Cerca e trova immobili

CINA Stretta sui giornalisti cinesi, accusato Dong Yuyu

24.04.23 - 17:52
Da editorialista e direttore del Guangming Daily aveva aiutato il mondo a conprendere la Cina
Reuters
Fonte ATS ANS
Stretta sui giornalisti cinesi, accusato Dong Yuyu
Da editorialista e direttore del Guangming Daily aveva aiutato il mondo a conprendere la Cina

PECHINO - Dong Yuyu, noto ex editorialista e direttore del Guangming Daily, una delle testate di punta del Partito comunista cinese, è stato accusato di spionaggio per le interazioni avute con diplomatici e accademici giapponesi e statunitensi. Lo ha riferito la sua famiglia, commentando pubblicamente per la prima volta la vicenda, a più di un anno dall'arresto di febbraio 2022 suo e del diplomatico nipponico con cui stava pranzando in un ristorante nel centro di Pechino.

Sulla vicenda, che diede il via ad aspre tensioni con Tokyo, i familiari di Dong, 61 anni, hanno respinto le accuse. In sua difesa è intervenuto, tra gli altri, anche il National Press Club di Washington, ricordando che il giornalista aveva cominciato a lavorare per il Guangming Daily nel 1987.

«Era ben noto a molti giornalisti e diplomatici occidentali, ha collaborato con il New York Times e ha vinto molti premi e borse di studio completate in Giappone e negli Usa», si legge in una nota. Attraverso il suo lavoro, Dong «ha aiutato il mondo ad avere una migliore comprensione della Cina e ha riportato con sé da Giappone e da Stati Uniti una comprensione della vita in quei Paesi: un giornalista con un ottimo curriculum e queste azioni contro di lui non incoraggiano una percezione positiva della Cina. Esortiamo il governo a rilasciare Yuyu e a far cadere le accuse contro di lui».

Per decenni Dong, ha scritto invece il New York Times, ha regolarmente incontrato stranieri, inclusi diplomatici e giornalisti, in parte per dare conto della sua attività di scrittore. «Ma ora le autorità stanno osservando quelle interazioni come prova che stava lavorando come agente straniero, potenzialmente per il Giappone o gli Stati Uniti, secondo la famiglia di Dong». Dalla salita al potere del presidente Xi Jinping, queste interazioni hanno alimentato sospetti e diffidenze «nei confronti dei Paesi stranieri e soprattutto occidentali», viste come dirette a minare la Cina. Allo stesso tempo, «è stato praticamente eliminato lo spazio per visioni liberali come quella di Dong, in parte descrivendole come un altro sintomo d'ingerenza straniera».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE