Immobili
Veicoli
keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
42 min
Nessuna settimana dei "super contagi": «Le misure vanno revocate»
La Task Force aveva previsto una «settimana di super infezioni» per la fine di gennaio.
SVIZZERA
48 min
AI: «Gravi lacune nelle perizie degli esperti»
Secondo Inclusion Handicap le valutazioni vengono fatte con l'obiettivo di evitare il versamento dell'invalidità.
SVIZZERA
1 ora
Anche Beat Stocker respinge tutte le accuse
Coimputato a processo Vincenz, l'ex numero uno di Aduno: «Non mi sono arricchito con quegli investimenti occulti».
SVIZZERA
1 ora
Giro di vite sul commercio illegale di animali e piante protetti
Dal prossimo 1. marzo si rischiano fino a cinque anni di carcere. Lo ha deciso il Consiglio federale
SVIZZERA
2 ore
Il voto svizzero all'ONU pubblicato sul sito del DFAE
Il Governo ha adottato la misura riconoscendo «il crescente bisogno di trasparenza» da parte dell'opinione pubblica.
ZURIGO
2 ore
Bimbo di cinque anni investito da un'auto
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio a Horgen. Il bimbo è rimasto gravemente ferito.
BASILEA CITTÀ
2 ore
Il mistero dei “cubi” arancioni
Si tratta di geofoni per la localizzazione di fonti di acqua termale per la realizzazione di un impianto geotermico
ZURIGO
13 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
16 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
18 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
BERNA
18.10.2020 - 10:060
Aggiornamento : 14:02

Covid: l'epidemiologo Christian Althaus chiede misure urgenti

A suo avviso, se si agisce subito, la Svizzera ha il potenziale per uscire relativamente bene dalla crisi.

L'alternativa? La perdita del controllo della situazione, già prima dell'inizio dell'inverno.

BERNA - Per evitare un ulteriore peggioramento della situazione, dalle colonne della "SonntagsZeitung" l'epidemiologo bernese Christian Althaus esorta le autorità ad adottare velocemente ulteriori misure protettive per arginare la pandemia di coronavirus.

«Condizioni perché il virus si espanda» - Ogni quattro settimane a partire da giugno, ha fatto notare lo specialista membro della task-force che sostiene il Consiglio federale, «i casi d'infezione confermati sono raddoppiati e, con l'inizio dell'autunno, il virus trova condizioni favorevoli per espandersi poiché le persone passano più tempo al chiuso».

Avanti di questo passo, ancor prima dell'inizio dell'inverno la Svizzera avrà perso completamente il controllo, mette in guardia Althaus.

Il virus, ha aggiunto, si sta diffondendo anche in zone che finora hanno registrato molti pochi casi d'infezione e che finora hanno avuto un atteggiamento meno guardingo nei confronti della malattia, come dimostra il caso di Svitto, dove si è sviluppato un focolaio a causa di un concerto di Jodel. «Questo tipo di manifestazioni è l'ultima cosa che ci si può permettere nel corso di una pandemia», ha dichiarato al domenicale.

«Paese al limite» - La Svizzera si trova già ora al limite per quanto attiene al contact tracing e ai test. Il numero di positivi sta salendo rapidamente e il virus si diffonde sempre di più senza venir rintracciato. Potrebbe insomma ripetersi la situazione della scorsa primavera.

Althaus è preoccupato dal fatto che molte autorità non intravvedano il bisogno di adottare rapidamente provvedimenti mirati per arginare la pandemia. Ogni giorno conta, per Althaus, secondo cui simili misure andavano adottate già due settimane fa.

A suo avviso, se si agisce subito, la Svizzera ha il potenziale per uscire relativamente bene dalla crisi. «Abbiamo le risorse economiche e buone condizioni sanitarie», ha spiegato, mentre la popolazione sembra ben disposta nei confronti dei provvedimenti restrittivi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
jettero75 1 anno fa su tio
Si ma cosa vuoi mettere in più? le mascherine la mettono tutti e non è che la gente anche senza si sputa addosso goccioline come fanno credere, eppure il virus avanza, non è che per caso la mascherina diventa vettore dal momento che nessuno la cambia ogni giorno come si dovrebbe ma che nessuno ammette?
Marta 1 anno fa su tio
..e nelle scuole? dove è impossibile tenersi a distanza utile? forse oltre alla mascherina, dimezzare le classi e alternare le lezioni e consegnare più compiti a casa. gli studenti imparerebbero anche a saper lavorare da soli..cosa che attualmente non hanno un tempo sufficiente. causa programmi troppo esagerati. Meglio sapere meno ma andare più a fondo di qualunque cosa..
marco17 1 anno fa su tio
Per uscirne in fretta lasciamo circolare il virus, limitandoci a proteggere le persone che per l'età e lo stato di salute sono a rischio. Finiamola con la volontà demenziale del tracciamento e con le quarantene inutili. E ricordiamoci che durante il picco di crisi in primavera, l'occupazione massima dei letti per terapia intensiva a livello svizzero era del 40% (meno di un letto su due, dunque).
Gus 1 anno fa su tio
@marco17 Non puoi proteggere le persone a rischio se lasci circolare il virus e non applichi tracciamento e quarantene. Se poi prima di parlare tutti avessero avuto qualche morto in famiglia, si esprimerebbero diversamente.
Don Quijote 1 anno fa su tio
@marco17 Il virus è solo un prurito, il problema che vedo è la demenziale fobia che continua a crescere!
seo56 1 anno fa su tio
Chiudere palestre, limitare le capacità di bar e ristoranti al 40%, controlli e se del caso contravvenzioni negli EP e bus..
streciadalbüter 1 anno fa su tio
Ha ragione.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-26 13:07:53 | 91.208.130.86