Keystone (archivio)
MOTOMONDIALE
01.04.2020 - 13:280
Aggiornamento : 19:20

Iannone sospeso 18 mesi: «Pulito, riconosciuta l'involontarietà, ma...»

Al pilota 30enne è imputato di non aver controllato le sostanze proibite

VASTO - Sconcerto e delusione nell'entourage di Andrea Iannone, che oggi ha appreso la sentenza della Federmoto internazionale sul caso di doping che ha coinvolto il pilota dell'Aprilia, positivo a un controllo in occasione del GP della Malesia del 3 novembre scorso.

I giudici, nella sentenza, hanno infatti spiegato che il centauro abruzzese è stato vittima di una contaminazione alimentare - dovuta a della carne mangiata in un ristorante - che ha fatto rilevare delle tracce di drostanolone nel suo sangue. Tutto risolto? No. Iannone è stato condannato a uno stop di 18 mesi, ovvero dal 17 dicembre 2019 al 16 giugno 2021.

«La sentenza ha riconosciuto in modo completo e inequivocabile la contaminazione ai danni di Iannone - ha spiegato l'entourage del 30enne - Andrea, pertanto, esce completamente pulito da questa vicenda. In maniera incomprensibile il tribunale ha comunque condannato il pilota a 18 mesi di sospensione perché avrebbe dovuto, sempre a parere dei giudici, informarsi sul rischio di contaminazione alimentare. Tutti gli atleti riconosciuti contaminati sono stati prosciolti, pertanto al momento è un caso unico», si legge.

E adesso? La difesa di Iannone ovviamente farà ricorso al Tas, dove potrebbe ottenere una sentenza entro l’autunno.

SPORT: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zico 3 mesi fa su tio
La prossima volta che un pilota va al ristorante si faccia accompagnare da un chimico, poi fatta l'analisi della carne chiami al telefono i giudici e li faccia venire ovunque essi siano per controllare che evidentemente non ci sia contaminazione e poi finalmente magiare tranquillo la sua carne che sarà ormai vecchia di 5 mesi (il tempo che ci hanno messo a decidere). Il buon senso è finito anche per la giustizia sportiva.
cacos 3 mesi fa su tio
ma se involontario perche condanna cosi lunga, e poi uno va al ristorante e deve chiedere se la carne ha ormoni o sostanze proibite sicuramente non la raccontano giusta
Ben8 3 mesi fa su tio
Anzi bisogna risarcirlo!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-11 01:37:37 | 91.208.130.86