Immobili
Veicoli

STATI UNITIDa Trump ai videomessaggi, Giuliani sbarca su Cameo

12.08.21 - 17:08
La piattaforma permette di vendere brevi filmati. L'ex sindaco di New York parte da 375 dollari. Ma quanto si guadagna?
Reuters
Da Trump ai videomessaggi, Giuliani sbarca su Cameo
La piattaforma permette di vendere brevi filmati. L'ex sindaco di New York parte da 375 dollari. Ma quanto si guadagna?

CHICAGO - «Ciao, sono Rudy Giuliani e sono su Cameo». Ed è tutto vero. L'ex sindaco di New York, caduto in disgrazia dopo i suoi trascorsi al fianco dell'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, cerca una svolta "social" sulla popolare piattaforma di video sharing, che permette ai suoi associati di condividere - dietro pagamento - filmati personalizzati con i propri "fans".

In pochi secondi, e sfoggiando un sorriso più o meno convinto, l'ex procuratore di ferro dello Stato di New York esibisce ai potenziali clienti la sua "mercanzia" digitale: «Se hai una tema d'interesse di cui vuoi discutere. O una storia che ti piacerebbe ascoltare, o condividere con me. O se c'è un augurio che potrei fare a qualcuno, per rallegrare la sua giornata, sarei felice di farlo. E possiamo farlo. Possiamo parlare, grazie alla magia di Cameo». Il prezzo? Si parte da 375 dollari.

Ora, per quanto possa apparire come una trovata al passo con i tempi, è inevitabile percepire almeno una punta di amarezza nel vedere che l'uomo che fu capace di mettere in ginocchio Cosa nostra americana ora si sia messo a vendere "biglietti" d'auguri animati da inviare alla mamma o alla nonna.

Quella di Cameo è probabilmente una via che si addice più ad attori, sportivi e star della televisione che non ai politici. E anche le cifre presenti sulla piattaforma in un certo senso lo confermano. Se alla voce "Basket" il cliente si trova di fronte a un ventaglio di quasi mille possibilità - dai 1000 dollari di Michael Beasley e Tony Allen - la categoria "Politica" ne propone invece solo 93. Va però detto che Giuliani si trova comunque in buona compagnia, con personaggi come l'ex leader dell'UKIP Nigel Farage, l'ex governatrice dell'Alaska (e prima donna, nel 2008, inclusa nel ticket repubblicano per le elezioni americane) e Donald Trump Jr. E con loro ci sono poi una discreta selezione d'imitatori: da Trump a Obama, passando per Kim Jong-un e una copia assai poco credibile di Boris Johnson.

Ma quanto si può guadagnare? Fino a sei zeri
Lanciato nel 2015, il servizio offerto da Cameo permette di "affittare" per qualche minuto oltre 30'000 celebrità. L'app, non a sorpresa, ha conosciuto un'importante crescita durante la pandemia, beneficiando delle restrizioni imposte per far fronte al Covid-19.

Ma quanto si può effettivamente guadagnare? Il listino dei prezzi può variare di molto, andando da poche decine di dollari fino a picchi di 2'500/3'000 dollari, come nel caso di Caitlyn Jenner. Secondo le cifre riportate da Forbes, nel 2020 l'azienda ha incassato la bellezza di 100 milioni di dollari vendendo filmati personalizzati, 75 dei quali sono poi stati distribuiti ai vari creator. E in cima alla lista si è piazzato l'attore Brian Baumgartner, uno dei volti della sitcom The Office, che solo nel 2020 ha incassato oltre un milione di dollari. Non male come "argent de poche".

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA