Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
44 min
Preoccupazione a Lenk per il livello del lago del ghiacciaio
Che si è abbassato ancora, con un rinnovato rischio di alluvione a valle
GRIGIONI
59 min
Perde controllo del camper e lo distrugge, ma lui non si fa niente
È successo venerdì sera sull'autostrada, vicino a Coira, alla guida c'era un 26enne
GERMANIA
1 ora
Quei segni (forse) indelebili che il Covid-19 lascia sul cuore
Li hanno riscontrati dei ricercatori tedeschi, anche su pazienti giovani e che erano stati malati in modo lieve
SAN GALLO
1 ora
Tuffo serale fatale per un 15enne
Il giovane si trovava con degli amici in un laghetto artificiale nei pressi di Kriessern
SVIZZERA
1 ora
Martullo-Blocher: «Con la crisi del Covid-19, mai come ora, prima i nostri»
La consigliera UDC sul piede di guerra, in vista della chiamata alle urne per l'Iniziativa sulla limitazione
BERNA
3 ore
Telecamere nascoste per stanare il ladro di monete
Le ha installate Migros in una filiale bernese. Ma ora la giustizia ha scagionato il collaboratore accusato di furto
SVIZZERA
11 ore
Giovani, chiedetevi: «Devo veramente andare a quella festa?»
È l’appello del capo delle emergenze dell’Oms, Mike Ryan
SVIZZERA
15 ore
«Automobile al sole: una trappola mortale». Parola del TCS
Qualche consiglio utile per evitare brutte sorprese in questi giorni di canicola
OBVALDO
16 ore
Titlis: boom di turisti elvetici, ma non è sufficiente
Gli impianti di risalita sono presi d'assalto, ma manca comunque circa il 70% dei visitatori
SVIZZERA / LIBANO
17 ore
Nessun aiuto svizzero al Governo libanese
Gli aiuti andranno direttamente alla popolazione, tramite la Croce Rossa
SVIZZERA
17 ore
Quella fragola è pericolosa
La Confederazione mette in guardia su una formina refrigerante venduta da Depot
SVIZZERA
18 ore
Sviluppata una membrana che distrugge batteri e virus
Il procedimento potrebbe essere utile anche in chiave anti Covid-19
FRIBORGO
18 ore
Si cercano i testimoni dell'aggressione sul treno
L'aggressore aveva assalito una 27enne con una bottiglia su un InterCity.
SVIZZERA
19 ore
Panne per Postfinance: ritardi nell'elaborazione dei pagamenti
Numerosi pensionati si sono lamentati: la loro pensione non sarebbe arrivata
SVIZZERA
19 ore
Anche Berna, Argovia e Turgovia chiedono le liste degli arrivi a Kloten
Il canton Zurigo ha iniziato mercoledì a raccogliere questi dati per verificare il rispetto dell'obbligo di quarantena.
SVIZZERA
19 ore
Nel canton Zugo 20 procedimenti per truffe con i prestiti Covid
L'importo complessivo dei raggiri raggiunge i 3,8 milioni di franchi
SVIZZERA
19 ore
Mascherine a scuola? Le diverse soluzioni dei Cantoni
Tra obbligo di mascherina e distanze di sicurezza, i Cantoni si preparano per il rientro a scuola
SVIZZERA
20 ore
Finanziamento di due progetti per il Covid
Il primo riguarda l'analisi sierologica, il secondo è un apparecchio portatile per una rapida identificazione del virus
SVIZZERA
21 ore
Mascherine monouso o di stoffa: quali utilizzare?
L'Ufficio federale della sanità le raccomanda entrambe, a meno che si abbiano dei sintomi
BERNA
14.04.2020 - 14:070
Aggiornamento : 17:58

«Se si chiederà di indossarle, dovranno essere messe a disposizione»

Il capo della sezione Gestione delle crisi dell'UFSP ha spiegato che non c'è ancora una decisione sulle mascherine.

Sull'immunità «si sa ancora troppo poco».

BERNA - È stata convocata per questo pomeriggio alle 14 una nuova conferenza stampa da Berna per informare la popolazione sulla situazione legata al coronavirus. In Svizzera si contano al momento 25'835 casi confermati, 254 in più rispetto a 24 ore fa. I decessi a livello nazionale sono almeno 900. In Ticino le vittime hanno raggiunto quota 258, mentre i contagi, 12 più di ieri, sono 2'912. 

Presenti all’incontro con i media oggi sono Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi e cooperazione internazionale dell’UFSP, il brigadiere Raynald Droz, capo dello Stato maggiore del comando operativo e Hans-Peter Lenz, responsabile del Centro di gestione delle crisi.

Mathys ha iniziato ringraziando gli svizzeri perché «durante il weekend pasquale, nonostante un tempo magnifico, siete stati a casa, responsabilmente, rinunciando a muovervi eccessivamente, a riunirvi all'aperto».

Le cifre - Abbiamo globalmente al momento 200'000 persone testate, 25'835 hanno avuto un esito positivo, circa 3'000 sono state ricoverate in ospedale e 900 sono morte. Sono ancora 400 le persone che si trovano in cure intense negli ospedali svizzeri. «Una cifra relativamente stabile». Per quanto riguarda i casi registrati, invece, «sembrano essere al ribasso». Si tratta però di «tendenze», non di cifre definitive. «Potremmo essere al ribasso». Nel mondo ci sono stati 120'000 morti, gli Stati Uniti sono il paese con il maggior numero di vittime (23'649). «Con "America first" purtroppo Trump ha avuto ragione», ha aggiunto Mathys.

Il Consiglio federale si riunirà per decidere, probabilmente, un allentamento delle misure, senza abbassare la guardia con le misure di protezione. Delle decisioni saranno comunicate giovedì o venerdì. Secondo Mathys «il picco è stato superato, ma non si può ancora ufficialmente dire».

Gli svizzeri all'estero - Hans-Peter Lenz ha informato sui rimpatri, ridotti attualmente. «Sono stati organizzati 29 voli di rimpatri, 6'400 svizzeri (e stranieri che vivono nel nostro paese) sono stati rimpatriati. Circa 2'500 svizzeri, invece, sono stati rimpatriati in Europa da compagnie di paesi vicini. Il volo da Kinshasa di ieri è stato utilizzato anche per fornire aiuti umanitari». Questa settimana è previsto un volo per Kiev e la prossima un altro verso l'Asia e uno verso l'America latina.

Il ruolo dell'Esercito - Raynald Droz parla del «30esimo giorno» in cui l'Esercito è impegnato nell'emergenza coronavirus. A Ginevra, Ticino, Vaud, Vallese, Grigioni e Glarona sono presenti più militi. Il numero di soldati in quarantena è 514, cioè 260 in meno rispetto all'ultimo infopoint. Ci sono 134 casi di isolamento e 185 casi confermati, 11 in meno rispetto all'ultima conferenza stampa. Oggi abbiamo «3'300 volontari che si sono annunciati per partecipare a questa operazione. Circa 1'300 avremmo potuto convocarli, ma ne abbiamo chiamati solo 220. Abbiamo ancora un margine». Nel 30esimo giorno dell'impegno dell'Esercito «le cose vanno bene». 

Le mascherine - Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi e cooperazione internazionale dell’UFSP, ha commentato gli allentamenti alle misure decise in Austria. «Quando escono devono indossare la mascherina e anche qui in Svizzera si sta riflettendo sulle misure da aggiungere alla graduale ripartenza del paese, mascherine o meno. Le mascherine servono per proteggere gli altri se una persona è contagiata. Quanto è l'effetto, qual è il vero contributo di protezione, non lo sappiamo con certezza. Se si chiederà agli svizzeri di indossarle, dovranno sicuramente essere messe a disposizione».

Test e tamponi - Rispondendo a una domanda, Mathys ha spiegato che «i 254 test positivi rispetto a ieri non corrispondono a meno o più persone testate. Magari domani le cifre saranno più alte, ma la tendenza è al ribasso». Per quanto riguarda i contagiati, vengono comunque testate «solo le persone raccomandate dal medico, con dei sintomi e facenti parti di categorie a rischio. E nei giorni di Pasqua ovviamente meno gente va dal medico. Questi 254 nuovi casi potrebbero essere di più martedì o mercoledì». Mentre per quanto riguarda i test sierologici sono ancora «in mano alla ricerca. Permettono di vedere «quante persone sono state in contatto con il virus. Bisogna però vedere qual è la reazione del sistema immunitario della singola persona».

Perché non fare test a tappeto? - «La richiesta dei test è un po' diminuita», ha precisato Mathys. «Noi continueremo a modificare la strategia, tutti i test a disposizione verranno utilizzati e anche i criteri scelti per decidere a chi fare o meno il tampone verranno adattati. Adesso non abbiamo tamponi per tutti. La capacità quotidiana di tamponi dovrebbe poter restare sui 10'000 sul lungo periodo».

Immunità sì o no? - In Corea del Sud chi era risultato negativo al test ora è positivo (90 casi). «Non è noto se abbiano ricontratto il virus oppure se quando il test era negativo "la quantità" di virus nel corpo era bassa e poi è aumentata. Non si sa ancora cosa è l'immunità e quanto dura». Attualmente non è possibile «rilasciare dei "passaporti di immunità", perché gli studi sono in corso». L'immunità globale non è l'obiettivo primario attualmente. «Il coronavirus toccherà probabilmente un terzo della popolazione, mentre i restanti due terzi saranno immuni. Ma prima di raggiungere i 200-300mila malati ci vorranno ancora dei mesi. E si spera che ci sarà già un vaccino, per proteggere la popolazione. La Svezia per esempio ha già avviato una strategia dell'immunità, quasi un contagio forzato, non so se noi decideremo mai di seguire la strada del "contagio controllato"».

Mancano farmaci e materiale? - «Ci sono delle strettoie per i farmaci necessari in cure intense. Sul lungo periodo potrebbero mancare i farmaci fondamentali. La Confederazione sta cercando di acquistarli sul mercato internazionale. Le mascherine anche, sono super richieste in tutto il mondo. Ma la situazione rimane molto tesa».

Riaprire le scuole è saggio? - «Alcuni paesi lo fanno prima di altri. Chi avrà ragione lo dirà soltanto il futuro - ha spiegato Mathys -. Noi in Svizzera dobbiamo sicuramente affrontare il problema».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 11:15:41 | 91.208.130.87