Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SAN GALLO
13 min
Bimba morta in valigia: carcere per la madre non per il padre
Non è stato possibile accertare le cause del decesso e nemmeno l'ora.
BERNA
49 min
Niente più fuochi d'artificio nel centro storico della città
Mancano le distanze di sicurezza e il fatto che negli ultimi anni non sia successo nulla ha «del miracoloso»
SVIZZERA
55 min
Il traguardo di eBill sotto la lente, storia di un successo annunciato
Il servizio di SIX (che probabilmente usate anche voi) sfora quota 2 milioni di utenti, ma la pandemia c'entra pochino
LUCERNA
1 ora
Tre feriti e danni ingenti a causa di due incidenti
A Inwil si è verificato un tamponamento fra due veicoli, a Kriens un furgone ha preso fuoco.
GRIGIONI
1 ora
Pericolo valanghe, chiusura giornaliera per la strada del Maloja
Fino a nuovo avviso, un tratto di 3,7 km fra Sils e Piano di Lago sarà sbarrato dalle 11 alle 18.
BERNA
2 ore
Pil, calo più forte dal 1975
Economia gravemente toccata dalla pandemia, anche se meno del previsto.
BERNA
2 ore
Il Covid accresce la pressione su AVS e AI
Secondo il direttore dell'UFAS occorre urgentemente una riforma del sistema delle istituzioni sociali.
SONDAGGIO
SVIZZERA
4 ore
In vacanza al mare soltanto se vaccinati?
Dal novembre 2021 le strutture dell'operatore tedesco Alltours saranno accessibili solo a persone immunizzate
SAN GALLO
11 ore
«Mai pensavamo che nostro figlio ne fosse capace»
Il 24enne somalo N.O. è sospettato di aver ucciso la sua fidanzata di 22 anni LS.
SOLETTA
12 ore
Sparatoria in stazione, un ferito
Quattro le persone fermate dalla polizia, giunta in forze sul posto
SVIZZERA
15 ore
Il piano di ripartenza estivo di Swiss, ecco cosa c'è da sapere
Su nuove mete, date, rimborsi e sul perché si potrà volare anche su Billund (che non tutti conoscono)
BERNA
15.10.2020 - 22:020

La strada giusta da seguire? «Una infezione strutturata»

L’economista Reiner Eichenberger: «Le persone abbiano la possibilità di scegliere tra auto-protezione e immunizzazione»

BERNA - Niente lockdown generalizzato. È un aspetto su cui tutti sono d’accordo. Sarebbe troppo devastante, per la popolazione e per l’economia tutta. «Una volta revocato, i casi di contagio da coronavirus tornerebbero a salire e si renderebbero necessari un terzo e un quarto lockdown». La pensa così l’economista Reiner Eichenberger, intervistato da 20 Minuten.

Già a metà aprile, il professore di economia si era espresso in merito ai test di massa quali «strumento indispensabile per poter uscire dal lockdown». Perché avrebbero permesso alla «popolazione immune al virus di dare una dinamicità alla società salvando i loro affari, visitando i nonni e aiutando i vicini». E ora che nel frattempo sono molti gli svizzeri che si sono ammalati, rilancia: «Abbiamo bisogno di una strategia intelligente, diversificata per gruppi sociali».

In che senso?
«Dovremmo avere un trattamento differenziato in base ai vari gruppi sociali. Ora - grazie all'enorme numero di malati non denunciati - moltissimi sono già guariti. Per quanto ne sappiamo oggi, sono immuni al virus. Questi immuni devono essere in grado di muoversi di nuovo il più liberamente possibile. Sono urgentemente necessari negli affari e nell'assistenza. A tutti gli altri deve essere data la possibilità di scegliere tra un'autoprotezione efficace e una vita normale con il rischio d'immunizzare l'infezione».

Come funzionerebbe questo metodo?
«Diciamo in maniera federalista. Ad esempio: per le persone che vogliono proteggersi dal virus - in particolare gli anziani e le persone con malattie pregresse - i Comuni e i Cantoni dovrebbero definire gli orari di apertura dei negozi. Quindi in questi momenti si applicherebbero sia un requisito particolarmente severo di mascherine, sia regole di distanziamento. A tal fine, il governo dovrebbe definire un numero sufficiente di vagoni con requisiti di sicurezza speciali nel trasporto pubblico. Queste persone dovrebbero anche indossare mascherine che offrano una buona autoprotezione. E il governo dovrebbe pagare per questo. Inoltre si dovrebbe chiudere il confine solo ai Paesi che hanno un tasso d'infezione molto alto».

I giovani dovrebbero, invece, accettare l'infezione?
«No, la strategia non comporta necessariamente un obbligo. Anche i giovani che vogliono proteggersi contro il virus dovrebbero poter utilizzare le offerte di protezione. Ogni adulto dovrebbe essere in grado di decidere da solo: voglio espormi al virus oppure no? I rischi per la salute e le conseguenze economiche sono troppo diversi per essere standardizzati».

Con questo approccio, quale tasso di contagio vi aspettate in Svizzera entro l'estate 2021?
«Per quel periodo la situazione dovrebbe cambiare completamente. Una volta che un Paese concede la piena libertà alle persone immunizzate, e dispone di una strategia di protezione e immunizzazione ben strutturata, ha un enorme vantaggio competitivo. In alcuni Paesi, specialmente negli Stati Uniti, il contagio sarà così diffuso che una tale strategia sarà d’obbligo».

Un'infezione da coronavirus può anche avere un decorso grave in persone giovani e sane. Inoltre, l'Ufficio federale della sanità pubblica in Svizzera ha registrato diversi casi d'infezioni secondarie. La Svizzera non correrebbe troppi rischi con questo approccio?
«Per i giovani, i rischi di contagio da Covid sono inferiori a molti altri rischi quotidiani, come andare in bicicletta, in moto o andare in montagna. Inoltre il rischio di seconde infezioni è molto inferiore a quello delle prime infezioni. Coloro che parlano insistentemente contro l'immunità di gregge ma lodano la vaccinazione hanno un problema».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-26 11:16:43 | 91.208.130.89