Deposit
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
12 min
Carica? No, brucia e folgora
Nuovo richiamo di un prodotto elettrico, si tratta di un caricabatteria portatile.
ZURIGO
1 ora
Mascherine e certificato anche nel 2022?
Mascherine fino al 2022 inoltrato e certificato Covid per ristoranti ed eventi al coperto.
SVIZZERA
4 ore
In molti lo temono, in pochi sono disposti a rinunciarci
Il 5G è un argomento sempre caldo, ma il popolo non sembra pronto a separarsi dalla tecnologia di cui fa uso ogni giorno
FRIBURGO
10 ore
Test PCR davanti a una telecamera
Friburgo sta valutando la possibilità di effettuare la procedura tramite videosorveglianza.
BERNA
11 ore
Quest'uomo fa entrare in casa sua solo persone non vaccinate
Solo inquilini "no vax" nell'appartamento di un bernese
NEUCHÂTEL
16 ore
Porta i soldi trovati in Polizia e in cambio non chiede (quasi) nulla
La Polizia neocastellana ha reso noto su Facebook il gesto «da sottolineare» di un cittadino.
Svizzera
16 ore
Precipita da una diga per 20 metri, sopravvive
L’operaio 23enne è stato trasportato dalla Rega nei Grigioni
SVIZZERA
17 ore
Il costo dei non vaccinati? Venti milioni di franchi al mese
Soltanto durante il mese di luglio, in tutta la Svizzera sono stati effettuati 420'000 test
SVIZZERA
18 ore
La Chiesa evangelica conferma: l'ex presidente ha commesso abusi
Le conclusioni di un'indagine su Gottfried Locher sono state presentate oggi a Berna.
BERNA
18 ore
Un neonato lasciato all'apposito sportello
Oggi esistono otto installazioni di questo genere, una di queste in Ticino.
SVIZZERA
14.07.2020 - 16:490

Mal di schiena in forte aumento: «Dimensione epidemiologica»

Un'indagine della Lega svizzera contro il reumatismo rivela che il problema in nove anni è cresciuto dell'11%.

Il mal di schiena ha conseguenze significative a livello di salute, sociale e pure in ambito finanziario.

BERNA - Il mal di schiena ha assunto una «dimensione epidemiologica» in Svizzera con conseguenze significative a livello di salute, sociale e finanziario: lo rileva un'indagine della Lega svizzera contro il reumatismo secondo la quale nove anni fa, i partecipanti che dichiaravano di soffrire di mal di schiena più volte alla settimana o al mese erano il 39%, mentre nel 2020 erano il 50%.

Nell'ambito del "Report svizzero sulla schiena 2020" migliaia di donne e uomini hanno partecipato in primavera a un sondaggio rappresentativo, ha comunicato oggi la Lega svizzera contro il reumatismo. Rispetto al precedente rapporto del 2011 la quota di persone che non ha mai sofferto di mal di schiena si è ridotta passando dal 7% al 2%.

Più della metà delle persone intervistate si sente parzialmente o gravemente limitata in diversi ambiti della vita, soprattutto per quanto riguarda il sonno, lo sport e le attività del tempo libero. Inoltre per una persona su quattro il mal di schiena ostacola lo svolgimento della propria attività lavorativa.

Costi elevati - Paradossalmente nel corso degli ultimi nove anni le assenze dal lavoro a causa del mal di schiena sono diminuite. Una spiegazione può essere che le persone si recano al lavoro nonostante i problemi di salute a causa della pressione nel proprio ambiente o per paura di perdere il posto.

Nonostante le assenze dal lavoro per il mal di schiena siano sempre di meno, questo problema causa un'enorme perdita di produttività pari a 4939 franchi a persona all'anno, indica la Lega svizzera contro il reumatismo.

Dal "Report sulla schiena 2020" emerge inoltre che le persone colpite coprono in prima persona una parte consistente delle spese sanitarie: due terzi dei partecipanti al sondaggio ha dichiarato di aver speso di tasca propria in media 524 franchi nel 2019 per il mal di schiena. Questa cifra include tutti i costi per trattamenti, farmaci o mezzi ausiliari non coperti dalla cassa malati. Per le persone con mal di schiena cronico, i costi sostenuti nel 2019 non rimborsati hanno raggiunto una media di 836 franchi.

Un Röstigraben del mal di schiena Il "Report sulla schiena 2020" evidenzia alcune differenze culturali: in caso di mal di schiena, infatti, gli svizzerotedeschi si muovono molto di più rispetto agli svizzeri romandi (rispettivamente 24% e 14%). Tra i romandi l'abitudine al riposo è più diffusa rispetto agli svizzerotedeschi (rispettivamente 24% e 10%).

Ricorrere a semplici rimedi casalinghi, come l'applicazione di caldo o di freddo, è più popolare nella Svizzera tedesca rispetto alla Svizzera romanda. Infine l'indagine ha evidenziato che la maggior parte delle persone interpellate non riconosce i segnali di allarme e non reagisce quando sarebbe il momento di consultare un medico.

Esercizi mirati possono permettere di contrastare il mal di schiena ed evitare che diventi cronico, sottolinea la Lega svizzera contro il reumatismo. In generale si raccomanda un minimo settimanale di 150 minuti di attività fisica con una leggera accelerazione di polso e respirazione, o un'attività fisica intensa per almeno 75 minuti a settimana.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
Vedo che i ticinesi il mal di schiena non sanno cosa sia ? Per il mal di ventre te lo fanno venire quando non dimenticano di mandarti l'imposta Federale. In questo caso siamo tutti "svizzeri" ;-((
Bandito976 1 anno fa su tio
Il mal di schiena puó essere causato da diversi fattori. Bisogna approfondire! Una delle cause maggiori è il letto in cui si riposa, un buon materasso è una buona rete sono basilari. Inoltre altri fattori possono essere il tipo di lavori che si svolge. Sollevare pesi con la schiena anzichè le gambe è dannoso.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-05 10:28:05 | 91.208.130.85