Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
34 min
Se vedi razzismo e odio on line, ora puoi segnalarlo
Creata una nuova piattaforma per segnalare discorsi razzisti online
LUCERNA
53 min
Violento frontale ad Emmenbrücke
Uno dei conducenti è rimasto ferito ed è stato trasferito in ospedale
SVIZZERA
1 ora
Piloti con problemi, nessun obbligo di annuncio per medici e psicologi
Il Consiglio nazionale ritiene che sia sufficiente l'odierna possibilità di chiedere l'esonero dal segreto professionale
SVITTO
1 ora
Voci dal villaggio dei super no-vax
«Non bisogna dettare agli altri quello che devono fare», spiega la residente Nicole Bertschart.
VALLESE
1 ora
«La quarantena è un'esagerazione»
Il consigliere di Stato vallesano Christophe Darbellay critica le attuali norme d'ingresso introdotte contro la variante
SVIZZERA
2 ore
I Verdi puntano al Consiglio federale, anche attaccando il seggio PS
Dipende tutto dai risultati delle elezioni federali 2023, come afferma il presidente Balthasar Glättli
SVIZZERA
2 ore
Trasporti al Nazionale, preventivo 2022 agli Stati
Ecco l'odierno programma dei lavori alle Camere federali
Berna
4 ore
Quarantena in vista, prenotazione cancellata
A soffrire particolarmente sono i comprensori sciistici che lamentano una pioggia di soggiorni annullati
SVIZZERA
14 ore
Cresce la lista nera: dentro altri quattro Paesi
La disposizione segue il rilevamento della variante Omicron nelle rispettive nazioni.
SVIZZERA
14 ore
Minaccia Omicron, il Governo si ritrova d'urgenza
Dopo l'emergenza della nuova variante e il boom di casi, domani pomeriggio saranno discussi eventuali cambi di marcia.
SVIZZERA
16 ore
Thomas Hefti nuovo presidente del Consiglio degli Stati
Il 62enne glaronese è stato eletto all'unanimità. Subentra a Alex Kuprecht.
BERNA
22.08.2020 - 23:050
Aggiornamento : 23.08.2020 - 08:43

Lascia trenini e peluche ai bambini più sfortunati: l'Ufficio eredità getta via tutto

È triste la vicenda del testamento disatteso di un 72enne bernese. Le autorità: «Sono cose che capitano».

BERNA - Sembra il copione di un film sull'amicizia in tarda età e la spietatezza della burocrazia la triste vicenda del testamento disatteso di un 72enne bernese. L'uomo, ormai solo, aveva lasciato in eredità a un'organizzazione per l'infanzia e a tre suoi amici tutto il contenuto del suo appartamento pieno di ricordi e giocattoli, ma le autorità hanno gettato via tutto prima ancora di aprire la busta che conteneva le sue ultime volontà. «Non c'erano oggetti di valore», si giustificano ora.

Secondo i suoi amici, però, nell'appartamento sull'Ostring bernese in cui Roland Bieri* è spirato a metà settembre 2019 di oggetti di valore (perlomeno affettivo) ce n'erano eccome. Un grande modellino ferroviario della Märklin e una pista per le macchinine Carrera che occupavano un'intera stanza, per esempio. O centinaia di orsetti di peluche. O ancora, due biglietti per un concerto di Ozzy Osbourne all'Hallenstadion e decine di album di fotografie. Ah, e un televisore nuovo di pacca acquistato pochi giorni prima di morire.

Come riporta Der Bund, in base al testamento che un suo amico custodiva, il 60% dei suoi averi sarebbe dovuto andare, diviso in parti uguali, a lui e ad altri due amici quasi coetanei. Il 40% era invece destinato al Villaggio dei bambini Pestalozzi di Trogen. «La ferrovia e gli orsi eventualmente ai bambini!», scriveva il 72enne nelle sue ultime volontà.

Nonostante, come richiesto, il testamento sia stato consegnato ancora in busta chiusa all'Ufficio eredità della Città di Berna otto giorni dopo la scomparsa di Bieri, a inizio ottobre i tre amici - informati delle disposizioni in esso contenute e pronti a rispettare le ultime volontà dell'amico - hanno dovuto constatare che l'appartamento del compianto compagno di mille avventure era già stato svuotato. 6,99 tonnellate di ricordi gettate in due cassoni da 15 metri cubi finiti all'inceneritore. Una parte degli oggetti, inoltre, sarebbe stata ceduta ad alcuni mercatini dell'usato.

Il notaio incaricato dall'Ufficio eredità di stilare l'inventario di Bieri si difende. Quando, solo a inizio ottobre, è stato informato dell'esistenza di un testamento, l'appartamento era già stato sgomberato.

La colpa, scopriranno gli eredi, sarebbe dell'Ufficio eredità, che ha aperto il documento solo una settimana dopo averlo ricevuto. Non si poteva immaginare «che nel testamento successivamente aperto fosse stato inserito dal testatore qualcosa in merito allo sgombero», si giustifica un funzionario. È «triste», «ma sono cose che capitano», aggiunge. Nell'appartamento «non c'erano oggetti di valore», minimizza dal canto suo il vice capo ufficio. 

Non molta più empatia si trova nelle parole della capa Ufficio eredità, Bernadette Bechtiger. «Di regola» per lo sgombero di un appartamento si attende effettivamente l'apertura del testamento, ma in questo caso l'operazione era urgente a causa di «motivi sanitari e di polizia».

Quali, non è dato sapere. Gli amici di Bieri ammettono che l'appartamento in cui l'uomo abitava da decenni era pieno di oggetti e sporco, anche a causa delle sue condizioni di salute, «ma la situazione non è mai stata così grave da non poter aspettare qualche settimana per lo sgombero». In ogni caso, poi, se proprio fosse stato così urgente svuotare l'appartamento, il suo contenuto sarebbe potuto essere temporaneamente immagazzinato da qualche parte. 

A distanza di mesi i tre anziani eredi non si danno pace e denunciano: «Una cosa del genere non deve capitare più». «Un'autorità non può semplicemente ignorare le ultime volontà di un defunto», concludono.

Se i giocattoli e gli album di foto sono ormai andati, alla Fondazione Pestalozzi e a loro dovrebbe restare il contenuto dei conti in banca e di una cassetta di sicurezza di Bieri. Non abbastanza per riavere indietro i ricordi, ma forse per comprare qualche trenino per i più piccoli sì.              

*Nome di fantasia scelto da Der Bund 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 10:05:29 | 91.208.130.87