Cerca e trova immobili

RIYAD«Arabia, uno Stato che non è uno Stato»

05.09.23 - 08:30
«Panem et circenses», finzione e geopolitica per il calcio d’Arabia, parla Dario Fabbri
Imago
«Arabia, uno Stato che non è uno Stato»
«Panem et circenses», finzione e geopolitica per il calcio d’Arabia, parla Dario Fabbri
«Vedremo cosa accadrà a livello geopolitico se davvero l’Arabia riuscirà a prendere lo scettro del pallone, rendendo Londra più povera e vulnerabile».
CALCIO: Risultati e classifiche

RIYAD - Cristiano Ronaldo ma non solo. Neymar ma non solo. Karim Benzema ma non solo. Roberto Mancini ma non solo. La lista di star e starlette del pallone europeo che, nel 2023, hanno deciso di salire su un aereo con destinazione Arabia Saudita è lunghissima. Tale “egira” ha una spiegazione esclusivamente economica? Non certo poveri, i calciatori hanno semplicemente scelto di andare dove lo stipendio garantito è (enormemente) più alto? Salvo rarissime eccezioni, è così: non ci sono altre motivazioni.

E cosa ha spinto, invece, la Saudi Professional League ad aprire quasi di punto in bianco i cordoni della borsa, rivoluzionando di fatto il pallone globale? “Dalle parti di Riyad si vogliono fare belli perché sperano di ottenere dalla FIFA l’autorizzazione per organizzare il Mondiale 2030”, dicono in molti. Vero, ma non basta. La Coppa del Mondo è infatti solo una parte del progetto di un Stato che ha deciso di rifarsi il look. Un progetto chiamato “Saudi Vision 2030”.

«Uno Stato che Stato non è - ci ha corretti Dario Fabbri, apprezzatissimo giornalista e analista geopolitico, direttore della rivista Domino - l’Arabia è in qualche modo il patrimonio personale della famiglia Sa’ud. Attraverso la loro “mission”, da quelle parti vogliono smentire quello che sono stati, ripulirsi l’immagine nei confronti dell’Occidente. Stanno dicendo: “Non siamo quei cattivoni che tutti voi credete, siamo anche capaci di fare grandi cose e vorremmo diventare un punto di riferimento a livello globale per lo sport, per lo svago. L’Arabia è anche altro oltre a quello che conoscete”. Ci riusciranno? Probabile. Io in ogni caso non credo a una trasformazione reale della società. Non credo al mitico e mitologico rinascimento saudita. Tutto questo rimarrà sopra la testa delle persone».

Niente occidentalizzazione?
«No, per nulla. Non è quello lo scopo finale. Stiamo parlando solo dell’immagine di sé che vogliono dare. Ma c’è uno scarto tra quello che sono e quello che vogliono mostrare».

La monarchia sta adoperandosi per accrescere il controllo dello Stato sulla religione; in Arabia, in ogni caso, il fondamentalismo è ancora estremamente diffuso e influente. Come si può dunque pensare che i cittadini accettino i lustrini?
«Cittadini da quelle parti non ci sono: ci sono i sudditi. E non è una differenza da poco. Questo meccanismo è tipico delle società autocratiche. C’è un regime autoritario, fondamentalista in questo caso, che al popolo dà panem et circenses». 

Un po’ come gli spettacoli romani al Circo Massimo o al Colosseo?
«Esatto. Un po’ come i Romani ma senza il piglio imperiale. È come se ai sudditi sauditi venisse detto: “Occupatevi dello svago e rinunciate ad avere diritti come li intendiamo noi in senso occidentale - che comunque non avranno mai - e pure una società democratica. In più, in cambio, avrete pure sussidi ed elargizioni». 

E l’Occidente che pensa della mano di vernice fresca che in Arabia vogliono passare sulla loro immagine?
«La vive con finta approvazione. Ci sono delle resistenze, perché stiamo comunque parlando di un regime, di un Paese nel quale diritti e libertà non sono in alcuni casi ancora contemplati. Faccio un esempio: in Arabia le donne hanno da poco ottenuto l’autorizzazione a guidare un’automobile. E questo, in quanto a diritti, è il minimo, del minimo, del minimo, del minimo. E potrei continuare con “minimo” ancora lungo. Questo l’Occidente lo sa, lo fa notare, ma non calca troppo la mano: pensa ovviamente prima di tutto ai suoi interessi».

Il controllo del calcio, nello specifico, può essere ceduto a cuor leggero?
«No, questo no. La Saudi Professional League sta chiaramente sfidando la Premier League con l’intento di diventare la prima lega mondiale. Di diventare la NBA del calcio. Una Premier League che ora domina ma che non è inattaccabile. Già nel 2021, per esempio, traballò quando alcuni dei suoi club più importanti aderirono al progetto della SuperLega. In quel caso, anche grazie all’energico intervento dell’allora Primo Ministro Boris Johnson, conscio che un’uscita di alcune squadre l’avrebbe indebolito, il campionato si salvò». 

Lo sport che aiuta a ripulire la propria immagine e che aiuta a guadagnare consensi e visibilità.
«E peso a livello internazionale. Gli Stati Uniti non sono troppo interessati a questa storia del calcio; sono in ogni caso comunque legati, commercialmente e storicamente, all’Inghilterra. Sarà interessante vedere cosa accadrà a livello geopolitico se davvero l’Arabia riuscirà a prendere lo scettro del pallone, rendendo Londra più povera e vulnerabile».

Ticinonline è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati.
COMMENTI
 
Aka05 2 mesi fa su tio
Ahahaha no dai…. Che commenti 🤣🤣👇🏻
Pianeta Terra 2 mesi fa su tio
Fate venire da vomitare!! Con tutti quei soldi finiva la fame nel mondo!!!!
pegis 2 mesi fa su tio
Grazie Arabia, portateveli via tutti questi mangiapane a tradimento e se potete fate ancora un piccolo sforzo distruggete questo sport che con lo sport non ha niente in comune. GRAZIE.
max222 2 mesi fa su tio
👍👏
Aka05 2 mesi fa su tio
Dai dai, riprendi il controllo…🤣🤣
s1 2 mesi fa su tio
versione 1: arabia saudita nei brics...i cani da guardia a pagamento si scatenano a comando per dare una nuova luce a quello che fino a poco tempo fa andava benissimo (e si sapeva benissimo a si celava) perchè annaffiato dal petrolio versione 2: era ora che si andasse a evidenziare la mancanza di democrazia e il tentativo di usare lo sport per ripulirsi l'immagine, una vergogna versione 3: il bue che da dall'asino al cornuto.. trave e pagliuzza, lo sport in occidente ha la funzione "panem et circenses" già da 'mo...
Diablo 2 mesi fa su tio
Ma qualcuno ha capito del perche l'Arabia Saudita sta comprando (dopo aver comprato club su club in Europa nell ultimo decennio, ma mi pare ci sia dimenticati) giocatori su giocatori ? é molto semplice
Diablo 2 mesi fa su tio
Cmq Balotelli potrebbe aver trovato la sistemazione perfetta :D magari li sfonda :D
max222 2 mesi fa su tio
Andate a guardare il documentario di ieri sera su RAI 3 " Il fattore umano". Come trattano le donne di servizio Filippine.
Gimmi 2 mesi fa su tio
Di sicuro vorranno ripulire un pò di soldi!!!
Y2KBug 2 mesi fa su tio
Mi sono sempre chiesto, quale sarà il paese con le migliori lavatrici? 🤔🧐
pegis 2 mesi fa su tio
GIMMI, speriamo che li portino qui da noi.
sergejville 2 mesi fa su tio
C'è chi appoggia il BRICS? Sovente per essere un po' anti-europeo chic (con occhiolino strizzato verso la aggressiva Russia; stando però in Europa). Bene, per coloro, non vedo quindi cosa ci sia da scandalizzarsi se l'Arabia fa quello che vuole con il calcio planetario. Volete che arabi, cinesi e russi (i peggiori) mettano mano dappertutto? Avanti, alé-hopp, aprite le porte. Poi però non venite a lamentarvi.
Peter Parker 2 mesi fa su tio
Finché i sauditi hanno clienti con integrità (e tutti occidentali) pronti con le,valigie in mano a trasferirsi per fare il,bagno nei petroldollari per cui firmano un contratto…. Stesso discorso per il,resto dei Paesi BRICS.
NOTIZIE PIÙ LETTE