Immobili
Veicoli

SVIZZERADonne e uomini? Devono essere uguali nei diritti e nella realtà

06.02.21 - 18:22
Alla vigilia del cinquantesimo anniversario del diritto di voto alle donne, ecco il manifesto del'associazione CH2021
Archivio Keystone
Fonte ATS
Donne e uomini? Devono essere uguali nei diritti e nella realtà
Alla vigilia del cinquantesimo anniversario del diritto di voto alle donne, ecco il manifesto del'associazione CH2021
Oggigiorno le donne devono ancora fare i conti con discriminazione, ingiustizia, umiliazione, violenza domestica e su suolo pubblico

BERNA - Le donne e gli uomini in Svizzera devono essere uguali nei diritti e nella realtà: è la richiesta espressa dall'associazione CH2021 in un manifesto rivolto al Consiglio federale, chiamato a elaborare un piano d'azione vincolante a tal fine.

Il manifesto CH2021, pubblicato oggi, alla vigilia del cinquantesimo anniversario del voto che ha dato alle donne il diritto di votare e di presentarsi alle elezioni, si intitola "Fare pressione". Nonostante l'introduzione del suffragio femminile e alcuni progressi, le donne sono ancora svantaggiate, scrive CH2021 nel manifesto di due pagine. Devono ancora fare i conti con la discriminazione, l'ingiustizia, l'umiliazione, la violenza domestica e quella su suolo pubblico.

Il manifesto chiede al Consiglio federale di organizzare una "Giornata di riconoscimento dell'ingiustizia e delle conseguenze della negazione del diritto di voto alle donne" durante la sessione primaverile delle Camere.

Per un piano d'azione vincolante - Obiettivo: un piano d'azione vincolante con scadenze per rendere la parità di genere una realtà giuridica e pratica. Il parlamento, il governo e l'elettorato devono essere resi consapevoli della loro responsabilità di creare condizioni sociali che rendano possibile il superamento di ogni forma di discriminazione.

Private del diritto di voto a livello federale prima del 1971, le donne sono state anche private dei loro diritti umani e deliberatamente impedite di esercitare i loro diritti democratici e quindi di contribuire a formare il sistema giuridico e la società, sottolinea il manifesto.

Inconvenienti non ancora superati - Il testo chiede anche un dibattito pubblico su come l'ingiustizia contro le donne sia avvenuta e sia tuttora realtà. Le disuguaglianze non sono ancora state superate e le donne sono tuttora trattate come se non meritassero di essere considerate alla pari degli uomini.

Tra i fondatori di CH2021 ci sono l'ex consigliera federale socialista Ruth Dreifuss e la prima giudice federale Margrith Bigler-Eggenberger. L'associazione è stata fondata nel 2018.
 
 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA