BUF Sabres
4
Seattle Kraken
7
fine
(0-3 : 2-2 : 2-2)
MON Canadiens
1
VAN Canucks
2
fine
(1-1 : 0-1 : 0-0)
WIN Jets
0
ARI Coyotes
1
fine
(0-0 : 0-1 : 0-0)
CAL Flames
1
PIT Penguins
0
2. tempo
(0-0 : 1-0)
BUF Sabres
4
Seattle Kraken
7
fine
(0-3 : 2-2 : 2-2)
MON Canadiens
1
VAN Canucks
2
fine
(1-1 : 0-1 : 0-0)
WIN Jets
0
ARI Coyotes
1
fine
(0-0 : 0-1 : 0-0)
CAL Flames
1
PIT Penguins
0
2. tempo
(0-0 : 1-0)
Ti-Press
+2
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
TENNIS
4 ore
Sinner gigantesco ma non basta: Italia eliminata in casa sua
Sonego ha perso con il numero 279 al mondo e il sogno dell’Italia è sfumato
NATIONAL LEAGUE
5 ore
Steso lo Zurigo, il Friborgo non si ferma
Tre volte in svantaggio ma alla fine in trionfo: il Friborgo non molla mai
PARIGI
6 ore
Pallone d’Oro: Ronaldo assente, vince l'insaziabile Messi
Settimo Pallone d’Oro per Leo Messi. Battuti Lewandowski e Jorginho
HCL
9 ore
McSorley ringhia: «Niente scacchi, contro il Ginevra dovremo giocare a bowling»
McSorley: «Tömmernes? Gran persona e gran giocatore, ma è sulla mia lista dei nemici»
LIGUE 1
11 ore
Neymar out 6-8 settimane
Il brasiliano del PSG era uscito in barella nel corso della sfida di ieri a Saint-Étienne
NATIONAL LEAGUE
11 ore
Zugo: piena fiducia in Dario Allenspach
L'attaccante resterà alla Bossard Arena almeno fino al 2024
HCAP/HCL
13 ore
Ambrì frustrato e a mani vuote, Lugano dai due volti
L’Ambrì, reduce da 4 sconfitte, cerca soluzioni e più costanza nei 60’. Pure il Lugano ha bisogno di maggiore continuità
PREMIER LEAGUE
15 ore
Ralf Rangnick alla guida del Manchester United
Il 63enne guiderà CR7 e compagni fino al termine della stagione.
TENNIS
17 ore
Vaccino-Djokovic: ora parla il padre Srdjan
Nole potrebbe mancare il primo Slam stagionale. Il padre: «Ha il diritto di decidere come vuole»
LUGANO
1 gior
Alti e bassi per le Ladies
Le bianconere, dopo il netto successo sul Turgovia, sono cadute in casa del Neuchâtel
SERIE A
1 gior
Napoli primo in solitaria: Lazio divorata, Milan staccato
La truppa di Spalletti - prima con 35 punti - ha liquidato 4-0 la Lazio dell'ex "comandante" Sarri.
BELLINZONA
1 gior
A Bellinzona spunta Yakin
Al Comunale un ospite d’eccezione: Murat Yakin
SERIE A
1 gior
Alla Roma basta Abraham, Torino in ginocchio
Concretezza-Mou, la Roma non convince ma vince
SWISS LEAGUE
1 gior
Rockets abbattuti dalla capolista
Niente gloria per i Ticino Rockets, costretti alla 18esima sconfitta stagionale
SCI ALPINO
1 gior
Spaventosa Shiffrin, che show a Killington
Mikaela Shiffrin ha vinto lo slalom di Killington davanti a Vlhova e Holdener
BASKET
1 gior
Cipro schiacciato, la Svizzera riparte
Grazie (anche) a Kovac, la Svizzera ha agevolmente battuto Cipro
SCI ALPINO
1 gior
Ancora maltempo, a Lake Louise salta anche il super G
Cancellata la prova maschile
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Fatto il compitino, il Rapperswil… è primo
Il Rapperswil ha battuto l’Ajoie e raggiunto lo Zugo in vetta
AMBRÌ
27.10.2020 - 17:300
Aggiornamento : 28.10.2020 - 12:50

«Soldi pubblici per chi paga i dipendenti più di un Consigliere nazionale? I parlamentari fanno fatica»

Filippo Lombardi: «Pronti ad accettare un deficit ma non a mettere in pericolo l’esistenza stessa di una società».

«Il limite a 1’000 spettatori? Permetterebbe ai club di mantenere attive le Vip Lounge, che garantiscono le entrate maggiori».

AMBRÌ - L’hockey si ferma? Il calcio si ferma? E basket, volley e tutte le altre discipline? In molti, tra addetti ai lavori e semplici appassionati, stanno attendendo con malcelato nervosismo di conoscere le decisioni del Consiglio federale. In molti stanno cercando di capire o immaginare come sarà il futuro del nostro sport. Se si dovranno spegnere le luci dei vari impianti o se queste potranno essere tenute accese, ma per un numero ridotto di spettatori.

«La priorità è giocare - è intervenuto Filippo Lombardi, presidente dell’Ambrì - Per tutti. Per i club ovviamente, ma pure per i giocatori, gli staff, i tifosi. E quando dico giocare, intendo farlo con il pubblico. Lo sport senza pubblico… beh l’abbiamo visto tutti com’è».

Le mosse del Consiglio federale potrebbero fermarvi.
«Fino al 2 novembre, fino alla pausa, continueremo adattandoci a quel che sarà deciso - parlo di hockey ovviamente - poi in base a quel che emergerà, ci ritroveremo per fare il punto della situazione». 

Potrebbe essere concesso il “gioco” ma a spalti vuoti.
«Seguendo le indicazioni del Consiglio federale, delle varie task force, della Lega e anche dei Medici cantonali, i club sono arrivati a proporre i giusti concetti di protezione. E per rendere più sicure le loro case hanno speso centinaia di migliaia di franchi. Ora, questo lavoro è stato giusto e sensato perché proporzionato alle varie strutture. Il limite dei 1’000 spettatori già imposto in alcuni cantoni non può essere applicato indistintamente ad arene diverse. È una soluzione di comodo presa da autorità messe sotto pressione. Non si può dire che 1’000 tifosi alla pista di Biasca, per citare un impianto, valgano quanto 1’000 Berna, per esempio. Non si possono poi equiparare gli eventi. L’esposizione bovina a Langnau non può essere considerata sullo stesso piano di una finale di Champions League al Sankt Jakob-Park di Basilea». 

La speranza è quindi quella di continuare seguendo le indicazioni estive?
«Guardate, la salute è importante anche per noi. È chiaramente la nostra prima preoccupazione. Non stiamo facendo appelli alla disobbedienza civile e seguiremo le indicazioni delle autorità. Solo, visto che in questo Paese esiste il diritto di parola, vogliamo esprimere le nostre preoccupazioni e far conoscere il nostro punto di vista. Si è arrivati a delle soluzioni per garantire la sicurezza negli impianti, soluzioni proporzionali? Che si continui rispettando quelle, almeno finché non sarà dimostrata la diffusione del contagio negli stadi. E non mi pare che questa, al momento, si sia verificata». 

A Berna hanno ipotizzato una perdita di 7 milioni con il limite dei 1’000 spettatori e addirittura di 14 milioni a spalti vuoti. Il “meglio pochi che niente” vale anche per voi?
«Giocare senza pubblico genererebbe solo costi, togliendo tutti gli introiti». 

E 1’000 presenti cambierebbero radicalmente la situazione?
«Quel limite permetterebbe ai club di mantenere attive le varie Vip Lounge, che sono poi quelle che garantiscono le entrate maggiori. A questo non si pensa. È vero, è forse brutto da dire, ma i 1’000 posti occupati non sarebbero quelli da 30 franchi, bensì quelli più cari. E quelle entrate potrebbero fare la differenza». 

Un “rosso” sembra in ogni caso scontato.
«Come tutti gli altri club, anche noi siamo pronti ad accettare un deficit. Ma tutto deve essere sostenibile, non si può pensare di mettere in pericolo l’esistenza stessa di una società».

Da qui la richiesta dei prestiti a fondo perso in caso di taglio di spettatori?
«La legge Covid-19 decisa dal Parlamento a settembre prevede già, nel suo pacchetto di aiuti allo sport, dei prestiti per i vari club. Ora, facciamo dei numeri, parliamo di Ambrì. Si guarda alla stagione 2018/19, perché quella seguente è già stata macchiata dal coronavirus. Noi riceveremo aiuti per un quarto dei costi sportivi relativi a quel periodo. Abbiamo fatto i nostri conti: se ci permetteranno di continuare a ospitare 3’100 spettatori allora ci “staremo dentro”».

Altrimenti ecco che serviranno prestiti a fondo perso a ulteriore sostegno.
«Esatto».

Le riserve della Confederazione sono molto grandi e sono state accumulate negli anni “buoni”. Perché è così difficile utilizzarle ora che c’è necessità?
«Capisco come ragionano i parlamentari o i politici: a loro sembra molto difficile giustificare l’uso di soldi pubblici per sostenere società che pagano dei dipendenti più di un Consigliere nazionale. Davvero, umanamente posso capirli. Conoscendo però la situazione reale dei club so che non è così. I giocatori che guadagnano moltissimo non sono tanti e in più questi hanno una carriera lavorativa limitata a 10-12 anni. La maggior parte dei dipendenti hanno invece stipendi normalissimi. Altro aspetto che in pochi considerano: gli atleti hanno dei contratti a tempo determinato e per questi agevolazioni come quella del lavoro ridotto non sono possibili. C'è stata in primavera, ma è stata un’eccezione. Un’una tantum difficile da ripetere. Tali contratti, infine, sono molto più difficili da rinegoziare verso il basso rispetto a quelli indeterminati. E da noi invece, come praticamente ovunque, i professionisti hanno accettato di buon grado di rinunciare a una parte dei loro guadagni. Solidarietà dal basso insomma ce n’è già stata; come quella per esempio mostrata dagli abbonati, che non hanno chiesto il rimborso della tessera nonostante finiranno magari con l’assistere a pochi match dal vivo. Ci aspettiamo che tali sforzi vengano considerati e speriamo ci consentano di continuare alle condizioni già stabilite». 

HOCKEY: Risultati e classifiche

Keystone (foto d'archivio)
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Aka05 1 anno fa su tio
Quindi giocatori, allenatori, dirigenti, magazzinieri, ecc ecc si attaccano al tram..
streciadalbüter 1 anno fa su tio
I bovini sono fondamentali per vivere l`hockey no.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 04:31:20 | 91.208.130.85