Depositphotos (Dim154)
Pericolo di valanghe di livello 4 (su 5) nel cuore delle Alpi.
SVIZZERA / CANTONE
12.01.2021 - 20:590
Aggiornamento : 13.01.2021 - 07:54

C'è un forte pericolo di valanghe nelle prossime ore

Emanata un'allerta di livello 4 (su una scala di 5), in Ticino rischi minori ma s'invita ugualmente alla prudenza

BERNA - Nelle prossime una larga parte della Svizzera dovrà fare i conti con un pericolo valanghe da marcato (livello 3 su 5) a forte (4 su 5).

Come precisato sul portale Pericoli naturali della Confederazione, dalle 17 di martedì alle 18 di mercoledì ci sarà un'allerta di grado 4, causata dall'accumulo di neve fresca, a tutte le esposizioni al di sopra dei 2000 metri sul livello del mare. Le regioni interessate sono Blüemlisalp, Engelberg, Gadmertal, Guttannen, Jungfrau - Schilthorn, Leukerbad - Lötschental, Maderanertal, Meiental, Passo del Grimsel, Regione del Konkordia, Schreckhorn, Schächental, Tujetsch nord, Uri Rotstock, Urseren nord, Valle di Goms superiore nord.

Nevicate e vento - Sempre in queste aree la neve cade copiosa in queste ore e sopra i 1000 metri sul livello del mare sono attesi accumuli fino a un metro o anche di più. Ad aggravare la situazione ci sarà il vento, previsto da forte a tempestoso. Unica nota positiva: il limite delle nevicate in rialzo a 600-1100 metri.

Pericolo marcato anche in Ticino - Il Ticino sarà interessato da un pericolo marcato sempre fino alle 18 di mercoledì sopra i 1600 metri di quota, a causa della presenza di neve ventata. Una circostanza che accomunerà l'intero territorio cantonale, dal Sottoceneri al Ticino settentrionale, dove si consiglia prudenza anche agli automobilisti: sopra gli 800 metri le strade potrebbero essere sdrucciolevoli a causa della neve ghiacciata. L'allerta è di livello 2, ovvero pericolo moderato.

Disagi anche a Zurigo - A Zurigo l'attenzione è su vento e neve. Già in queste ore, riferisce 20minuten, sono state segnalate numerose interruzioni ai trasporti pubblici causati dal fondo stradale scivoloso. Un tram della linea cittadina è finito fuori dai binari tra Römerhof e Klusplatz, apparentemente senza gravi conseguenze. Condizioni stradali definite «precarie» anche nel resto del territorio cantonale.

Traffico perturbato - La neve ha già provocato a numerosi incidenti sulle strade e alla chiusura di alcuni tratti ferroviari, in particolare in Svizzera tedesca. La sola polizia bernese ha registrato circa 50 segnalazioni d'incidenti tra le 12:00 e le 18:00. Almeno sei persone sono rimaste ferite.

Secondo il TCS, il traffico di automezzi pesanti è stato bloccato dalla neve sull'autostrada A2 tra l'area di sosta di Ripshausen, nei pressi di Erstfeld (UR) e Göschenen (UR). Il tunnel del Gottardo è stato chiuso la sera a causa di problemi tecnici. Tra Bienne (BE) e Delémont (JU) sono stati segnalati ingorghi sull'autostrada A16, dove le catene erano obbligatorie.

Ma anche il traffico ferroviario è rimasto intralciato. In particolare nel Seeland bernese sono stati cancellati diversi convogli. La linea Zurigo-San Gallo ha subito una interruzione tra Elgg (ZH) e Wil (SG), indica Railinfo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 04:35:39 | 91.208.130.86