Immobili
Veicoli

LUGANO«Il coronavirus? Esperienza drammatica»

05.11.20 - 17:17
Il racconto di Angelo Renzetti, guarito dal Covid-19: «Non avevo nessuna forza e mi mancava l'ossigeno».
TiPress
LUGANO
05.11.20 - 17:17
«Il coronavirus? Esperienza drammatica»
Il racconto di Angelo Renzetti, guarito dal Covid-19: «Non avevo nessuna forza e mi mancava l'ossigeno».
«I negazionisti? Questa malattia è un po' come gli altri campi della vita. Finché non provi certe sensazioni o certi dolori, si tende a minimizzare».

LUGANO - Era lo scorso 14 ottobre e il Lugano annunciava la positività al coronavirus del suo presidente. Da lì Angelo Renzetti ha vissuto momenti drammatici, nei quali ha dovuto combattere contro un nemico perfido e che in questi mesi ha spesso dimostrato di non avere pietà. Oggi - a 22 giorni di distanza - il numero 1 bianconero può ritenersi quasi guarito. Difficile però dimenticarsi i giorni trascorsi sul letto dell'ospedale alla Clinica Moncucco, dove ogni piccolissimo cenno di miglioramento era visto come una grandissima vittoria.   

Nonostante una voce spesso interrotta da forti colpi di tosse, ora Renzetti vede la luce in fondo al tunnel... «Sto molto meglio adesso, sono tornato a casa e posso andare in ufficio. Lentamente mi sto riprendendo. Esco di casa ma posso assicurarvi che lo faccio con parsimonia, solo se strettamente necessario». 

Un periodo complicatissimo sia fisicamente ma anche mentalmente... «All'inizio è stato drammatico, certe sensazioni non le avevo mai vissute. Se non fossi andato all'ospedale sarei stato fo***. Non avevo nessuna forza e mi mancava l'ossigeno. Ho una certa età e pure qualche problema di salute che mi fa rientrare nella categoria"persone a rischio". Capite che a fronte di ciò non è stato facile gestire questi momenti. I medici sono comunque stati eccezionali e hanno sempre cercato di tranquillizzarmi. Lo spavento e la paura però restano». 

Cosa si sente di dire oggi ai negazionisti? «Questa malattia è un po' come gli altri campi della vita. Finché non provi certe sensazioni o certi dolori, si tende a minimizzare. La sensibilità si sviluppa soltanto quando le cose ti toccano da vicino». 

Cosa le ha lasciato questo brutto periodo? «Un'ulteriore presa di coscienza: so di avere una certa età e di essere molto più vulnerabile a livello di salute. Da questa situazione ho forse imparato che devo prendere le cose, in tutti i campi della vita, con un approccio più sereno...». 

Chiusa (o quasi) questa brutta esperienza Renzetti è pronto a tornare a Cornaredo. È notizia di ieri che la Confederazione ha elargito aiuti allo sport professionistico. «Un po' di ossigeno necessario, altrimenti molte squadre dovrebbero consegnare i bilanci. Non si può fare calcio con sole spese e senza entrate. In quest'ultima voce non ci mancano soltanto quelle relative alla buvette o alla ristorazione. Ci sono altri due aspetti da considerare. Il mercato negli scorsi anni ci aveva spesso dato una grande mano, quest'estate invece non è stato così. Infine non bisogna dimenticare l'azionista, colui che di solito è chiamato a risanare le finanze del club, adesso forse non è più nelle condizioni ottimali per farlo...».  

COMMENTI
 
pillola rossa 1 anno fa su tio
Molte persone sono morte perché sono state erroneamente curate per polmonite interstiziale invece che per embolia polmonare massiva, su direttive OMS. Il secondo grave errore è stato non permettere le autopsie. Il terzo e ancor più grave è non riconoscere i propri errori e perseverare con il terrorismo.
pillola rossa 1 anno fa su tio
Certo dispiace quando una persona sta male, ma nessuno si chiede come mai sia arrivato a sviluppare il diabete? E pur essendo a rischio come mai dopo una settimana di ospedale abbia potuto tornare a casa? Nessuno nega nulla, nemmeno il fatto che la mortalità sia legata allo stato cronico. O forse qualcuno lo nega.
Capra 1 anno fa su tio
Auguri! Però da tesserato fcl, sei snervante...
roma 1 anno fa su tio
Grande Angelo, bentornato.
lecchino 1 anno fa su tio
E piantala!
Dani/hcl 1 anno fa su tio
Sono passato anch’io e posso confermare che è durissima tirarsi fuori da questa m...anche dopo diversi mesi!! Forza Angelo,la grande famiglia del FCL ha bisogno del suo Superman!!
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT