Immobili
Veicoli

SVIZZERASwisscom, il TF "congela" l'ampliamento della fibra ottica

08.12.21 - 12:00
I giudici vodesi hanno respinto la richiesta di sospensiva presentata dal colosso elvetico delle telecomunicazioni
Depositphotos (foto d'archivio)
Fonte ats
Swisscom, il TF "congela" l'ampliamento della fibra ottica
I giudici vodesi hanno respinto la richiesta di sospensiva presentata dal colosso elvetico delle telecomunicazioni

LOSANNA - Il potenziamento della rete in fibra ottica di Swisscom con la nuova tecnologia rimane ancora bloccato. Il Tribunale federale (TF) ha infatti respinto una richiesta di effetto sospensivo da parte del gruppo di telecomunicazioni, nei confronti del quale la Commissione della concorrenza (Comco) sta conducendo un'indagine per possibile violazione della legge sui cartelli.

Nel dicembre 2020, la Comco ha aperto un'inchiesta sulla strategia di Swisscom in materia di fibre ottiche in seguito alla denuncia di un concorrente. La Commissione è al momento del parere che l'azienda telecom stia verosimilmente perseguendo una pratica abusiva ai sensi della legge sui cartelli, deviando dallo standard concordato tra le autorità federali e gli operatori. Di conseguenza la Comco ha ordinato una misura cautelare che vieta a Swisscom di continuare la costruzione della sua rete senza garantire ai concorrenti un accesso non discriminatorio (il cosiddetto accesso al livello 1). Questa misura è stata confermata dal Tribunale amministrativo federale (TAF) alla fine di settembre.

In una decisione pubblicata oggi, il TF ha ritenuto ingiustificata la richiesta di effetto sospensivo di Swisscom, sottolineando in sostanza che la misura precauzionale non compromette il funzionamento della rete esistente. Questa decisione non pregiudica però l'esito finale del ricorso contro la misura cautelare stessa.

La controversia tra Swisscom e gli altri operatori riguarda l'architettura della rete in fibra. Nei negoziati tra le parti e le autorità, tra il 2008 e il 2012, era stata concordata una struttura a stella (architettura punto a punto, P2P) con quattro fibre, in cui i concorrenti potevano averne una indipendente.

Nel febbraio 2020, Swisscom, che è l'unica responsabile della costruzione della rete, ha presentato la nuova strategia, che si basa su una cosiddetta struttura ad albero (Multipoint Architecture, o P2MP). L'obiettivo era quello di estendere la sua rete con un modello monofibra entro il 2025 e aumentare così la quota di famiglie e imprese connesse dall'attuale 32% a circa il 60%. Contro la deviazione dallo standard concordato, la società Init7, con sede a Winterthur (ZH), ha presentato una denuncia alla COMCO nel settembre dello scorso anno.

COMMENTI
 
vulpus 11 mesi fa su tio
È un fatto vergognoso che il TF continui ad ostacolare l'estensione e l'attivazione della fibbra sul territorio. Ragioni di lana caprina, avvanzate contro l'azienda Svizzera sono ancora una volta preminenti sull'esigenza dei cittadini di poter disporre di un internet decente, in particolare in tutte quelle zone periferiche, dove la nostra politica ha spinto e investito con il provider nazionale per migliorare una situazione difficilmente ancora accettabile. Se si pensa alla situazione attuale dove tante aziende privilegiano il lavora da casa, spesso i collaboratori sono confrontati con difficoltà di connessione. Senza poi dimenticare chi la scuola deve o dovrà farla da casa. Importanti investimenti sono stati fatti recentemente: la fibbra è posata ,si attende solo di allaciarla. Critichiamo spesso la vicina penisola, ma da noi non vanno molto meglio le cose.
NOTIZIE PIÙ LETTE