deposit
SVIZZERA
30.03.2020 - 09:440
Aggiornamento : 13:34

Il grappino fa bene contro il virus?

Pare di sì, secondo alcuni virologi. Ma comporta altri rischi, e non piccoli

BERNA - Bere superalcolici, magari un grappino, per combattere il coronavirus? L'idea di per sé non è balzana, ma gli esperti ne parlano con preoccupazione. Il rimedio infatti rischia di fare più male della malattia.

I benefici dell'alcol contro il Covid-19 non sono provati, per cominciare. Ma alcuni giorni or sono - hanno riferito nel fine settimane le testate di CH media - il virologo tedesco Jürgen Rissland, rispondendo in una trasmissione televisiva della SWR a una domanda del pubblico, aveva affermato che i virus non amano l'alcol e che bere superalcolici, in questo senso, certo non fa male. «Più ad alta gradazione sono, meglio è». Per coloro a cui piace bere whisky non è da considerare un brutto metodo per far fronte alla situazione, aveva detto.

I cronisti di CH Media hanno chiesto al noto immunologo svizzero Beda Stadler di prendere posizione sul tema e l'interessato conferma. Bere alcol nell'ambito della profilassi contro il coronavirus non è l'idea più stupida che si può avere, afferma Stadler. «Meglio che affidarsi alla dubbia medicina alternativa».

È vero che l'alcol distrugge i virus: d'altronde è da molti anni noto come disinfettante naturale. Altro vantaggio: «Quando si ha la tosse, i virus che si trovano nel muco e che vengono scaricati nell'esofago con l'alcol arrivano meno ai polmoni».

Stadler si affretta comunque a precisare che, malgrado non si possa negare un effetto, non esistono ancora studi scientificamente validi sulla connessione tra alcol e virus. E lo specialista si dice ben lontano dal voler propagare il consumo di alcolici. «Diciamo che ora tutti quelli che si bevono volentieri un bicchierino di acquavite hanno una scusa meravigliosa». Occorre sempre rimanere ragionevoli, mette in guardia l'esperto.

Che non tutti, in tempi di isolamento, riescano a farlo è testimoniato da Philipp Hadorn, presidente della Croce Blu svizzera, organizzazione impegnata sul fronte dell'alcol e di altre dipendenze. Sono aumentate le chiamate di chi si interroga sul suo consumo, ha spiegato Hadorn alle testate CH Media.

Il tema è da mettere inoltre in correlazione con la violenza domestica. A Nuuk, capitale della Groenlandia, le autorità hanno vietato la vendita di alcolici proprio perché temono maggiori violenze fra le mura di casa. Un passo che sarebbe possibile anche in Svizzera? Per Hadorn si tratta di una misura drastica e a suo avviso sarebbe meglio aumentare la consapevolezza della persone. Ma una proibizione non si può totalmente escludere. «Nelle ultime settimane il Consiglio federale ha adottato diverse misure che un paio di mesi fa ritenevamo impossibili», fa notare.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-24 22:45:04 | 91.208.130.85