritiene il comitato referendario.

«Cambiamo il sistema» - «I Verdi e il PS promettono che la Legge sul CO2 potrà essere migliorata più tardi», affermano gli attivisti. Ma se il parlamento fosse in grado di farlo, avrebbe già attuato questi miglioramenti nella norma attuale, sostengono.

Un no alla legge è quindi necessario per stabilire un nuovo equilibrio di potere. «Il nostro orizzonte politico non è una maggioranza parlamentare: è una mobilitazione diversa e massiccia che ci preparerà a uno sciopero generale per il clima e la giustizia sociale».

Agli occhi degli attivisti, questo è l'unico strumento politico con cui il popolo ha potuto finora ottenere «vere vittorie». È così che va inteso lo Sciopero per il futuro, il prossimo grande passo del movimento di Sciopero per il clima, previsto per il 21 maggio.

Secondo il comitato, ci sono innumerevoli approcci e misure diverse dalla Legge sul CO2 che possono essere utilizzati per affrontare la crisi climatica in modo socialmente giusto: ad esempio la creazione di un fondo per il clima per finanziare una trasformazione ecosociale, il divieto di investimenti in settori dannosi per il clima, l'abolizione di allevamenti industriali e la transizione verso un'agricoltura locale a bassa emissione di CO2 con metodi di agricoltura rigenerativa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 01:39:19 | 91.208.130.89