Keystone (archivio)
SVIZZERA
25.09.2020 - 10:450

Billag rimborsa 50 franchi a tutte le economie domestiche

Nel 2015 il Tribunale federale aveva stabilito che l'azienda aveva indebitamente riscosso un’IVA del 2,5% sul canone

BERNA - «Billag, responsabile della riscossione del canone radio-TV fino al 2018, ha indebitamente riscosso l’IVA su questa prestazione per diversi anni», spiega l'Alleanza delle organizzazioni dei consumatori. Il Parlamento ha adottato questa mattina una base legale che permetterà ad ogni economia domestica tenuta a pagare il canone di ricevere un rimborso di 50 franchi. È la fine di una lotta durata 5 lunghi anni da parte dell’Alleanza delle organizzazioni dei consumatori che raggruppa ACSI, SKS e FRC.

Nell’aprile del 2015 il Tribunale federale aveva stabilito che Billag aveva indebitamente riscosso un’IVA pari al 2,5% sul canone radio-TV. In seguito a questa decisione, l’azienda di riscossione aveva modificato le sue
pratiche. Tuttavia, l’Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) si era rifiutato di rimborsare automaticamente gli importi pagati in eccesso negli anni precedenti. L’Alleanza delle organizzazioni di difesa dei consumatori, sostenuta da circa 26'000 economie domestiche, aveva quindi richiesto un rimborso tramite un’azione legale.

Nella sua decisione del 2 novembre 2018, il Tribunale federale aveva stabilito che l’UFCOM dovesse restituire l’IVA percepita per il periodo fra il 2010 e il 2015. Grazie a questa decisione senza precedenti e alle conseguenti pressioni politiche, è nato un progetto di legge finalizzato ad indennizzare tutte le economie domestiche soggette al pagamento del canone. Oggi, venerdì 25 settembre 2020, la nuova legge federale volta a garantire l’indennizzo è stata adottata dal Parlamento.

L’importo dell’indennizzo è di 50 franchi. Il rimborso avverrà nel 2021 o nel 2022 sotto forma di un credito sulla fattura Serafe, che ha rimpiazzato Billag dal 2019. Il tutto avverrà in maniera automatica senza che il
consumatore debba fare nulla. L’Alleanza approva questo epilogo: «È una bella vittoria per i consumatori. Questa soluzione pragmatica permetterà ad ogni economia domestica soggetta al pagamento del canone di venire rimborsata, indipendentemente dal fatto che abbia partecipato o meno all’azione legale dell’Alleanza», ha sottolineato la segretaria generale ACSI Laura Regazzoni Meli.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-26 18:42:31 | 91.208.130.86