Immobili
Veicoli

ITALIAÈ morta a 112 anni la "Nonna d'Italia"

08.05.22 - 22:56
Angela Tiraboschi si è spenta la scorsa notte. Ne ha dato notizia il Governatore lombardo Attilio Fontana
Attilio Fontana (Facebook)
ITALIA
08.05.22 - 22:56
È morta a 112 anni la "Nonna d'Italia"
Angela Tiraboschi si è spenta la scorsa notte. Ne ha dato notizia il Governatore lombardo Attilio Fontana

BERGAMO - Era nata il 19 aprile 1910 ed era l'italiana più anziana residente nella Penisola, per questo simpaticamente ribattezzata "nonna d'Italia". Angela Tiraboschi si è spenta la scorsa notte a 112 anni, compiuti poco meno di un mese fa, appunto il 19 aprile scorso. È morta nel sonno nella sua casa di via Coghetti, in centro a Bergamo.

Angela era nativa di Oltre il Colle, centro montano delle prealpi bergamasche che anche la prossima estate avrebbe voluto raggiungere, come faceva tutti gli anni nella bella stagione per lasciare la calura della città. «Da alcune settimane si aiutava con un respiratore - racconta il figlio Roberto Brozzoni -. Ieri sera si è addormentata e non si è più svegliata». Una ventina di giorni fa aveva ricevuto anche gli auguri del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

Nonostante l'età, Angela Tiraboschi amava ancora leggere e ricordare la sua vita in Val Serina, soprattutto le passeggiate nei boschi. «Mangio di tutto - aveva confidato alla vigilia del suo 112/o compleanno - e ai giovani dico: siate onesti».

Dopo la scomparsa nel 2015 di Maria Crescini, sempre bergamasca, di Riva di Solto, all'età di 111 anni e 331 giorni, Angela Tiraboschi era anche diventata la bergamasca più longeva di sempre, mentre nella storia dei supercentenari italiani occupava il 39/o posto. Non era tuttavia la cittadina italiana vivente più longeva: in Brasile vive infatti un uomo di nazionalità italiana nato cinque mesi prima di lei. L'italiana che detiene il primato di longevità è stata invece la piemontese Emma Morano, che è vissuta fino a 117 anni.

Angela Tiraboschi aveva quattro figli: Roberto e Maria, che la accudivano a casa, e poi Luciana e Pietro, tutti tra i 70 e gli 85 anni. Tifosa dell'Atalanta, soltanto da un anno non camminava più ed era costretta sulla sedia a rotelle dopo che si era rotta un femore. «Il suo segreto? Essere sempre precisa e meticolosa. E anche curiosa», svela il figlio Roberto. 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO