keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VIDEO
SVIZZERA
1 ora
Quando l'educazione viene impartita (anche) con la violenza
Le punizioni corporali e psicologiche fanno purtroppo parte della quotidianità di alcune famiglie
SVIZZERA
4 ore
Scarpe di King Roger in tv: fu pubblicità occulta
Il caso risale allo scorso luglio, durante la trasmissione "Sportpanorama Plus" della SRF
ZURIGO
5 ore
Al Telefono amico il "Prix courage Lifetime Award"
Il premio è stato consegnato per celebrare gli oltre 60 anni di aiuto telefonico.
SCIAFFUSA
5 ore
Rissa presso un distributore, grave un 64enne
L'uomo è rimasto ferito durante una colluttazione con un 34enne
VALLESE
8 ore
Lettera sospetta alla Cancelleria: conteneva amido
La polverina era stata inclusa in una missiva nella quale erano criticate le norme anti coronavirus.
SVIZZERA
8 ore
Over 65 soddisfatti della loro situazione finanziaria
Gli ultra sessantacinquenni fanno affidamento su riserve, come emerge da uno studio dell'UST
ZURIGO
8 ore
Infantino ha il Covid
Il numero uno della Fifa avrebbe «sintomi lievi» ed è in auto-isolamento
SVIZZERA
8 ore
Condanne sospese per Blancho e Illi
Sono stati riconosciuti colpevoli di propaganda proibita in favore di Al Qaida
SVIZZERA
9 ore
Cioccolato dolce, lacrime amare: la pandemia si fa sentire
Chocosuisse si dichiara preoccupata per i posti di lavoro e chiede regolamentazioni più favorevoli
SVIZZERA
10 ore
In città gli incidenti fanno più male
Lo dice il rapporto Sinus. E i numeri non piacciono all'Upi
GRIGIONI
10 ore
Ammonimento per il presidente della corte retica
Brunner non era mai incorso in altri casi di violazione dei doveri d'ufficio.
SVIZZERA
10 ore
Migros aumenta i salari nel 2021: fino a +0,5%
«Siamo lieti di aver trovato un accordo in questa situazione complicata» ha detto Sarah Kreienbühl, della Direzione
SVIZZERA
10 ore
PostFinance taglia 130 posti di lavoro, ma ne crea 80 nuovi
La ristrutturazione è dovuta alla trasformazione digitale dell'azienda
BERNA
18.10.2020 - 10:060
Aggiornamento : 14:02

Covid: l'epidemiologo Christian Althaus chiede misure urgenti

A suo avviso, se si agisce subito, la Svizzera ha il potenziale per uscire relativamente bene dalla crisi.

L'alternativa? La perdita del controllo della situazione, già prima dell'inizio dell'inverno.

BERNA - Per evitare un ulteriore peggioramento della situazione, dalle colonne della "SonntagsZeitung" l'epidemiologo bernese Christian Althaus esorta le autorità ad adottare velocemente ulteriori misure protettive per arginare la pandemia di coronavirus.

«Condizioni perché il virus si espanda» - Ogni quattro settimane a partire da giugno, ha fatto notare lo specialista membro della task-force che sostiene il Consiglio federale, «i casi d'infezione confermati sono raddoppiati e, con l'inizio dell'autunno, il virus trova condizioni favorevoli per espandersi poiché le persone passano più tempo al chiuso».

Avanti di questo passo, ancor prima dell'inizio dell'inverno la Svizzera avrà perso completamente il controllo, mette in guardia Althaus.

Il virus, ha aggiunto, si sta diffondendo anche in zone che finora hanno registrato molti pochi casi d'infezione e che finora hanno avuto un atteggiamento meno guardingo nei confronti della malattia, come dimostra il caso di Svitto, dove si è sviluppato un focolaio a causa di un concerto di Jodel. «Questo tipo di manifestazioni è l'ultima cosa che ci si può permettere nel corso di una pandemia», ha dichiarato al domenicale.

«Paese al limite» - La Svizzera si trova già ora al limite per quanto attiene al contact tracing e ai test. Il numero di positivi sta salendo rapidamente e il virus si diffonde sempre di più senza venir rintracciato. Potrebbe insomma ripetersi la situazione della scorsa primavera.

Althaus è preoccupato dal fatto che molte autorità non intravvedano il bisogno di adottare rapidamente provvedimenti mirati per arginare la pandemia. Ogni giorno conta, per Althaus, secondo cui simili misure andavano adottate già due settimane fa.

A suo avviso, se si agisce subito, la Svizzera ha il potenziale per uscire relativamente bene dalla crisi. «Abbiamo le risorse economiche e buone condizioni sanitarie», ha spiegato, mentre la popolazione sembra ben disposta nei confronti dei provvedimenti restrittivi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Antonella Del Fabbro 1 sett fa su fb
E chi è questo ?
jettero75 1 sett fa su tio
Si ma cosa vuoi mettere in più? le mascherine la mettono tutti e non è che la gente anche senza si sputa addosso goccioline come fanno credere, eppure il virus avanza, non è che per caso la mascherina diventa vettore dal momento che nessuno la cambia ogni giorno come si dovrebbe ma che nessuno ammette?
Marta 1 sett fa su tio
..e nelle scuole? dove è impossibile tenersi a distanza utile? forse oltre alla mascherina, dimezzare le classi e alternare le lezioni e consegnare più compiti a casa. gli studenti imparerebbero anche a saper lavorare da soli..cosa che attualmente non hanno un tempo sufficiente. causa programmi troppo esagerati. Meglio sapere meno ma andare più a fondo di qualunque cosa..
marco17 1 sett fa su tio
Per uscirne in fretta lasciamo circolare il virus, limitandoci a proteggere le persone che per l'età e lo stato di salute sono a rischio. Finiamola con la volontà demenziale del tracciamento e con le quarantene inutili. E ricordiamoci che durante il picco di crisi in primavera, l'occupazione massima dei letti per terapia intensiva a livello svizzero era del 40% (meno di un letto su due, dunque).
Gus 1 sett fa su tio
@marco17 Non puoi proteggere le persone a rischio se lasci circolare il virus e non applichi tracciamento e quarantene. Se poi prima di parlare tutti avessero avuto qualche morto in famiglia, si esprimerebbero diversamente.
Don Quijote 1 sett fa su tio
@marco17 Il virus è solo un prurito, il problema che vedo è la demenziale fobia che continua a crescere!
seo56 1 sett fa su tio
Chiudere palestre, limitare le capacità di bar e ristoranti al 40%, controlli e se del caso contravvenzioni negli EP e bus..
streciadalbüter 1 sett fa su tio
Ha ragione.
Romeo Rossi 1 sett fa su fb
Non si può uscire da una situazione del genere finché non esiste un coordinamento a livello europeo, le frontiere sono aperte e ogni paese si confronta col virus in maniera diversa!
Omar Della Chiesa 1 sett fa su fb
Romeo Rossi sono in parte d’accordo. Alcune misure devono essere coordinate... altre però dovrebbero essere fatte su misura... in base al territorio, al comportamento della popolazione e alla capacità degli ospedali. Personalmente, ma non sono virologo, non mi preoccupano gli asintomatici e le cifre da testate giornalistiche, mi preoccupano i ricoverati e coloro che necessitano di strumenti specifici (come cure intense)... li arriviamo velocemente al collasso. Non dimentichiamoci una cosa... di cui nessuno parla. Possiamo anche avere 10’000 posti letto, ma mancano gli infermieri specializzati. Anche quello che abbiamo iniziano ad essere cotti... psicologicamente in primavera hanno vissuto momenti difficili... quanto una persona riesce a reggere situazioni come quelle di marzo? Dietro in camice c è un essere umano!
Gabrielle Marie Trautmann Zenoni 1 sett fa su fb
piuttosto chiudete le frontiere e ogni uno per se . Tutto questo è da manicomio...e lasciate vivere normale la Svizzera 🇨🇭
Romeo Rossi 1 sett fa su fb
Omar Della Chiesa abbiamo avuto 7 mesi per prepararci. Gli infermieri e i medici si trovano e ci si organizza come in tempi di guerra come hanno già fatto molti paesi asiatici!
Omar Della Chiesa 1 sett fa su fb
Romeo Rossi si può fare tutto... però non siamo asiatici e gli infermieri non hanno riposato in estate... inoltre l’Asia ha il maggior numero di suicidi nel mondo... alla base basterebbe davvero mascherina, lavarsi e fare un po’ attenzione... se non si fa l’impegnava e gestibile
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-28 01:06:58 | 91.208.130.89