Keystone
Pere Aragonès (a sinistra) con il presidente di ERC, Oriol Junqueras
SPAGNA
15.02.2021 - 08:560

Catalogna: vincono i socialisti, ma a governare saranno gli indipendentisti

Sorpresa dell'ultra destra di VOX, che si attesta quarto partito. Crollo di Ciudadanos.

Il possibile nuovo presidente della Generalitat: «È ora di risolvere il conflitto, è ora di sedersi e vedere come risolviamo la cosa con un referendum».

BARCELLONA - È stato il Partito socialista di Catalogna (PSC) a vincere le elezioni regionali di ieri e ad attestarsi come primo partito della regione autonoma spagnola. Saranno tuttavia gli indipendentisti a governare, forti di una maggioranza rafforzata al parlamento locale.

Il PSC di Salvador Illa ha ottenuto il 23% dei consensi e 33 seggi, erodendo secondo El País il voto non indipendentista che nel 2017 era stato attribuito a Ciudadanos. Con il 21,3% di consensi, la Esquerra Republicana de Catalunya (ERC) ha tuttavia conquistato anch'essa 33 seggi e diventa per la prima volta primo partito indipendentista.

Insieme alle altre formazioni di quest'area politica, si appresta a controllare 74 seggi in parlamento. Secondo La Vanguardia, il presidente della ERC, Pere Aragonès, si profila infatti chiaramente come il futuro presidente della "Generalitat".

«È ora di risolvere il conflitto, è ora di sedersi e vedere come risolviamo la cosa con un referendum», dichiarava nei giorni scorsi Aragonès alla volta di Madrid ribadendo le aspirazioni indipendentiste della sua parte politica.

Molto distanti si collocano gli altri partiti. Tra i quali si registra però un'altra sorpresa. Con 11 seggi conquistati, il partito dell'ultra destra Vox diventa la quarta forza politica a Barcellona e lascia dietro di sé Ciudadanos, che passa dai 36 seggi che lo portarono alla vittoria nel 2017 a 6.

La giornata elettorale è stata però caratterizzata in particolare dalla scarsa partecipazione, la più bassa nella storia della democrazia catalana: il 53,5%.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-25 06:55:54 | 91.208.130.89