Immobili
Veicoli
Imago
+5
NYON
21.04.2021 - 00:240
Aggiornamento : 08:50

Andrea Agnelli e Florentino Perez rimangono in mutande

La rivoluzione è (forse) già morta.

City, United, Liverpool, Chelsea, Arsenal e Tottenham fanno marcia indietro. E altre seguiranno.

NYON - Quarantotto ore precise. Tanto è durata la sparata della Superlega.

Poi, messi in ginocchio dalla pressione di UEFA e FIFA - chissà se stavano bluffando o meno - ma soprattutto dall’ira dei loro tifosi, sei soci fondatori hanno mollato. Hanno semplicemente fatto retromarcia tornando nei ranghi, al loro campionato, alla loro Champions League. E i sei sono di peso: si tratta di Manchester City, Manchester United, Liverpool, Chelsea, Arsenal e Tottenhan. Ovvero tutte le rappresentanti di Premier League.

Già priva di ramificazioni in Francia e Germania, la creatura pensata da Florentino Perez e Andrea Agnelli ha così perso un appiglio importante, fondamentale. Questo, unito al fatto che - dopo la burrascosa riunione notturna dei dissidenti - nuovi rami potrebbero seccarsi prestissimo, ha probabilmente messo il punto alla Superlega. La rivoluzione è forse finita ancor prima di cominciare.

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (Peter Byrne)
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 13:51:56 | 91.208.130.87