Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Gli accompagnatori in montagna uniti sotto un unico tetto
Asam e Asgm si sono fuse creando così un'associazione ombrello per la professione, la presidente: «Segnale di autorevolezza»
GRIGIONI
4 ore
Dramma sulle piste, grave una bimba: «Bisogna adeguare sempre la velocità»
L'incidente avvenuto sabato ad Arosa riapre il dibattito sui baby-sciatori travolti dagli adulti, l'esperto: «Divieti e limiti non servono»
BASILEA CITTÀ
5 ore
L'identikit del serial-killer svizzero: uomo, adulto, incensurato e sposato
Lo hanno stilato degli esperti basilesi che hanno preso in considerazione 33 assassini plurimi, e i risultati sono davvero sorprendenti
URI
9 ore
Colpo di sonno sull’A2, si ribalta con il furgoncino
Illeso il conducente ma i danni sono notevoli: circa 20mila franchi
SVIZZERA
10 ore
L'onda verde non travolge gli Stati
I ballottaggi di oggi - con la sola eccezione del Ticino - si sono svolti all'insegna della stabilità
ZURIGO
11 ore
Il secondo seggio sulla Limmat va a Noser
Il liberale radicale ha ottenuto 185'276 voti contro i 116'594 andati alla sfidante ecologista Marionna Schlatter
BERNA
12 ore
Stöckli riconfermato, entra Salzmann
Il "senatore" socialista e il candidato UDC hanno vinto il secondo turno nel canton Berna
SAN GALLO
12 ore
Riconfermati i due senatori uscenti
Benedikt Würth (PPD) e Paul Rechsteiner (PS) sono stati riconfermati oggi nel ballottaggio per l'assegnazione dei due seggi di San Gallo alla Camera dei Cantoni
SAN GALLO
12 ore
Casse malati, aumenta il contributo minimo
Oltre il 78% dei cittadini ha approvato la modifica della legge cantonale sull'assicurazione malattia in votazione oggi
ZUGO
13 ore
Il Plr difende il suo seggio
Matthias Michel si è facilmente imposto sul consigliere di Stato in carica Heinz Tännler (UDC)
SCIAFFUSA
13 ore
Vento a favore per il Parco naturale regionale
Le urne hanno approvato la legge che ne regola il finanziamento
SVIZZERA
14 ore
Verso gli Stati: parziali e proiezioni
I risultati del secondo turni nei cantoni di Zurigo, San Gallo, Soletta, Berna e Zugo
SVIZZERA
15 ore
Traduzioni, a Palazzo federale si pensa ai robot
La Confederazione ha lanciato un progetto pilota. Il potenziale di risparmio è notevole, ma resta il problema della sicurezza dei dati
BERNA
18.07.2018 - 06:000

Sempre più spesso i treni bruciano il rosso

Lo rileva il sindacato dei macchinisti. Le FFS: «Nell’ambito della sicurezza, non scendiamo a compromessi»

BERNA - Il segnale rosso? Sulle tratte ferroviarie elvetiche viene sempre più spesso ignorato. Lo dice il Sindacato svizzero dei macchinisti VSLF. «Nel primo trimestre del 2018 nel traffico passeggeri FFS i casi sono oltre il doppio di quelli rilevati nello stesso periodo del 2016», si legge in un rapporto pubblicato sulla rivista del sindacato. Sul fronte delle BLS, nei primi mesi di quest’anno sarebbe inoltre stato registrato un numero di irregolarità superiore a quello di tutto il 2017. Nel complesso, per il primo trimestre del 2018 l’Ufficio federale dei trasporti (UFT) rileva 82 episodi sulla rete a scartamento normale. «Evidentemente il potenziale pericolo è grande, nonostante tutti i dispositivi di sicurezza», sottolinea il sindacato.

Proprio lo scorso marzo le FFS hanno inviato ai macchinisti con meno esperienza una lettera, in cui scrivevano che la maggior parte dei segnali oltrepassati sono attribuibili a loro. E l’azienda sarebbe in particolare preoccupata per gli episodi che si verificano nell’ambito delle manovre ferroviarie, «in quanto non sono previsti dispositivi di sicurezza e le conseguenze potrebbero essere importanti». Le FFS raccomandano pertanto di condurre dei colloqui coi superiori. E stanno inoltre elaborando dei moduli formativi per le grandi stazioni. I macchinisti possono inoltre richiedere la presenza di un istruttore nei loro viaggi.

Una lettera, quella delle FFS, che non è piaciuta al sindacato, come spiega il presidente Hubert Giger. Nello scritto la responsabilità veniva infatti scaricata sui colleghi più giovani.

I macchinisti vengono regolarmente istruiti in merito alla problematica, afferma il portavoce FFS Daniele Pallecchi. «L’obiettivo non è di infondere insicurezza, bensì di mostrare attraverso esempi concreti come possono essere evitati determinati incidenti». Per quanto riguarda il numero di segnali oltrepassati, per l’azienda si tratta di un «andamento lineare». E l’intervallo a breve termine rientrerebbe nella variazione statistica. Anzi, i casi sarebbero in diminuzione. «Nell’ambito della sicurezza, le FFS non scendono a compromessi».

Per quanto riguarda BLS, nella prima metà di quest’anno si contano 23 segnali oltrepassati. Lo dice la portavoce Tamara Traxler. A titolo di paragone: nel 2017 i casi di questo tipo sono stati 25. Nel 95 percento degli episodi, i sistemi di sicurezza sono intervenuti per tempo. «Ogni singolo caso viene analizzato», assicura Traxler.

Nonostante l’aumento del traffico sulle rotaie elvetiche, negli ultimi anni il numero medio degli episodi è comunque rimasto stabile, afferma il portavoce UFT Gregor Saladin. Ma lo scorso anno erano superiori alla media. Per svariati motivi: si parla di un nuovo concetto di smistamento e anche dei cantieri presenti sulla rete.

Commenti
 
curzio 1 anno fa su tio
Installare subito i "Multafot" anche sui semafori dei treni. Se un treno brucia un semaforo mandare una multa alle FFS e incassare 250 franchi per la locomotiva e altri 250 franchi per ogni vagone che ha superato il semaforo.
Mattiatr 1 anno fa su tio
I semafori furono inventati (si dice) nel 1868 a Londra, era semplicemente una lanterna colorata ideata per regolare il traffico. Questa soluzione è stata ideata per ovviare all'anarchia dei mezzi di trasporto. Oggi le FFS sono munite di personale atto a monitorare costantemente tutti i treni in movimento su tutte le tratte ferroviarie svizzere. Le scene dei film con il treno che si muove sullo schermo non l'anno mica inventato per sport. Questi operatori sono in diretto contatto con i macchinisti che eseguono le indicazioni. La domanda è, i semafori automatici sono ancora necessari con un'organizzazione così precisa e dettagliata? Oppure i semafori vengono aggiornati in base alle indicazioni degli operatori? Gli imprevisti e i ritardi vengono considerati dai programmi che azionano i semafori?
volabas 1 anno fa su tio
questi manager faranno fare alle FFS la fine che hanno fatto fare a Swissair, spero di sbagliarmi
tip75 1 anno fa su tio
le FFS hanno ormai la credibilità del nostro CdS e del CF uguale a zero
TI.CH 1 anno fa su tio
Mai stati così tanti incidenti da quando a qualcuno gli è venuta la” bella idea” di privatizzare le FFS. Gettando fumo negli occhi a tutti per poter mettere in tasca propria gli utili che prima faceva la Confederazione. Bisognerebbe adottare il sistema americano: chiedere all'azienda risarcimenti milionari per ogni singolo individuo coinvolto in un incidente. magari non bruceranno più il rosso verrebbero rispettati i regolamenti e meno persone farebbero di testa propria; e di sicuro caleranno gli incidenti e miglioreranno anche le prestazioni.
GI 1 anno fa su tio
@TI.CH le FFS non sono una società "privata" in quanto tale, semmai sono "di diritto speciale" .....appartengono SEMPRE alla Confederazione al 100%...quindi sempre pubbliche....
tkch 1 anno fa su tio
Uhh, quanta verità. Tutti se ne fregano delle regole e fanno di testa loro. Lei ne capisce molto di ferrovia, vero?
Equalizer 1 anno fa su tio
@tkch Qui finora l'unico che ha usato la parola tutti era lei.
Equalizer 1 anno fa su tio
Purtroppo questa non è altro che una conferma della società do oggi, dove le regole sono cose per pecoroni, e allora lo splendido di turno pensa di fare come meglio crede ed è pure convinto di avere ragione. Il peggio sembra essere il fatto che gli stessi sindacalisti non se ne accorgano e li scusano ancora o forse semplicemente sono fatti della stessa pasta.
Polifemo 1 anno fa su tio
Non solo FFS, anche BLS!
Fran 1 anno fa su tio
Sempre meno fiducia per le FFS. Anzi. Siamo a livelli bassi mai visti in CH
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 03:51:07 | 91.208.130.87