tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GINEVRA
2 ore
Hotel da 30mila franchi a notte per Biden
Ecco quanto ha speso il presidente statunitense per il summit ginevrino con il suo omologo russo Putin.
GINEVRA
4 ore
Putin e Biden hanno lasciato Ginevra
I due presidenti sono decollati da Cointrin poco dopo le rispettive conferenze stampa.
GINEVRA
4 ore
Biden: «Ho fatto quello che ero venuto a fare»
Il presidente USA ha tracciato un bilancio «positivo» dell'incontro con Putin. Non sono però mancati gli avvertimenti.
GINEVRA
5 ore
Putin: «Non prendo lezioni di diritti umani dagli USA»
Tra gli argomenti discussi durante il summit, l'incarcerazione di Navalny, le tensioni diplomatiche e la cyber-security.
ZURIGO
6 ore
Carlos - anzi Brian - non sarà internato
Il 25enne è stato però condannato a sei anni e quattro mesi per aggressioni a secondini e poliziotti
GINEVRA
7 ore
Un centinaio di imprese chiuse per l'incontro Biden-Putin
Le aziende situate in prossimità della zona di esclusione del summit saranno risarcite dalla Confederazione.
GINEVRA
7 ore
Estremisti islamici a processo a Bellinzona
I due, arrestati nel 2016, si erano recati in Turchia per unirsi alle forze dell'Isis.
ZURIGO
9 ore
Tifoso violento espulso dalla Svizzera
Si tratta di un 26enne che aveva partecipato ai disordini scoppiati a Zurigo, dopo un derby di Coppa Svizzera, nel 2018.
LUCERNA
11 ore
Esce di strada e ruzzola giù per una discesa di 78 metri
La conducente è stata trasportata in ospedale. I danni ammontano a 10mila franchi.
FOTO
GINEVRA
11 ore
Una stretta di mano segna l'inizio del vertice
Il presidente USA Joe Biden e quello russo Vladimir Putin sono ora a Villa La Grange a Ginevra
SVIZZERA
11 ore
In Svizzera altri 282 casi e sei decessi
La situazione epidemiologica è in costante miglioramento. Sinora si contano 701'260 contagi e 10'315 morti
SVITTO
12 ore
Incidente mortale in seggiovia, era una corsa senza permesso
La corda di traino si era spezzata e la cabina, che ospitava quattro persone, era precipitata per una decina di metri.
SAN GALLO
12 ore
Il villaggio (bis) di Heidi non si farà
Il progetto a Quarten, nel canton San Gallo, è stato affossato dalla pandemia
GINEVRA
12 ore
Vladimir Putin è atterrato a Ginevra
Il Presidente russo incontrerà nel pomeriggio il suo omologo statunitense, 36 anni dopo l'incontro Regan-Gorbaciov.
LOSANNA
13 ore
Prendi parte al Red Bull Flugtag iscrivendoti nel team di 20 minuti
Il Red Bull Flugtag 2021 si svolgerà a Losanna il 19 settembre.
FOTO
GRIGIONI
14 ore
Schianto a Bivio, ecco chi sono le cinque vittime
Sono state formalmente identificate le cinque persone che hanno perso la vita nell'incidente di sabato scorso.
SVIZZERA
14 ore
Sostegno ai media: il pacchetto è pronto per il voto finale
Anche il Consiglio nazionale ha approvato, oggi, la proposta della Conferenza di conciliazione
ZURIGO
26.03.2021 - 10:520
Aggiornamento : 14:06

Il finanziere accusa, miliardi alla casta che non rende

Il direttore di una società di amministrazione patrimoniale è all'origine di uno dei tweet più discussi dell'anno

L'esperto si è preso la briga di sommare i compensi (bonus compresi) versati da Credit Suisse negli ultimi 19 anni), arrivando alla cifra di 239 miliardi di franchi.

ZURIGO - Anno dopo anno le grandi banche svizzere hanno versato remunerazioni spropositate in relazione agli utili, sfruttando la copertura politica e il «fattore Svizzera», ma rischiano di scomparire in un mondo che cambia: lo afferma un finanziere che punta anche il dito contro il sostegno statale a quella che considera una casta di manager egoisti.

Compensi miliardari - Marc Possa, direttore e partner della società di amministrazione patrimoniale VV Vermögensverwaltung, è all'origine di uno dei tweet più discussi dell'anno nel mondo della finanza elvetica: l'esperto si è preso la briga di sommare i compensi (bonus compresi) versati da Credit Suisse negli ultimi 19 anni (dal 2002), arrivando alla cifra di 239 miliardi di franchi, dato che ha poi messo in relazione con gli utili netti di 41 miliardi (sei volte di meno) e con il crollo del corso dell'azione, che è stato del -82% nel periodo in questione.

Stimolato dalle reazioni, Possa - che da dieci anni amministra SaraSelect, un fondo che comprende piccole e medie società quotate in borsa e che stando al portale Cash è stato più volte premiato - ha fatto gli stessi calcoli per UBS. Nel periodo in esame l'istituto a lungo guidato da Sergio Ermotti ha versato compensi per 345 miliardi, a fronte di utili per 64 miliardi. Questo per un'azienda che ha presentato un ritorno totale dell'investimento (che tiene conto dei dividendi) del -31% e che ha dovuto ricorrere a un salvataggio dello stato.

Modello d'affari in discussione - I tweet dello specialista (il primo della settimana scorsa) hanno rilanciato il dibattito sul modello d'affari degli istituti. «Ecco perché chi investe a lungo termine può tranquillamente stare alla larga dalle azioni bancarie, anche in futuro», ha commentato Matthias Geissbühler, responsabile degli investimenti di Raiffeisen.

Esistenza delle banche minacciata? - La domanda di fondo è quindi: sopravviveranno le banche? «Sono ancora rilevanti per l'elaborazione dei pagamenti e lo rimarranno per un po'. Ma in tutti gli altri settori saranno sempre più scavalcate e la loro stessa esistenza sarà così minacciata», risponde Possa in un'intervista pubblicata oggi da Cash.

A suo avviso i grandi istituti elvetici godono però tuttora di un importante vantaggio. «In tutto il mondo, sia in un'ottica di denaro sporco che di denaro pulito, la 'swissness' sarà ricercata ancora a lungo. Ma questo non è merito delle grandi banche: è piuttosto un prodotto della nostra cultura, del nostro modo di essere e dello stato di diritto in Svizzera. La fiducia non si basa sul fatto che le grandi banche stiano facendo un buon lavoro».

Il valore "svizzeritudine" - Anche fra dieci anni vi sarà il bisogno di soluzioni bancarie elvetiche, particolarmente per clienti stranieri che necessitano per i loro patrimoni di un luogo più sicuro del loro paese di origine. «Resta da vedere se questa attività sarà poi svolta da Credit Suisse o UBS, e in quale forma. Ma la 'svizzeritudine' varrà ancora molto tra dieci anni».

Cambierà il sistema delle remunerazioni che il popolo svizzero, accogliendo un'iniziativa popolare, ha definito eccessive? «No», risponde Possa. «Questa cultura si è stabilita da molto tempo. Affinché si cambi veramente a lungo termine c'è bisogno di molto di più. I nostri sistemi sono noti per essere molto lenti e poco reattivi, sarebbe necessario uno shock o una vera crisi. Non sussiste affatto una la mentalità per un rapido cambiamento di cultura».

«Il problema è che le grandi banche possono permettersi questo lusso», prosegue il manager con studi a Zurigo e trascorsi presso Credit Suisse First Bostоn, Deutsche Bank e Lombard Odier. «Perché vi è troppa poca pressione».

Gli "intoccabili" - Il 56enne avanza l'esempio di Urs Rohner, che dal 2011 è presidente del consiglio di amministrazione di Credit Suisse e che alla fine d'aprile lascerà l'incarico. «Il suo operato in questo periodo è stato catastrofico: eppure è riuscito a resistere così a lungo. Ora Rohner potrebbe ancora sacrificare il Ceo Thomas Gottstein, dopo che ha già sacrificato altri. Queste persone sono intoccabili e non possono essere poste di fronte alle loro responsabilità. Non c'è nemmeno un azionista di riferimento che possa disciplinarli o rimproverarli. Non esiste una cosa del genere nell'industria finanziaria in generale, questa è una grande lacuna. Ciò spiega anche gli eccessi salariali».

«Lenti e arroganti» - Che dire delle affermazioni delle banche, secondo le quali sono costrette a pagare compensi attraenti per avere i migliori talenti? «Mi dispiace, ma questa è una stronzata», taglia corto l'intervistato ricorrendo al termine inglese bullshit. «Un tempo lavoravo con Steffen Meister, oggi presidente esecutivo del consiglio di amministrazione di Partners Group, a Credit Suisse. Eravamo gli ultimi in ufficio la sera. Le persone come lui hanno una mentalità completamente diversa. Ecco perché ha portato Partners Group dove si trova ora. Le grandi banche sono in media lente e arroganti. Quindi ci vorrebbe davvero uno shock per cambiare la loro cultura».

«Il problema è che un tale shock non viene permesso, cosa che è motivata politicamente. Stiamo socializzando e salvando tutto, purtroppo anche le cose cattive. Non c'è più un processo di selezione», argomenta Possa. «Se si vuole essere robusti il più debole deve essere effettivamente eliminato. E non sto parlando dei socialmente più deboli, quelli hanno bisogno di essere aiutati: ma non è necessario salvare una casta arrogante di persone che offrono poco valore aggiunto se non a loro stesse. Ecco perché nessuna grande banca dovrebbe essere rilevante a livello sistemico».

Tanto più che gli istituti, secondo l'esperto, perseguono gli interessi completamente sbagliati, come ha mostrato in modo a suo dire tipico il caso Greensill presso Credit Suisse. I portafogli sono pieni di prodotti con margini elevati, che non sono nell'interesse del cliente, conclude il manager, sposato con due figli, una femmina e un maschio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ceresade36@gmail.com 2 mesi fa su tio
Wow 😃🇨🇭che vagligigeta tantto completa Lav voglio tutta per me 😁💯
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-17 01:16:18 | 91.208.130.89