Keystone (archivio)
SVIZZERA
12.07.2020 - 08:560

Criminalità sul web: Google sempre più chiamata in causa

La Fedpol e i Cantoni hanno inoltrato ben 1'097 richieste d'informazioni per ottenere dati di utenti svizzeri nel 2019.

Molte delle domande riguardavano truffe e pornografia infantile.

BERNA - L'anno scorso, l'Ufficio federale di polizia (Fedpol) e i Cantoni hanno inoltrato 1'097 richieste a Google allo scopo di ottenere dati sugli utenti, a fronte delle 634 del 2018. Molte delle domande riguardavano truffe e pornografia infantile.

Le cifre sono state diffuse oggi dal "SonntagsBlick" sulla base del rapporto sulla trasparenza di Google pubblicato ogni sei mesi, in luglio e dicembre.

Da solo, Fedpol ha precisato a Keystone-ATS di aver inoltrato nel 2019 ben 407 richieste di ragguagli (circa il 46%), riguardanti perlopiù atti pedopornografici. Fedpol si rivolge ai provider quando ha bisogno dei dati degli utenti per far luce su reati di competenza della Confederazione. «Ciò accade quando il presunto colpevole è sconosciuto e l'unico dato a disposizione è un indirizzo di posta elettronica», ha precisato Fedpol.

Le autorità di perseguimento penale della Confederazione e i Cantoni si sono rivolte all'azienda americana oltre un migliaio di volte allo scopo di ottenere dati di utenti svizzeri: si tratta di un nuovo record. A essere interessati erano soprattutto conti di posta elettronica (gmail) e della piattaforma video Youtube. Da luglio a dicembre 2019, circa l'83% delle domande è stato accolto. Nella prima metà dell'anno il 75%.

Stando al rapporto sulla trasparenza di Google, l'anno scorso sono stati eseguite centinaia di cancellazioni - 671 - di singoli prodotti o servizi di Google. I motivi? Violazione della protezione dei dati (in maggioranza), messa in pericolo della sicurezza nazionale o ingiurie. Nell'80% dei casi Google ha accolto le richieste.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 20:40:22 | 91.208.130.87