Cerca e trova immobili

SVIZZERA/FRANCIAUbs, l'ex manager invoca il segreto bancario

17.03.21 - 21:01
Processo d'appello in Francia per evasione fiscale. Ma i dirigenti della banca negano ogni addebito
keystone
Roul Weil all'ingresso dell'aula di tribunale
Roul Weil all'ingresso dell'aula di tribunale
Fonte ATS
Ubs, l'ex manager invoca il segreto bancario
Processo d'appello in Francia per evasione fiscale. Ma i dirigenti della banca negano ogni addebito

PARIGI - Nel processo d'appello di UBS per evasione fiscale in Francia, un ex manager della banca ha oggi invocato il segreto bancario svizzero, assicurando che l'istituto vi si è perfettamente attenuto.

«Non vi era nessun obbligo di verificare la situazione fiscale del cliente», ha indicato l'ex dipendente di UBS in tribunale, citato dall'agenzia di stampa AFP. E la banca ha agito nel rispetto della legge tra il 2004 e il 2012.

Anche Raoul Weil, ex numero tre del gruppo bancario, è stato interrogato. «Occorre tornare al 2008. A quel tempo non c'era l'obbligo di controllare la situazione fiscale dei clienti», ha detto Weil, secondo l'AFP. E «secondo la legge svizzera, non eravamo autorizzati ad aiutare attivamente un cliente nell'evasione fiscale».

La giustizia francese accusa UBS di aver incitato clienti francesi a nascondere denaro al fisco. L'istituto è sospettato di essere andato alla caccia di clienti in Francia, fra il 2004 e il 2012, per convincerli ad aprire in Svizzera conti non dichiarati alle autorità tributarie.

UBS, due anni fa, in prima istanza, era stata condannata a pagare 4,5 miliardi di euro per aver aiutato sistematicamente i clienti ad evadere il fisco. La banca aveva presentato ricorso contro la sentenza. Il processo d'appello è in corso dall'8 marzo. La banca chiede un'assoluzione.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE