Cerca e trova immobili

ITALIALe ricerche su Internet su come uccidere, prima del delitto

01.06.23 - 17:15
I magistrati milanesi contestano la premeditazione al 30enne accusato di aver ucciso la fidanzata incinta
Depositphotos (canbedone)
Le ricerche su Internet su come uccidere, prima del delitto
I magistrati milanesi contestano la premeditazione al 30enne accusato di aver ucciso la fidanzata incinta

SENAGO - Non un omicidio d'impeto, ma un delitto premeditato: il 30enne accusato di aver assassinato la compagna - incinta di sette mesi - a Senago e di aver tentato di bruciarne per due volte il corpo aveva compiuto delle ricerche su Internet su come togliere la vita a una persona e poi sbarazzarne il cadavere.

«Lo abbiamo scoperto dalle stringhe di ricerca fatte dall’omicida. Ed è per questo che gli abbiamo contestato anche la premeditazione», ha dichiarato la pubblico ministero Alessia Menegazzo nel corso della conferenza stampa che ha avuto luogo nelle scorse ore. Gli inquirenti hanno svelato qualche dettaglio della tragica vicenda. L'uomo ha tentato di eliminare le tracce del delitto «usando prima alcol per bruciare il cadavere in bagno e poi la benzina nel box. Ma non c’è riuscito». Quindi ha optato per nascondere il corpo tra due box, a poche centinaia di metri dal luogo in cui sarebbe avvenuto l'omicidio.

Il presunto assassino, sul quale si erano concentrati fortemente i sospetti di chi da giorni si occupava della sparizione della 29enne, è crollato nella notte tra mercoledì e giovedì. Ha quindi ammesso di aver ucciso la fidanzata a coltellate e di aver tentato, in due riprese e in due luoghi diversi, di disfarsi del corpo. Gli inquirenti pensano che possa essere stato aiutato da un complice nel portare fuori il cadavere dal loro appartamento, anche se lui spiega di aver fatto tutto da solo. In seguito il 30enne avrebbe cercato di vedere l'altra donna con la quale aveva una relazione, che però si era rifiutata d'incontrarlo.

A incastrarlo ci sarebbero una serie di errori commessi, d'incongruenze nel suo racconto e anche di rilievi scientifici. I magistrati milanesi, alla luce di quanto appreso finora, contesteranno anche l'aggravante della premeditazione. L'accusa è di omicidio volontario aggravato, occultamento di cadavere e interruzione di gravidanza senza consenso. Il 30enne si trova nel carcere di San Vittore a Milano.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Cula 1 anno fa su tio
Neanche dargli da mangiare sotto terra e basta

Kryo70 1 anno fa su tio
In Cina non ci metterebbero molto… Senza “se” e senza “ma”.

Pocahontas 1 anno fa su tio
A vita dietro le sbarre senza uscire mai!!!

gufo 1 anno fa su tio
condivido con Brissago

IL TIZ 1 anno fa su tio
Brissago tutto il mio appoggio 💪🏼 condivido e spero sempre un giorno sia così anke in Europa sarebbe la pace e la tranquillità di molte donne. Dico solo serve pulizia in certe situazioni

Brissago 1 anno fa su tio
Cina America e altri stati nel mondo la usano ancora!

bic66 1 anno fa su tio
Risposta a Brissago
👍

Mat78 1 anno fa su tio
SinoContro la pena capitale, ma certe volte verrebbe da fare eccezioni…

volabas56 1 anno fa su tio
Una ...... umana

Capra 1 anno fa su tio
Un vero rifiuto
NOTIZIE PIÙ LETTE