Cerca e trova immobili

GERMANIA 2024«Non così brillante, ma la Svizzera ha sei giocatori mentalmente al top»

13.06.24 - 07:00
Danijel Milicevic: «Sommer, Akanji e Xhaka hanno vinto il campionato, ma ci sono anche Aebischer, Ndoye e Freuler qualificati in Champions».
Imago, archivio
«Non così brillante, ma la Svizzera ha sei giocatori mentalmente al top»
Danijel Milicevic: «Sommer, Akanji e Xhaka hanno vinto il campionato, ma ci sono anche Aebischer, Ndoye e Freuler qualificati in Champions».
Nella sua carriera da giocatore, il 38enne ticinese - attuale assistente allenatore del Gent - ha conquistato un campionato belga con lo stesso club nel 2015 e ha anche realizzato tre gol in Champions League nel 2016.
Calcio - Europei14.06.2024

LIVE

Germania
5 - 1
Scozia
Calcio - Europei15.06.2024

LIVE

Ungheria
1 - 3
Svizzera
SPORT: Risultati e classifiche

BELLINZONA - È tutto pronto per l'inizio di Euro 2024: domani sera apriranno le danze Germania e Scozia (ore 21).

Le due squadre sono state inserite nel Gruppo A, lo stesso di Svizzera e Ungheria che scenderanno a loro volta in campo sabato pomeriggio (ore 15). «Mi aspetto un torneo ricco di emozioni, il livello di gioco sarà sicuramente molto alto e come sempre la differenza la faranno i dettagli», ha analizzato Danijel Milicevic, attuale assistente allenatore del Gent, squadra con la quale vinse un campionato belga nel 2015 da calciatore e con cui si mise in luce in Champions League l'anno seguente (3 gol). «Sono dell'idea che non ci sia veramente una squadra che spicchi più di un'altra. La Francia dispone di un gruppo molto valido, ma dovrà riuscire a integrare al meglio tutto il talento che ha nella rosa. Dal canto suo l'Inghilterra si è resa protagonista di un ottimo percorso nelle qualificazioni, ma ha faticato nelle ultime amichevoli e si è poi dovuta confrontare con delle scelte impopolari di coach Southgate, che ha deciso di lasciare a casa alcuni elementi importanti, su tutti Grealish. Oltre a queste due nazionali anche Germania e Portogallo nutrono grandi ambizioni, ma attenzione a Croazia e Italia. Cristiano Ronaldo? Vederlo piangere per aver perso la Coppa dello Sceicco, in Arabia Saudita, fa un certo effetto. Ha proprio la mentalità del campione e vuole sempre dimostrare di essere il numero uno. È un bomber di razza, ma sarà importante capire come coach Martinez riuscirà a inserirlo nel suo sistema di gioco, visto che l'apporto difensivo di Cr7 non è più quello di una volta. Già a suo tempo l'ex ct del Belgio si era dovuto confrontare con una situazione analoga che riguardava Hazard, in panchina nel Real Madrid ma titolare in nazionale».

Come vedi la Svizzera? «Sembra forse meno brillante rispetto ad altre volte ma alla fine può anche essere positivo, poiché le aspettative sono più basse. La squadra gioca comunque bene, ma resta sempre un po' irrisolta la questione concernente il reparto offensivo. Serve infatti più concretezza sotto porta e mi auguro che la rassegna continentale possa sbloccare gli attaccanti. In difesa gli elvetici sono invece sempre molto ben organizzati, dove dispongono di un ottimo portiere – che è anche bravo con i piedi – e di Akanji, uno dei migliori nel suo ruolo in questo periodo. Shaqiri? Giocando in un campionato inferiore come la MLS ha perso esplosività e ritmo-partita, per cui necessiterà di un po' di tempo per adattarsi. Inizialmente non credo che partirà titolare, ma è sempre stato un giocatore cardine per la selezione rossocrociata e potrebbe anche rivelarsi decisivo da subentrante».

Akanji, Xhaka e Sommer sono tutti e tre carichi per aver vinto i rispettivi campionati con Manchester City, Bayer Leverkusen e Inter. «Hanno conquistato un trofeo importante da protagonisti e hanno imparato a vincere, ma non dimentichiamoci di Ndoye, Aebischer e Freuler, capaci di qualificare il Bologna alla prossima Champions League. A livello mentale sono al top e avere sei elementi del genere in squadra è indubbiamente un vantaggio, per questo motivo sono fiducioso».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

MarcN.7 1 mese fa su tio
Il calcio è bello perché non vincono sempre i favoriti

gabola 1 mese fa su tio
gli altri 5,prime donne mercenari che vanno a corrente alternata

pardo54 1 mese fa su tio
Le nostre atlete e i nostri atleti agli europei di Roma hanno conseguito risultati strabilianti. Vedremo se i nostri calciatori riusciranno a dare qualche cosa in più o se partiranno con la sconfitta in tasca e le vacanze già prenotate.

gabola 1 mese fa su tio
Risposta a pardo54
caso mai la scusa sarà stata del campo d'allenamento non perfetto
NOTIZIE PIÙ LETTE