Cerca e trova immobili

SEZIONE FEMMINILEIl Lugano ha il suo nuovo coach

31.07.23 - 16:30
Mauro Ardizzone è diventato l'allenatore delle ragazze bianconere: «Ho subito sentito aria di casa».
FCL
Il Lugano ha il suo nuovo coach
Mauro Ardizzone è diventato l'allenatore delle ragazze bianconere: «Ho subito sentito aria di casa».
Il 53enne italiano prende così il posto di Matteo Bertuol in panchina.
CALCIO: Risultati e classifiche

LUGANO - Nella giornata odierna - lunedì 31 luglio - il Lugano ha emesso un comunicato riguardante il nuovo allenatore della sezione femminile, ovvero Mauro Ardizzone.

Di seguito la notizia:

"L’Associazione FC Lugano è lieta di annunciare l'ingaggio di Mauro Ardizzone (31.07.1970) quale allenatore della Prima squadra femminile retrocessa in Prima Lega al termine della scorsa stagione. Il tecnico italiano vanta una lunghissima esperienza maturata in particolar modo nel calcio giovanile: per 13 anni, dal 2003 al 2016, è stato il responsabile tecnico dell'Academy dell'AC Milan all'estero, incarico che lo ha portato a girare il mondo in tutte le principali città che ospitano una sede della prestigiosa accademia rossonera. Dopo questa lunga parentesi in forza all'AC Milan, Ardizzone ha lavorato in Lettonia e a Gibilterra, prima di fungere da responsabile tecnico di alcune squadre in Sudamerica e da formatore e direttore tecnico nella federazione dell'Inner Mongolia. Assistente allenatore alla Sambenedettese (Italia, Lega Pro) nel campionato 2020/21, vanta pure un'esperienza di due stagioni in serie B, nel calcio femminile italiano.

L'FC Lugano ringrazia Matteo Bertuol, tecnico del passato campionato, per il contributo dato alla causa bianconera. Lo staff dell'FC Lugano Femminile sarà completato da Andrea Soler, coordinatore tecnico, Luca Carlo Guerra, preparatore atletico, e Mauro Bernasconi, preparatore dei portieri. «Ringrazio l'FC Lugano per avermi dato questa opportunità», sono state le prime parole del nuovo tecnico. «Mi hanno colpito subito l’entusiasmo legato al progetto del calcio femminile e la voglia di creare qualcosa che rimanga nel tempo. Ho sentito subito aria di casa, sin dalle prime parole con i responsabili del club. È importante per un giocatore, per un allenatore e per gli addetti ai lavori sentirsi in famiglia: permette loro di esprimersi al meglio. Sono molto contento di essere parte di questo club»

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE