Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
No al finanziamento di Frontex, referendum riuscito
Sono 55mila le firme raccolte contro il sostegno svizzero del nuovo regolamento sul rimpatrio dei migranti illegali.
ARGOVIA
2 ore
Andreas Glarner assolto dall'accusa di diffamazione
Il consigliere nazionale dell'UDC ha ottenuto una vittoria nell'ambito di una vertenza che dura da anni.
BERNA
3 ore
A 203 chilometri all'ora sui 120
Pizzicato sulla A1 in territorio di Gurbrü (BE): si trattava di un diciassettenne con licenza per allievo conducente
ZURIGO
3 ore
Vaccini: «Effetti collaterali rari e non sempre segnalati»
Continuano a circolare segnalazioni circa gli effetti collaterali delle vaccinazioni.
ZUGO
3 ore
In polizia per un interrogatorio, si presenta sotto l'effetto di droga
È quanto accaduto martedì a Zugo. Si tratta di un ventenne, che era giunto al volante della sua auto
VAUD
3 ore
I vodesi vogliono viaggiare senza pagare
L'iniziativa per il trasporto pubblico gratuito, che ha raccolto più di 17'000 firme, è stata depositata oggi.
SVIZZERA
4 ore
Il turismo elvetico tira un sospiro di sollievo
Le facilitazioni per l'entrata in Svizzera decise oggi dal Consiglio federale sono un toccasana per il settore.
SVIZZERA
4 ore
La soddisfazione dei Cantoni
Secondo i direttori della sanità, il Consiglio federale ha tenuto conto della consultazione
SAN GALLO
6 ore
Video pedo-pornografici sui profili (hackerati) di Facebook e Instagram
La polizia di San Gallo denuncia diversi casi e avverte: «Anche i proprietari rischiano di subire azioni legali».
BERNA
6 ore
Quarantena e obbligo del telelavoro fino a fine febbraio
Gli altri provvedimenti provvisoriamente fino a fine marzo
SVIZZERA
6 ore
Nuovo record di contagi e 25 decessi in Svizzera
Scendono i pazienti ospedalizzati a causa del virus, che occupano ora il 7,9% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
7 ore
Ora il pellet costa di più
Il prezzo è aumentato del 20% rispetto allo scorso anno. Il consiglio: «Comprate solo la quantità che vi serve davvero»
ZURIGO
05.11.2020 - 19:170
Aggiornamento : 06.11.2020 - 08:26

«Sono vittime che si trasformano in mostri»

Il caso dei due giovani arrestati martedì a Winterthur dimostra che la Svizzera non è al riparo dalla radicalizzazione.

L'esperto di estremismi Samuel Althof cerca di spiegare il fenomeno, come avviene la conversione e il perché la città zurighese sia diventata una "culla" dello jihadismo nel nostro Paese.

Fonte Lea Blum / 20 Minuten
elaborata da Adriano De Neri
Giornalista

ZURIGO - Il terrorista che lunedì sera ha compiuto l'attentato di Vienna, uccidendo quattro persone, era in contatto con due svizzeri di 18 e 24 anni. I giovani, entrambi noti alle autorità e con precedenti penali legati al terrorismo, sono stati arrestati martedì dalla polizia a Winterthur. Una città, quella zurighese, che si conferma terreno fertile - così come la Romandia - per il proselitismo di matrice islamica. Il 24enne faceva infatti parte del cosiddetto gruppo giovanile della Moschea An'Nur, considerata un luogo di radicalizzazione e per questo chiusa nel 2017.

Il contatto tra i due svizzeri e l'attentatore di Vienna non sorprende affatto l'esperto di estremismo Samuel Althof: «Gli estremisti - precisa a 20 Minuten - si cercano e si reclutano a vicenda. Oggi, grazie a Internet, queste reti sono sempre più globali. Inoltre, le persone non si radicalizzano quasi mai completamente da sole, ma vengono "catturate" da queste reti».

Winterthur sembra essere una delle principali "culle" dell'estremismo elvetico. Come mai?
«È noto che nelle vicinanze della Moschea An'Nur si era formato un gruppo. Il problema è che le autorità se ne accorsero troppo tardi. I ragazzi si trovavano per chiacchierare o giocare a calcio. E durante questi ritrovi il più fragile e psicologicamente instabile, fondamentalmente il più debole del gruppo, divenne il più forte grazie alle ideologie inculcate nella sua testa dall'Isis e partì per la Siria come combattente. Da lì convinse gli altri ad aderire al Califfato. Un secondo membro del gruppo lo seguì, e poi ci fu un effetto domino».

Come è possibile prevenire un tale effetto?
«È molto complicato. Non si può tracciare ogni individuo dalle informazioni che abbiamo su questi gruppi. Bisogna capire che il terrorismo non è risolvibile nel suo insieme. Bisogna prima imparare a capire le persone radicalizzate e i motivi per cui si radicalizzano. Per fare questo bisogna costruire un rapporto di fiducia complesso e duraturo nel tempo con queste persone. Ma questo, ovviamente, non è facile se la radicalizzazione è profonda».

Ma come si costruisce questa relazione di fiducia con un estremista?
«Anche qui non è una cosa semplice. Perché spesso il problema è molto radicato. Tutto nasce nei primi anni d'età. Immaginiamo un bambino che cresce in una struttura patriarcale. Impara che il padre ha sempre ragione. Una violenza, soprattutto psicologica, che vive ogni giorno. E può capitare che il piccolo interiorizzi questi valori e cominci ad applicarli. E il problema sta qui. Dalla sua prospettiva crede di fare la cosa giusta. E questa prospettiva è alla base per giustificare un atto di violenza».

Ma la propensione a usare la violenza non porta necessariamente alla radicalizzazione. Perché alcuni di questi bambini diventano poi estremisti?
«Non esiste una sola risposta. Ciò accade in luoghi e modi molto diversi tra loro. Un esempio è la prigione. Incontri altri carcerati, trovi amici e ideologie estremiste. Molte persone abbracciano la religione in prigione. Peccato che spesso il fanatismo vada di pari passo. Se oltre a questo, i giovani provengono da paesi di guerra e magari hanno subito torture e violenze, allora questo diventa un terreno fertilissimo per la radicalizzazione. In verità sono delle vittime che si trasformano, o vengono trasformati, in mostri».

Ma come si fa a capire che una persona si sta radicalizzando?
«Solitamente la persona si chiude in sé stessa e mette un muro con le altre persone. In carcere, ad esempio, non intrattiene più contatti con altri detenuti. Anche il lasciarsi crescere la barba è un dettaglio da considerare, così come il fatto che solitamente una persona radicalizzata non esprime praticamente più le proprie opinioni. Sono poi rarissimi i radicalizzati che non presentavano una situazione "disturbante" nella propria famiglia. Per questo utilizziamo uno strumento diagnostico. Ci prendiamo del tempo per costruire una relazione con queste persone. E per capirle».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-19 20:35:46 | 91.208.130.87