Immobili
Veicoli

TOKYO 2020Oro, argento e bronzo: «Un'impresa folle, sentimenti indescrivibili»

27.07.21 - 17:34
La tripletta firmata dalla Svizzera nel cross-country (MTB) resterà per sempre nella storia dello sport rossocrociato.
keystone-sda.ch (CHRISTOPHER JUE)
Oro, argento e bronzo: «Un'impresa folle, sentimenti indescrivibili»
La tripletta firmata dalla Svizzera nel cross-country (MTB) resterà per sempre nella storia dello sport rossocrociato.
Le atlete elvetiche sono al settimo cielo. Jolanda Neff: «Mi ci vorrà un po' per realizzare quello che ho fatto». Sina Frei: «Grande lavoro con Swiss Cycling, risultato pazzesco». Linda Indergand: «Poter pedalare al fianco di Sina mi ha dato forza e fiducia».
SPORT: Risultati e classifiche

IZU - Riscritta la storia con una memorabile tripletta nella prova del cross-country femminile, la Svizzera ha vissuto un sogno ad occhi aperti grazie a Jolanda Neff, Sina Frei e Linda Indergand. L'impresa delle ragazze elvetiche, quasi incredule al traguardo, resterà per sempre nella storia dello sport rossocrociato.

«È una storia piuttosto folle, mi ci vorrà un po' per realizzare quello che ho fatto – ha spiegato Jolanda Neff ai colleghi di 20minutes – La mia ultima grande vittoria l'avevo ottenuta alle finali della Coppa del Mondo a La Bresse nel 2018. Poi ci sono stati il mio incidente (nel dicembre 2019 aveva riportato la rottura della milza, la frattura di una costola e la perforazione di un polmone, ndr), il Covid-19 e poi un altro infortunio sei settimane fa (frattura di una mano, ndr). Alla luce di ciò questo successo è ancor più incredibile... Ho iniziato la gara e ho avuto subito un ottimo feeling, ancora di più con la pioggia. Ha funzionato tutto al meglio».

Al settimo cielo anche Sina Frei, medaglia d'argento. «È fantastico, non riesco a descrivere i miei sentimenti. Sono i miei primi Giochi e ho ottenuto un argento. Trovarmi sul podio con altre due svizzere e fare manbassa di medaglie è qualcosa di pazzesco... Questo risultato è frutto di un insieme di dettagli. Ci siamo preparati alla grande con Swiss Cycling e gli sforzi hanno pagato».

«È un sogno che diventa realtà, essere sul podio con Jolanda e Sina lo rende ancora più eccezionale - ha commentato da parte sua Linda Indergand, capace di conquistare il bronzo - Quando ho iniziato a crederci? Quando ho tagliato il traguardo.... Non si sa mai quello che può accadere. Poter pedalare al fianco di Sina mi ha dato forza e fiducia. Abbiamo anche potuto darci dei "cambi", questo ci ha permesso di gestire le energie».

COMMENTI
 
Boh! 1 anno fa su tio
Grande impresa in una disciplina di fatica, lontana dai soldi e dai riflettori…. Un vero esempio di Sport con la “S” maiuscola per i nostri giovani.
NOTIZIE PIÙ LETTE