Cerca e trova immobili

AZERBAIGIANScontri al confine tra Azerbaigian e Armenia

13.09.22 - 07:42
I due paesi si accusano l'un l'altro per l'inizio dell'escalation. Yerevan chiede aiuto a Putin
AFP (2020)
Fonte Ats
Scontri al confine tra Azerbaigian e Armenia
I due paesi si accusano l'un l'altro per l'inizio dell'escalation. Yerevan chiede aiuto a Putin

BAKU - Scontri al confine tra Armenia e Azerbaigian. In comunicati speculari, resi noti dalle agenzie russe Tass e Interfax, i ministeri della difesa dei due paesi si accusano l'un l'altro per l'escalation.

L'esercito azero ha subito perdite di uomini a causa dei bombardamenti delle unità delle Forze armate armene, ha riferito il Ministero della difesa dell'Azerbaigian. «Alcune posizioni, rifugi e roccaforti delle Forze armate azere nelle regioni di Dashkesan, Lachin e Kalbajar sono state sottoposte a un intenso fuoco da parte delle unità dell'esercito armeno con armi di vario calibro, compresi i mortai. Di conseguenza, si sono registrate perdite tra il personale e danni alle infrastrutture militari», ha dichiarato il servizio stampa del Ministero della difesa dell'Azerbaigian.

A sua volta il ministero della difesa dell'Armenia riferisce che le forze armate dell'Azerbaigian stanno conducendo bombardamenti in tre direzioni, utilizzando veicoli aerei senza pilota. «È stata presa la decisione di appellarsi formalmente alla Federazione Russa al fine di attuare le disposizioni del Trattato di amicizia, cooperazione e mutua assistenza. Ci sarà anche un appello all'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (Otsc) e al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in relazione all'aggressione contro il territorio sovrano dell'Armenia», ha annunciato il riferisce il Consiglio dei ministri armeno, citato dall'agenzia russa Tass.

L'Otsc citato da Yerevan è una alleanza militare creata nel 1992 e di cui fanno parte Armenia, Russia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan.

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha avuto una conversazione telefonica con il presidente russo Vladimir Putin, durante la quale le parti hanno discusso dell'escalation al confine tra Armenia e Azerbaigian, riferisce ancora il gabinetto armeno.

«Il primo ministro ha fornito dettagli sulle azioni provocatorie e aggressive delle forze armate azere in direzione del territorio sovrano dell'Armenia, accompagnate da bombardamenti di artiglieria e armi da fuoco di grosso calibro. Ha considerato le azioni della parte azerbaigiana inaccettabile e ha sottolineato l'importanza di una risposta adeguata da parte della comunità internazionale», si legge in un comunicato.
 
 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE