Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
38 min
«Sicuri di vincere la causa con Swisscom»
Il Ceo di Sunrise è oltremodo positivo per quanto riguarda l'azione di risarcimento danni per oltre 350 milioni.
SVIZZERA
1 ora
Parrucchieri: da sabato saloni riaperti al 100%
Tutti gli spazi saranno sfruttabili. Le misure di sicurezza sono state adattate
BASILEA CITTÀ
1 ora
Gli stranieri possano votare e siano eleggibili: mozione accolta a Basilea
Il Cantone sarebbe il primo ad ammettere dei residenti non svizzeri a cariche elettive.
SVIZZERA
3 ore
Svizzera alla presidenza del Codice di condotta dell'Aia contro i missili balistici
L'obiettivo è quello di ampliare le nazioni aderenti e far rispettare le norme vigenti
SVIZZERA
5 ore
«Lesbiche e gay devono potersi sposare»
Il dossier potrebbe slittare a settembre. Ma i gruppi parlamentari (eccetto l'UDC) sono d'accordo sul progetto
SVIZZERA
5 ore
Spazio al coworking in 80 stazioni regionali
Si tratta di una rete che sarà realizzata nei prossimi dieci anni dalle FFS in collaborazione con Village Office
BERNA
6 ore
Neonata nel sacco dei rifiuti, madre accusata d'infanticidio
Conclusa l'inchiesta per la vicenda che risale al gennaio del 2019
ARGOVIA
6 ore
Bimba di 22 mesi investita e uccisa da un treno
Il dramma si è consumato alla stazione di Würenlos. Inutile il pronto intervento dei soccorsi
ZURIGO
6 ore
Personale ospedaliero sempre più "disturbato" a causa del Covid
Si moltiplicano i casi di disturbi mentali come conseguenza della pandemia
Attualita
6 ore
L'export di materiale bellico «non è un segreto»
Mister Dati ritiene che la SECO debba fornire l'elenco delle esportazioni richiesto da un giornalista
URI
6 ore
Undici pecore uccise dai lupi
Per il Canton Uri si tratta di un numero «insolitamente» alto in così pochi giorni
SVIZZERA
22.05.2020 - 06:360
Aggiornamento : 10:30

«La pandemia ci ha mostrato che si può fare tv pubblica con meno mezzi»

Si concretizza l'aiuto urgente per i media privati. E per la SSR è prevista una maggiore fetta del canone

BERNA - I media soffrono, ma da parte dei cittadini c'è sete d'informazione (soprattutto gratuita). Lo si constata in particolare dall'inizio della pandemia, che per il settore ha segnato una forte crescita della fruizione. Allo stesso tempo, però, l'emergenza Covid-19 ha ulteriormente acuito il calo degli introiti pubblicitari in atto già da tempo. E aiuti sono stati chiesti da più parti, anche dall'associazione nazionale Schweizer Medien, per bocca del presidente Pietro Supino. La consigliera federale Simonetta Sommaruga avrebbe voluto sostenere con 78 milioni di franchi il settore dei media, proposta che però è stata respinta dalla «netta maggioranza del Consiglio federale».

Tuttavia per rispondere ai bisogni di un settore in seria difficoltà la Confederazione ha dato seguito a due mozioni che prevedono un contributo di quasi sessanta milioni di franchi. Si tratta in particolare di soldi destinati alle emittenti radiotelevisive private e alla Posta per il trasporto gratuito dei giornali per sei mesi.  Sul fronte dei media elettronici, la Confederazione si assume inoltre per sei mesi i costi fatturati dall'agenzia Keystone-ATS.

La radiotelevisione pubblica - Il calo degli introiti pubblicitari tocca anche la radiotelevisione pubblica SSR, che per questo motivo a partire dal prossimo anno riceverà 50 milioni in più dal canone. Canone che allo stesso tempo per i cittadini scenderà da 365 a 335 franchi. Un contributo che - in una recente intervista alla NZZ - il direttore generale SSR Gilles Marchand ha giustificato, spiegando che nonostante la diminuzione degli introiti, il mandato dell'azienda è rimasto invariato.

Ma durante l'emergenza Covid-19, si legge ancora nell'intervista, le emittenti radiotelevisive SSR hanno saputo adattarsi rapidamente alla nuova situazione, riuscendo anche a fornire delle produzioni meno impegnative. In più, va ricordato che la SSR, come altri settori, ha beneficiato del lavoro ridotto, un finanziamento che è andato a sommarsi a quello del canone.

L'informazione? «Si può fare con mezzi ridotti» - «Questa è la dimostrazione che gran parte di ciò che è stato detto durante la campagna contro l'iniziativa “No Billag” è falso». Così Alain Bühler, vicepresidente dell'UDC ticinese e all'epoca presidente del comitato cantonale a sostegno di “No Billag”, che sottolinea: «La pandemia ci ha mostrato che è possibile fare informazione anche con mezzi ridotti». Basti pensare ai collegamenti Skype per le interviste a persone in ogni luogo del mondo.

Il canone scenderà, ma la SSR beneficerà di un contributo maggiore. «È assurdo» afferma ancora Bühler, secondo cui ulteriori 50 milioni «non spingeranno mai l'azienda radiotelevisiva di Stato a riorganizzarsi e a ridurre gli sprechi. Anzi, è un incentivo a continuare sulla medesima linea a spese dei contribuenti».

Per il vicepresidente UDC l'obiettivo resta quello di un canone a 200 franchi. E aggiunge: «La radiotelevisione svizzera è destinata, in futuro, a fornire esclusivamente informazione, cultura e approfondimenti: l'intrattenimento, i film e le serie televisive saranno sempre più ad appannaggio delle piattaforme di streaming». Piattaforme come Netflix, Disney+ & Co che «durante questo periodo di quarantena hanno conosciuto un boom senza precedenti anche alle nostre latitudini».

Bühler propone anche una formula per il futuro della radiotelevisione pubblica: informazione, approfondimento e cultura finanziati con il canone a 200 franchi, mentre tutto il resto esclusivamente con la pubblicità o altre entrate.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-03 21:32:13 | 91.208.130.85