AUSTRIA
24.04.2014 - 10:580
Aggiornamento : 25.11.2014 - 05:59

Samra e Sabina già in Siria e spose di ribelli islamici?

Le due minorenni viennesi, sparite dal 10 aprile scorso, secondo i servizi segreti turchi si troverebbero in Siria a fianco del gruppo fondamentalista islamico Sis

VIENNA - Ancora nessuna notizia. Di Sabina Selimovic e di Samra Kesinovic, le due adolescenti sparite lo scorso 10 aprile dalle loro abitazioni di Vienna, non vi è più nessuna traccia.

Le due ragazze di 15 e 16 anni si sono imbarcate su un aereo per la Turchia e di loro non si sa più niente. Prima di partire hanno lasciato ai genitori una lettera di addio: "Siamo sulla giusta via. Andiamo in Siria a combattere per l'islam. Ci vedremo in Paradiso". Prima di disattivare il loro account sui social network, le due adolescenti su Facebook hanno scritto di essersi sposate con dei ribelli siriani.

L'Interpol ha avviato le ricerche di Sabina e Samra a livello internazionale. Sono state pubblicate le loro fotografie, sia in versione laica, sia in versione islamica, ossia con il volto coperto dal velo. Il quotidiano turco "Hürriyet" scrive che i servizi segreti turchi avrebbero catturato un segnale del telefonino delle ragazze proveniente da una cellula della Siria settentrionale, zona in cui è attivo il gruppo  terroristico "Isis", "Stato islamico in Iraq e Siria", che combatte contro l'esercito regolare del presidente Assad.

I genitori di Sabina e Samra sono disperati. E nutrono dubbi sulla fuga volontaria delle due ragazze e sulla loro adesione spontanea alla causa jidaista. Neppure per quanto riguarda i messaggi scritti su Facebook credono che siano stati pubblicati da Sabina e Samra. I genitori, come scrive l'Hürriyet, credono che le figlie si trovino ancora ad Istanbul.

Sull'edizione online dello Spiegel si legge infine, che le indagini condotte dalle autorità austriache non hanno portato a nessun elemento utile che faccia pensare che le due ragazze siano vicine all'estremismo islamico.

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 19:33:42 | 91.208.130.89