Keystone (archivio)
«Loro non sapevano».
ULTIME NOTIZIE Svizzera
TURGOVIA
1 ora
A 77 anni in carcere per non pagare la multa
Una donna turgoviese si è presentata ieri davanti alla prigione di Frauenfeld per espiare la sua pena.
SVIZZERA
1 ora
Vinto il jackpot di Euromillions più alto di sempre
Sette persone hanno invece portato a casa 700mila franchi a testa.
SVIZZERA
6 ore
Cassis ha firmato la Carta umanitaria del clima
La Svizzera, il primo Paese donatore a farlo, lancia così un segnale al resto del mondo.
SVIZZERA
6 ore
L'UDC rimane saldamente il primo partito svizzero
Segue il PS, che ha alle calcagna PLR, Alleanza del Centro e Verdi, secondo l'ultimo Barometro elettorale della SSR
SVIZZERA
6 ore
«Perso il 28% del fatturato a causa del certificato»
Lo rileva un sondaggio condotto da GastroSuisse dopo l’introduzione dell’obbligo.
FOTO
ZUGO
8 ore
Violento frontale, due automobiliste all'ospedale
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla cantonale tra Baar e Neuheim.
ZURIGO
8 ore
Affare Paulsen, il tribunale dà ragione a TX Group
I giudici hanno respinto oggi la denuncia del miliardario svedese che si riteneva vittima di una campagna diffamatoria.
FOTO
SVIZZERA
9 ore
Un'altra mascherina ritirata dal mercato
Il prodotto avrebbe dimostrato «scarsa efficacia protettiva» e potrebbe pure «risultare dannosa per la salute».
SVIZZERA
10 ore
Vaccinazioni: 8'757 casi con effetti collaterali
Si tratta all'incirca di otto casi ogni 10'000 inoculazioni effettuate nel nostro Paese.
SVIZZERA
10 ore
Prima visita ufficiale di un presidente della Georgia
Salome Zourabichvili è stata ricevuta oggi da Guy Parmelin e Ignazio Cassis
SVIZZERA
11 ore
Si resta sotto i mille contagi
Si contano anche 22 nuovi ricoveri. Sempre di meno i pazienti Covid-19 in cure intense.
SVIZZERA
11 ore
Legge Covid-19 «discriminatoria e arbitraria»
I democentristi invitano il popolo a respingere il testo che andrà in votazione il prossimo 28 novembre.
FRIBURGO
12 ore
Friburgo mette in stand-by il voto elettronico
Il progetto è stato bloccato a causa della sua «complessità» dal punto di vista tecnico e amministrativo.
GRIGIONI
13 ore
Il Vaxbus grigionese torna in garage
Per ragioni climatiche verrà sostituito da un team mobile che raggiungerà ventun località offrendo anche il vaccino J&J.
SVIZZERA
23.12.2019 - 08:160
Aggiornamento : 12:26

Credit Suisse ammette: «Abbiamo pedinato Peter Goerke»

La banca elvetica ha però assicurato che né il suo CEO Tidjane Thiam, né il presidente del consiglio d'amministrazione sapessero della sorveglianza

di Redazione
ats

ZURIGO - Credit Suisse ha fatto sorvegliare l'ex capo del personale Peter Goerke. È la conclusione a cui è giunta una seconda inchiesta dello studio legale Homburger. Il numero due bancario elvetico ha tuttavia assicurato che né il suo CEO Tidjane Thiam, né il presidente del consiglio di amministrazione Urs Rohner erano a conoscenza dei pedinamenti.

Pedinamento affidato a un intermediario - Goerke, all'epoca membro della direzione del gruppo, è stato sorvegliato per alcuni giorni nel febbraio 2019 da una società terza per conto di Credit Suisse, scrive quest'ultima in una nota odierna. Il rapporto ha inoltre stabilito che a commissionare il pedinamento - effettuato tramite un intermediario - è stato il direttore operativo (COO) Pierre-Olivier Bouées, già implicato nella vicenda della sorveglianza del top manager Iqbal Khan. Il membro della direzione, che aveva annunciato il suo addio dall'istituto a inizio ottobre, è stato licenziato dalla banca con effetto immediato. Secondo la Sonntagszeitung, il manager ora rischia di dover rinunciare al suo bonus, ovvero un pacchetto di azione del valore di quattro milioni di franchi. Inoltre, la FINMA potrebbe giungere alla decisione di vietargli di esercitare l'attività di banchiere.

«Imperdonabile, danneggia la nostra reputazione» - «Il pedinamento, ora confermato, di Peter Goerke è imperdonabile. Pesa molto anche il fatto che i responsabili non abbiano fornito informazioni veritiere nell'indagine esterna del settembre 2019. Inoltre, nell'organizzare la sorveglianza di quest'ultimo, hanno fatto attenzione a non lasciare alcuna traccia identificabile nei sistemi della banca. «Siamo consapevoli che il pedinamento di Khan e Goerke ha danneggiato la reputazione della nostra azienda», scrive Credit Suisse, aggiungendo che il cda si è scusato con il suo ex capo del personale.

«Respingiamo questa cultura» - Il numero due bancario elvetico, viene sottolineato, continuerà a collaborare a stretto contatto con la FINMA e ora anche con il revisore indipendente nominato proprio dall'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari lo scorso venerdì. Il cda, oltre all'allontanamento di Bouée, ha deciso d'inasprire le direttive interne per evitare nuovi scandali e rende noto che attraverso le misure adottate «respinge fermamente la cultura della sorveglianza».

Il precedente di Khan - Dopo il polverone sollevato dallo scorso settembre in seguito al caso del pedinamento di Iqbal Khan (vedi box) - ex responsabile della gestione patrimoniale passato poi a UBS - Credit Suisse è finita nuovamente nell'occhio del ciclone. La sorveglianza di Goerke è stata rivelata lo scorso martedì dalla Neue Zürcher Zeitung, che ha pubblicato la prima parte di un'inchiesta in tre capitoli su Khan.

Fedele di Thiam - Sulla base di vari documenti il quotidiano zurighese sostiene che Goerke - al Credit Suisse dal 2015, poco tempo dopo la nomina di Thiam a CEO dell'istituto - sia stato osservato per tre giorni, dal 20 al 22 febbraio 2019. L'ex capo del personale, fedele collaboratore del franco-ivoriano, aveva già lavorato con lui presso l'assicuratore britannico Prudential, così come Bouée. L'ex capo del personale era stato seguito mentre si recava all'aeroporto di Zurigo per un volo in direzione dell'Inghilterra. Solo quattro giorni dopo Credit Suisse aveva annunciato che il dirigente lasciava la direzione generale per diventare consulente senior in seno all'istituto.

Il pedinamento di Khan - Lo scorso settembre aveva tenuto banco per settimane, anche sui media internazionali, la vicenda di Iqbal Khan, pedinato su ordine della banca. L'ex top manager è stato tenuto sotto controllo forse per evitare che, nel passaggio alla concorrente UBS, portasse con sé clienti o altri dipendenti. Era emerso un mondo costellato da profondi rancori personali, dovuti anche al fatto che Khan era vicino di casa di Thiam. La vicenda aveva pure assunto i contorni della tragedia: un detective privato a cui la banca aveva affidato il compito di sorveglianza si era tolto la vita.

La banca aveva commissionato un'indagine allo studio legale Homburger: i giuristi erano giunti alla conclusione che Thiam e Rohner non sapevano nulla. I due top manager avevano poi parlato della sorveglianza di Khan come di un caso isolato. Erano però partiti il direttore operativo (COO) di Credit Suisse Pierre-Olivier Bouée (ora licenziato con effetto immediato) e il responsabile della sicurezza Remo Boccali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lilly Formina 1 anno fa su tio
Io ci credo che i vertici di CS non ne sapevano niente. Non si può assumere che chi comanda sia al corrente di ciò che avviene nella propria organizzazione. Sarebbe ridicolo, che ne sarebbe delle nostre aziende? Se no si ripete l'errore di punire ingiustamente persone come Totò Riina o Bernardo Provenzano solo perchè un loro dipendente annoiato ha deciso all'oscuro di tutti di far saltare in aria un viadotto. E infatti anche quando si tratta di mettere mano sugli utili, i dirigenti CS si tirano indietro e ammettono che, non sapendo cosa fanno i loro subalterni, non sapevano nemmeno che ci fossero utili da spartire. "Ah! ora capiamo... si vede che tutti quei misteriosi subalterni sul nostro libro paga formano una struttura tipo banca a scopo di lucro! Ecco perché alla mattina te li trovi in giro per gli uffici. E dal momento che gli utili li hanno generati loro, agendo di loro iniziativa senza che non ne sapevamo nulla, lasciamoglieli pure tutti!"
anndo76 1 anno fa su tio
@Lilly Formina be' di che ti meravigli ? basta guardare Thiam di chi e' figlio e si puo' capire molteeeee cose :-)
Bayron 1 anno fa su tio
Boicottare il CS!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 00:43:37 | 91.208.130.89