Cerca e trova immobili

SVIZZERAArbonia, tagli drastici all'orizzonte

20.07.23 - 08:26
Prevista la chiusura di uno stabilimento e 600 posti di lavoro in meno (ma non in Svizzera)
Depositphotos (Foto_vika)
Immagine di archivio.
Immagine di archivio.
Fonte Ats Awp
Arbonia, tagli drastici all'orizzonte
Prevista la chiusura di uno stabilimento e 600 posti di lavoro in meno (ma non in Svizzera)

ARBON - Arbonia, gruppo industriale turgoviese specializzato nelle forniture nel campo dell'edilizia, sta subendo un calo dell'attività edilizia nei suoi mercati principali. L'azienda vuole ora ridurre i costi con tagli drastici.

Arbonia sta pianificando la chiusura di uno stabilimento e la riduzione del personale fino a 600 unità entro giugno 2024, ha annunciato oggi. I posti di lavoro in Svizzera non saranno toccati, ha dichiarato una portavoce all'agenzia di stampa AWP.

Queste misure dovrebbero comportare costi una tantum di 15 milioni di franchi nell'esercizio finanziario 2023. In seguito, Arbonia spera di ottenere un risparmio netto annuale di 10-12 milioni di franchi.

Tra le altre cose, la produzione di radiatori di design sarà trasferita da Dilsen, in Belgio, a Stríbro, nella Repubblica Ceca. Arbonia prevede che solo questo passo comporterà un risparmio annuo di 4 milioni di franchi a partire dalla seconda metà del 2024.

Il trasferimento comporterà la perdita di fino a 70 posti di lavoro in Belgio entro la fine del secondo trimestre del 2024. Il comunicato precisa che sono stati avviati colloqui con i rappresentanti dei lavoratori.

Arbonia ha subito un calo complessivo delle vendite del 10%, attestandosi a circa 570 milioni di franchi nella prima metà dell'anno. Le licenze edilizie sono crollate a causa dei costi di costruzione storicamente elevati e dei tassi di interesse più alti. Arbonia non è più in grado di fornire previsioni per l'intero anno. Tuttavia, gli obiettivi a medio termine per il 2026 sono confermati.

Ticinonline è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE