Cerca e trova immobili

GUERRA IN UCRAINA«Se il mondo non ci aiuta moriremo»

09.12.23 - 17:03
L'appello della first lady Olena Zelenska che ha esortato gli Stati Uniti a «non fare un regalo di Natale a Putin»
keystone
Fonte Silvana Logozzo, Ansa
«Se il mondo non ci aiuta moriremo»
L'appello della first lady Olena Zelenska che ha esortato gli Stati Uniti a «non fare un regalo di Natale a Putin»

La guerra a Gaza, scatenata dal massacro di Hamas il 7 ottobre, ha inevitabilmente oscurato il conflitto in Ucraina. Finora nessuno ha chiesto a Kiev di smettere di combattere e avviare un negoziato con Mosca ma evidentemente il Paese teme questo sviluppo.

Lo dimostra il drammatico appello lanciato dalla first lady Olena Zelenska: «Se il mondo si stanca di aiutarci, ci lascerà semplicemente morire. Per noi è una questione vitale», ha detto in un'intervista alla Bbc che sarà trasmessa integralmente domenica.

Esprimendo un profondo senso di angoscia di fronte agli evidenti segnali di «stanchezza» dei Paesi che finora hanno sostenuto l'Ucraina con finanziamenti cruciali per difendersi dall'esercito del Cremlino. A cominciare dagli Stati Uniti, primo Paese finanziatore, dove il 6 dicembre l'ostruzionismo dei repubblicani ha di fatto bloccato il nuovo pacchetto da oltre 108 miliardi di dollari, di cui 60 per Kiev, chiesto dall'amministrazione Biden.

«Abbiamo davvero bisogno di aiuto. Non possiamo stancarci, perché se lo facciamo, moriamo. Ci fa molto male vedere segnali che l'appassionata disponibilità che c'è stata finora può affievolirsi. Per noi è vitale. Fa male vedere ciò che sta succedendo», ha dichiarato Olena Zelenska, che ha ben presente come lo sforzo bellico del suo Paese, dopo quasi due anni dall'invasione russa, stia seriamente rischiando di dissolversi se venisse a mancare il corposo sostegno finanziario ricevuto finora.

Insomma, il supporto politico e la solidarietà a parole non bastano. Del resto l'Ucraina spera ancora nel pacchetto di aiuti statunitensi dopo la battuta d'arresto del Senato. E specialmente nelle intenzioni del presidente Joe Biden che ha definito «folle» l'ostruzionismo dei repubblicani mettendo in chiaro che in gioco non c'è solo il futuro dell'Ucraina ma di tutto il mondo libero: «Non possiamo permettere che vinca Putin», ha affermato. Parole a cui ha fatto eco il ministro degli Esteri britannico David Cameron esortando gli Stati Uniti «a non fare un regalo di Natale» al presidente russo.

Putin intanto sembrerebbe aver messo proprio la guerra in Ucraina al primo posto dell'agenda per la campagna elettorale del prossimo anno a cui si è candidato ufficialmente venerdì per un quinto mandato presidenziale. Secondo gli analisti del think tank americano Isw, il capo del Cremlino vuole superare i malumori dei parenti dei soldati e mostrare al Paese di avere il pieno sostegno dell'esercito, in modo da rendere superflua qualsiasi discussione sulla guerra durante la campagna.

I piani sono chiari: l'Ucraina resta sotto attacco, possibilmente prendendo il controllo di Avdiivka, e forse Kupiansk (nel Donetsk) prima del voto che partirà il 15 marzo. Kiev però non molla: pur se indebolita dal mancato successo della controffensiva e dai timori di essere abbandonata dal principale alleato, oggi ha rilanciato il punto numero uno della strategia ucraina sul terreno per bocca del ministro della Difesa Rustem Umerov. Che alla tv pubblica ha dichiarato: «L'esercito si sta preparando, nel 2024 costringeremo i russi a lasciare la Crimea per sempre».

COMMENTI
 

Marco2023 2 mesi fa su tio
inviare medicinali, alimenti, vestiti..ok..inviare bombe no...grazie...

SelT 2 mesi fa su tio
Ci sono fazioni che vogliono tregua e negoziati (lasciare le regioni separatiste alla Federazione Russa) e altre che vogliono continuare la guerra (continuare il massacro fino in Crimea). Negoziare non vuol dire morte, ne futura invasione dell’Europa.

Meck1970 2 mesi fa su tio
Stiamo parlando di miliardi che, prima di essere dati ad altri, dovrebbero essere utilizzati per il benessere del proprio popolo. Poi, se rimane qualcosa, va bene aiutare chi ne ha veramente bisogno.

W.Bernasconi 2 mesi fa su tio
Risposta a Meck1970
Posso capire il suo ragionamento ma nasce spontanea una domanda; le sembra che i paesi sostenitori dell’Ucraina stanno rinunciando al benessere del proprio popolo per aiutarli?

medioman 2 mesi fa su tio
Risposta a W.Bernasconi
Tutti quei miliardi prima o poi li pagherà il popolo con aumenti e le tasse.

W.Bernasconi 2 mesi fa su tio
Risposta a medioman
Dice? Non so..

Nolema 2 mesi fa su tio
Ma non sono stati aiutati abbastanza sti ........ ?

Lukas82 2 mesi fa su tio
E bhon..

Hannoveraner 2 mesi fa su tio
Chi se ne frega

leopold 2 mesi fa su tio
Risposta a Hannoveraner
B e s t i a

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a leopold
😂

medioman 2 mesi fa su tio
Risposta a leopold
Bestia sarà Zelensky e la bella Zelenska 😁

Gemelli57 2 mesi fa su tio
Risposta a leopold
👍

medioman 2 mesi fa su tio
È il secondo articolo con lo stesso titolo in giornata sul Tio, non sanno più cosa fare per attirare l’attenzione 😭😭

Princi 2 mesi fa su tio
il comico usa anche la moglie per ricevere i regali di natale ? aspettiamo Trump

leobm 2 mesi fa su tio
Secondo me se gli Usa volessero proporre un serio piano di reciproca sicurezza con la Russia e la povera Ucraina la pace e la fine della sicurezza è dietro l'angolo, ma agli USA sta comodo così sfruttando la vita degli Ucraini, lo si è visto con un il veto all'ONU di ieri

Gemelli57 2 mesi fa su tio
Intanto si provveda a non aiutare Israele e ricordo che l'Ucraina e' stata invasa da un paese straniero, fratelli? ma fatemi il piacere! Ah beh forse se prendiamo in considerazione Caino ed Abele......

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a Gemelli57
👍 bravo!

Bigman2 2 mesi fa su tio
Da oltre 2 anni il mondo vi aiuta. Quanto avete messo da parte finora a scapito del popolo che muore realmente??????

Celoblu 2 mesi fa su tio
Speriamo abbiano le pa… Zelensky e moglie di non fuggire in America che si prendano le loro responsabilità, il fratellicidio dei russofoni in Ucraina è iniziato nel 2014.

TheQueen 2 mesi fa su tio
Risposta a Celoblu
Si certo te lo hanno detto al baretto?

DavideBernasconi 2 mesi fa su tio
Risposta a Celoblu
Dal Cremlino è tutto; a voi in studio!

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a DavideBernasconi
Che ci vuoi fare in questo articolo i trolls 🧌 si sono riuniti 🤷‍♂️

DavideBernasconi 2 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Quello che mi fa specie è questa supponenza di chi crede di saperla più degli altri ed il desiderio che l'Ucraina perda (chissene frege alcuni scrivono). Non si rendono conto di cosa voglia dire permettere questo a livello geopolitico. Significa ammsttere che il mondo dei Liberi è debole e può essere sottomesso se si tocca il portafoglio o i comfort del suo popolo (che comfort abbiamo peroso poi? Inflazio e poi causata dalla russia, che ha aumentato i prezzi per finanziarsi la guerra). Le democrazie devono tornare ad armarsi e difendersi in modo attivo. Anche la Svizzera deve muoversi e correre ai ripari, e aggiornarsi sul discorso di nautralità ed esportazione di armi. Perchè dico questo? Perchè quello che certi sognori non hanno capito è che siamo in guerra! Non quella convenzionale, ma quella dell'informazione, delle fakenews, della propganada, dei bot, dei corrotti nelle istituzioni e negli apparati governativi. Dobbiamo sostenere l'Ucraina e impedire a Putin di vincere. Se non lo facciamo, dovremmo difenderci poi un domani, ma non più dal divano, ma imbracciando un fucile.

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a DavideBernasconi
La penso come te e aggiungo che quel giorno che dovrò imbracciare il fucile contro un invasione da est, prima sparerò ai “sabotatori” che troverò tra i nostri ranghi, perché sono i più pericolosi. Come hanno fatto gli Ucraini all’inizio, catturando i “sabotatori” inviati mesi e mesi prima dalla Russia. Non so se hai presente .. quelli che cerchiavano con la pittura speciale gli obiettivi da colpire.. noi abbiamo i sabotatori già all’opera su Tio.

DavideBernasconi 2 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Sono facili da trovare, li trovi al bar alle 6:00 con il bianchino in mano e la verità in tasca. HAHAHAH

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a DavideBernasconi
È che se saremo chiamati alle armi ci ritroveremo quei parassiti tra i piedi..

Mastro78 2 mesi fa su tio
Articolo ripetitivo

Privato Pinco 2 mesi fa su tio
E ora manda avanti la moglie, chissà che magari intenerisce il mondo intero ;-D

AnnK88 2 mesi fa su tio
Chi semina vento, raccoglie tempesta

RV50 2 mesi fa su tio
Cosé un vizio di famiglia finito lui ormai poco credibile , inizia lei a fare la parte del marito.... rendetevi conto che non c'é solo l'Ucraina nel mondo e quindi ci sono altri problemi internazionali da risolvere !!!

DavideBernasconi 2 mesi fa su tio
Risposta a RV50
Infatti il problrma sono tutti i dittatori che si sono coordinati e stanno attaccando il mondo dei Liberi. Il problrma è più ampio, per questo bisogno sostenere l'Ucraina.

curiuus 2 mesi fa su tio
Pitocca ti che pitocchi mi... 🤣🤣🤣
NOTIZIE PIÙ LETTE