Immobili
Veicoli
Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
La donazione di organi ha un problema di sicurezza
Chiunque può iscrivere altre persone al registro nazionale di Swisstransplant. Avviata una procedura di accertamento
ZURIGO
1 ora
Il booster funziona bene
Nuovi dati mostrano come la terza dose garantisca tassi di mortalità e ospedalizzazione significativamente inferiori
BASILEA CITTÀ
3 ore
Un'altra lettera sospetta al dipartimento della Sanità di Basilea
L'intervento degli specialisti (bardati di tutto punto) ha escluso la presenza di materiali pericolosi.
BERNA
3 ore
Tifosi senza mascherina, nessun aumento dei contagi
È quanto constatano le autorità sanitarie cantonali di Berna dopo la Coppa del Mondo di sci ad Adelboden
NEUCHÂTEL
4 ore
Rapina a La-Chaux-de-Fonds, arrestati due sospettati
I due presenti autori del colpo avvenuto lo scorso 18 ottobre sono stati posti in detenzione preventiva.
SVIZZERA
5 ore
Tutto tranquillo nelle centrali atomiche elvetiche
Sono ventidue gli eventi nucleari o radiologici di lieve entità segnalati nel 2021.
SVIZZERA
5 ore
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
BERNA
6 ore
«Il picco potrebbe essere stato raggiunto»
Da Berna, gli esperti della Task Force federale fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera
ZUGO
6 ore
Ritrovato morto dopo più di dieci mesi
Il corpo senza vita del 39enne è stato ritrovato sabato scorso sul Rigi da alcuni alpinisti.
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera altri 29'142 contagi in ventiquattro ore
Nelle cure intense del nostro paese, il 30,3% dei posti letto è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
7 ore
L'eruzione si è fatta sentire in Svizzera dopo venti minuti
Tanto ci hanno messo le onde sismiche ha raggiungere il nostro paese. Movimenti sono stati registrati per dodici ore
SVIZZERA
22.05.2020 - 06:360
Aggiornamento : 10:30

«La pandemia ci ha mostrato che si può fare tv pubblica con meno mezzi»

Si concretizza l'aiuto urgente per i media privati. E per la SSR è prevista una maggiore fetta del canone

BERNA - I media soffrono, ma da parte dei cittadini c'è sete d'informazione (soprattutto gratuita). Lo si constata in particolare dall'inizio della pandemia, che per il settore ha segnato una forte crescita della fruizione. Allo stesso tempo, però, l'emergenza Covid-19 ha ulteriormente acuito il calo degli introiti pubblicitari in atto già da tempo. E aiuti sono stati chiesti da più parti, anche dall'associazione nazionale Schweizer Medien, per bocca del presidente Pietro Supino. La consigliera federale Simonetta Sommaruga avrebbe voluto sostenere con 78 milioni di franchi il settore dei media, proposta che però è stata respinta dalla «netta maggioranza del Consiglio federale».

Tuttavia per rispondere ai bisogni di un settore in seria difficoltà la Confederazione ha dato seguito a due mozioni che prevedono un contributo di quasi sessanta milioni di franchi. Si tratta in particolare di soldi destinati alle emittenti radiotelevisive private e alla Posta per il trasporto gratuito dei giornali per sei mesi.  Sul fronte dei media elettronici, la Confederazione si assume inoltre per sei mesi i costi fatturati dall'agenzia Keystone-ATS.

La radiotelevisione pubblica - Il calo degli introiti pubblicitari tocca anche la radiotelevisione pubblica SSR, che per questo motivo a partire dal prossimo anno riceverà 50 milioni in più dal canone. Canone che allo stesso tempo per i cittadini scenderà da 365 a 335 franchi. Un contributo che - in una recente intervista alla NZZ - il direttore generale SSR Gilles Marchand ha giustificato, spiegando che nonostante la diminuzione degli introiti, il mandato dell'azienda è rimasto invariato.

Ma durante l'emergenza Covid-19, si legge ancora nell'intervista, le emittenti radiotelevisive SSR hanno saputo adattarsi rapidamente alla nuova situazione, riuscendo anche a fornire delle produzioni meno impegnative. In più, va ricordato che la SSR, come altri settori, ha beneficiato del lavoro ridotto, un finanziamento che è andato a sommarsi a quello del canone.

L'informazione? «Si può fare con mezzi ridotti» - «Questa è la dimostrazione che gran parte di ciò che è stato detto durante la campagna contro l'iniziativa “No Billag” è falso». Così Alain Bühler, vicepresidente dell'UDC ticinese e all'epoca presidente del comitato cantonale a sostegno di “No Billag”, che sottolinea: «La pandemia ci ha mostrato che è possibile fare informazione anche con mezzi ridotti». Basti pensare ai collegamenti Skype per le interviste a persone in ogni luogo del mondo.

Il canone scenderà, ma la SSR beneficerà di un contributo maggiore. «È assurdo» afferma ancora Bühler, secondo cui ulteriori 50 milioni «non spingeranno mai l'azienda radiotelevisiva di Stato a riorganizzarsi e a ridurre gli sprechi. Anzi, è un incentivo a continuare sulla medesima linea a spese dei contribuenti».

Per il vicepresidente UDC l'obiettivo resta quello di un canone a 200 franchi. E aggiunge: «La radiotelevisione svizzera è destinata, in futuro, a fornire esclusivamente informazione, cultura e approfondimenti: l'intrattenimento, i film e le serie televisive saranno sempre più ad appannaggio delle piattaforme di streaming». Piattaforme come Netflix, Disney+ & Co che «durante questo periodo di quarantena hanno conosciuto un boom senza precedenti anche alle nostre latitudini».

Bühler propone anche una formula per il futuro della radiotelevisione pubblica: informazione, approfondimento e cultura finanziati con il canone a 200 franchi, mentre tutto il resto esclusivamente con la pubblicità o altre entrate.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-18 20:11:55 | 91.208.130.86