Keystone
Alcuni attivisti all'esterno del tribunale
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Roche: i test fai da te sono già esauriti
Tuttavia, da settimana prossima le consegne dovrebbero riprendere a pieno ritmo
SVIZZERA
2 ore
Appartamento in fiamme: c'è una vittima
Il corpo è stato scoperto dai pompieri accorsi per domare le fiamme
ZURIGO
5 ore
Un botto durante il controllo, ferito un poliziotto
Ad esplodere è stato un fuoco d'artificio.
URI
7 ore
In circa 500 alla manifestazione annullata
Un gruppetto di irriducibili è stato accerchiato e si è dovuto far ricorso a gas lacrimogeni.
BASILEA 
8 ore
La polizia insegue i delinquenti, ferita una ciclista
Fuga rocambolesca nel centro di Basilea. Diverse le infrazioni commesse.
SVIZZERA
9 ore
Il numero uno della Polizia: «Occorre dialogare con i giovani»
Fredy Fässler vorrebbe che i giovani venissero coinvolti maggiormente nelle decisioni relative alle restrizioni.
SAN GALLO
10 ore
Fiamme al centro riciclaggio, densa e alta la colonna di fumo
Dai primi accertamenti non sembrano esservi persone all'interno dell'edificio
FOTO
URI
11 ore
Manifestazione annullata, ma la polizia sorveglia e controlla
Si sarebbe dovuta tenere oggi una manifestazione contro le norme anti-covid. Che però non è stata autorizzata.
SAN GALLO 
11 ore
Ieri sera niente disordini, ma 90 nuove espulsioni
Alcuni arrivavano da Berna o Lucerna. Molti erano minorenni
SONDAGGIO
ZURIGO
12 ore
Gruppi a rischio: «Uno dietro l'altro a chiedermi il certificato»
Sebbene non appartengano ai gruppo a rischio, riescono a ottenere il "pass" per vaccinarsi.
VALLESE
12 ore
Dramma in alta montagna, morte due persone
Un'aspirante guida e il suo cliente stavano scalando il Finsteraarhorn, nella valle di Fiesch.
VALLESE
13 ore
Lonza crea 1200 nuovi posti di lavoro a Visp
Assunte già 650 persone. Nell'impianto vallesano sono in funzione tre linee di produzione per il vaccino di Moderna
SVIZZERA
05.01.2021 - 12:260

Processo a cinque attivisti per il clima, UBS ha ritirato le denunce penali

La mossa della grande banca, finora ignota, è emersa nel corso del dibattimento iniziato oggi

BASILEA - I legali dei cinque attivisti per il clima da stamani sono sotto processo davanti al tribunale penale di Basilea hanno chiesto il rinvio al ministero pubblico dei decreti di accusa pronunciati contro i loro assistiti. Invocano in particolare il fatto che nel frattempo UBS ha ritirato le denunce penali.

La mossa della grande banca, finora ignota, è emersa nel corso del dibattimento, e risale allo scorso dicembre. Il Codice di procedura penale prevede che il danneggiato possa in ogni tempo dichiarare di rinunciare ai suoi diritti. La rinuncia è definitiva.

I cinque nel luglio del 2019 avevano partecipato al blocco dell'entrata della sede centrale di UBS nella città sul Reno.

La vicenda approda in tribunale perché gli imputati hanno fatto ricorso contro i decreti di accusa pronunciati dal ministero pubblico di Basilea, che li aveva condannati a pene pecuniarie. L'attivista più pesantemente sanzionato è stato condannato a 150 aliquote giornaliere di 30 franchi ciascuna. I cinque dovranno tra l'altro rispondere dei reati di danneggiamento e sommossa.

Il processo durerà diversi giorni. La sentenza è prevista per il 22 gennaio.

Gli imputati, l'8 luglio del 2019, avevano partecipato a un'azione promossa dal movimento Collective Climate Justice (collettivo per la giustizia climatica) e bloccato l'ingresso principale dell'edificio di UBS nella Aeschenplatz, in cui sono concentrate le attività amministrative dell'istituto di credito. Avevano ammassato davanti all'entrata cataste di rami e sporcato le facciate con segni tracciati col carbone. Intendevano protestare contro gli investimenti della grande banca nelle fonti di energia fossile.

Lo stesso giorno una manifestazione analoga si era svolta a Zurigo presso la sede del Credit Suisse, sulla centralissima Paradeplatz. Anche in questo caso la procura ha emesso dei decreti d'accusa, contro cui è stato fatto ricorso.

Circa 70 attivisti si sono riuniti davanti all'edificio del tribunale penale di Basilea prima dell'inizio del processo per manifestare solidarietà agli imputati. Una di loro è stata dispensata dal partecipare al processo oggi: è rappresentata dal suo avvocato.

Recenti vicende giuridiche analoghe - Vicende analoghe occupano i tribunali elvetici da qualche tempo e continueranno a farlo. Due di loro hanno avuto particolare risonanza mediatica in tutta la Svizzera e approderanno al Tribunale federale (TF). In entrambi i casi la partita si gioca attorno al principio dello stato di necessità, una disposizione del Codice penale che a determinate condizioni giustifica un'azione illegale.

In primo grado, il Tribunale distrettuale di Renens (VD) aveva assolto dodici attivisti che avevano occupato per un'ora e mezza i locali di Credit Suisse a Losanna. Vestiti da tennisti, avevano denunciato l'ipocrisia, a loro modo di vedere, di una grande banca che utilizza l'immagine positiva di Roger Federer nelle sue campagne, perseguendo al tempo stesso una politica di investimenti dannosi per l'ambiente.

Il presidente del tribunale e giudice unico aveva riconosciuto lo stato di necessità in cui gli attivisti hanno agito, giudicando l'azione «necessaria e proporzionata» vista l'emergenza climatica. A suo avviso la loro proposta era «l'unico modo efficace per far sì che la banca rispondesse» e «l'unico modo per ottenere la necessaria pubblicità» dai media e dal pubblico.

Questo verdetto era stato il primo in Svizzera e uno dei pochi al mondo a riconoscere uno stato di emergenza in relazione al riscaldamento globale. Una decisione che la procura vodese ha contestato e che ha portato davanti al Tribunale cantonale.

Quest'ultimo, pur riconoscendo l'imminenza del pericolo in ambito climatico, ha ritenuto che l'operazione degli attivisti «non fosse idonea a ridurre o frenare» le emissioni di gas a effetto serra. Secondo la corte essi avrebbero potuto agire in maniera lecita per denunciare gli investimenti della banca nelle energie fossili piuttosto che occupare illegalmente la succursale losannese. Il Tribunale ha condannato gli attivisti a pene pecuniarie sospese, ma questi hanno fatto appello al TF.

Una seconda vicenda che ha avuto grande eco è quella di un attivista del collettivo Breakfree Switzerland, condannato dal Tribunale di polizia di Ginevra per danni materiali a un edificio di Credit Suisse nella città di Calvino durante un'azione dimostrativa svoltasi nel 2018. L'uomo è stato poi prosciolto dalla Camera penale di appello, che ha riconosciuto lo stato di necessità. Il Ministero pubblico ginevrino e la banca hanno inoltrato ricorso al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-11 00:36:57 | 91.208.130.89