20min/François Melillo (immagine illustrativa)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
1 ora
Una gestione familiare dietro il gruppo "Stiller Protest"
Nessun estremista di destra o commercianti arrabbiati. Solo due genitori e una figlia con le proprie convinzioni
SVIZZERA
2 ore
Una nuova generazione di mafiosi si sta insediando in Svizzera
È quanto rileva e riferisce la fedpol. Usano la piazza finanziaria svizzera per il riciclaggio di denaro
SVIZZERA
7 ore
In arrivo altre otto milioni di dosi di vaccino
«L'obiettivo di offrire a tutti almeno il primo vaccino entro la fine di luglio resta realistico», assicura Berna.
FOTO
ZURIGO
8 ore
«Viaggi senza quarantena per chi è vaccinato o guarito»
Ecco le richieste che aviazione e turismo hanno consegnato oggi al presidente della Confederazione Parmelin
SVIZZERA
9 ore
Il sistema di pagamento svizzero al riparo dai cyberattacchi
Con la pandemia che ha accelerato la digitalizzazione dell'economia, i rischi sono aumentati
SVIZZERA
9 ore
Coronavirus: aumento dei nuovi contagi dopo Pasqua
Ticino e Grigioni si situano sotto la media nazionale, con rispettivamente 124,3 e 158,3 casi ogni 100'000 abitanti
BERNA
9 ore
In una perquisizione, spuntano 110 chili di marijuana
Nel Canton Berna sono state arrestate quattro persone. Il valore della sostanza di aggira attorno al milione di franchi
SVIZZERA
9 ore
Lonza firma un accordo con Immunitas Therapeutics
Si tratta di una collaborazione per lo sviluppo e la produzione di un nuovo trattamento contro il cancro
SVIZZERA
9 ore
Allevamenti di pollame: a Ginevra scattano le restrizioni
Si tratta di misure adottate per prevenire la diffusione dell'influenza aviaria rilevata oltre frontiera
SVIZZERA
9 ore
Tutti contenti, o quasi. L'epidemiologo: «Berna mi ha stupito»
Parla il bernese Christian Althaus, che in gennaio aveva lasciato la task force. «Così corriamo un grande rischio»
ZUGO
10 ore
Caduta letale dalle scale
La vittima di un'incidente avvenuto nel Canton Zugo è un 78enne
SVIZZERA
07.04.2021 - 07:300
Aggiornamento : 12:18

Ecco perché ora muoiono meno persone del previsto

Dalla metà di febbraio in Svizzera si registra una sottomortalità. Una situazione dovuta soprattutto alla seconda ondata

E a fronte di questi dati, si riaccende il dibattito politico sugli allentamenti

Fonte 20 Minuten / Daniel Graf e Leo Hurni
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - Con la pandemia, nel 2020 in Svizzera sono morte più persone del solito. Una sovramortalità che, durante la prima e la seconda ondata, ha interessato soprattutto gli over 65. In questa fascia d'età è stato osservato un aumento dei casi di decesso del 65-70% superiore alla media a lungo termine attesa, come scrive l'Ufficio federale di statistica (UST).

Ma ora la situazione è cambiata. Se durante l'ultima settimana del 2020 sono ancora morte 1'989 persone con più di 65 anni, nella dodicesima settimana di quest'anno sono 999. Esattamente tre mesi fa in una settimana si constatava quindi il doppio dei decessi. «Nel periodo compreso tra il 15 febbraio e il 28 marzo sono stati registrati finora circa 1'090 decessi in meno del previsto» si legge ancora nel più recente rapporto dell'UST.

«Vite accorciate di qualche settimana» - Una sottomortalità nel pieno della pandemia che trova due spiegazioni. L'UST scrive: «Delle circa 8'380 persone di età uguale o superiore a 65 anni decedute in più nella seconda ondata di Covid-19, alcune erano probabilmente in condizioni di salute così precarie che la loro vita si è accorciata solo di qualche settimana». Ossia: una parte delle persone che sono morte durante la seconda ondata sarebbe probabilmente morta comunque qualche settimana dopo.

Secondo Thomas Steffen, membro del consiglio dell'Associazione dei medici cantonali, avrebbero un ruolo anche le misure protettive e igieniche che sono state adottate per fare fronte alla pandemia: «Senza dubbio hanno contribuito all'attuale sottomortalità. È probabile che la mancata ondata influenzale abbia portato a un calo dei decessi».

«Il virus può ancora innescare una terza ondata» - Il fenomeno della sottomortalità non è comunque nuovo al termine di una pandemia, afferma ancora Steffen. «Ma purtroppo non siamo ancora arrivati alla fine». A questo punto, per il futuro sviluppo del tasso di mortalità un fattore decisivo è quanto riusciamo a tenere sotto controllo la pandemia con provvedimenti e vaccinazioni. «Il coronavirus ha ancora la capacità d'innescare una terza ondata. Ora bisogna evitare un nuovo periodo di sovramortalità».

In vista di una terza ondata, non manca la speranza: «Non c'è dubbio che il fatto di aver vaccinato le persone più anziane e quelle con malattie croniche permetterà di registrare, in queste categorie, meno morti che nella prima e nella seconda ondata» dice Steffen. Lo si osserva, al momento, sul fronte delle ospedalizzazioni: non c'è un aumento dei ricoveri tra gli over 70, nonostante i contagi stiano crescendo.

La sottomortalità riaccende il dibattito politico - I casi accertati di coronavirus aumentano, ma muoiono meno persone. Una situazione, questa, che riaccende il dibattito politico sugli allentamenti: «Questi numeri dimostrano che gli attuali provvedimenti non sono più sostenibili» afferma Therese Schläpfer, consigliera nazionale UDC e membra della Commissione della sanità. «Sempre più persone a rischio sono vaccinate. Mentre chi non è a rischio, può ancora proteggersi. Ma non è necessario che tutta la popolazione sia in lockdown».

La vede diversamente la deputata Katharina Prelicz-Huber (Verdi): «Si potrà parlare di riaperture quando saranno effettuati sufficienti test e quando sarà vaccinata quella parte di popolazione che lo desidera. Ci troviamo di fronte a una sottomortalità, ma il numero di casi giornalieri resta comunque molto alto». Per spingere le persone a rispettare le misure, la consigliera nazionale chiede un sostegno finanziario rapido da parte della Confederazione. «Ora è imperativo garantire agli operatori culturali e ai ristoratori, per esempio, che supereranno la crisi anche con riaperture limitate. Vanno messi a disposizione molti soldi».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-16 01:58:12 | 91.208.130.86