Immobili
Veicoli
Processo Floyd, un paese intero in attesa del verdetto

STATI UNITIProcesso Floyd, un paese intero in attesa del verdetto

20.04.21 - 08:10
La giuria tornerà oggi a riunirsi. Ma una decisione potrebbe non arrivare prima di domani
keystone-sda.ch (CRAIG LASSIG)
Processo Floyd, un paese intero in attesa del verdetto
La giuria tornerà oggi a riunirsi. Ma una decisione potrebbe non arrivare prima di domani
Ieri le arringhe finali. Il procuratore Schleicher: «Chauvin voleva vincere e Floyd ha pagato con la vita». La difesa chiede l'assoluzione: «Colpevolezza non dimostrata oltre ogni ragionevole dubbio».

MINNEAPOLIS - Il processo per la morte di George Floyd è giunto alle battute finali. Concluse le arringhe, la giuria si è riunita per deliberare il proprio verdetto: decidere se l'ex agente di polizia Derek Chauvin è o meno colpevole di omicidio. Un verdetto che non solo Minneapolis ma l'intero Paese attende. «Prendetevi il tempo necessario. La vostra decisione deve essere unanime e non dovete lasciarvi influenzare dalle possibili conseguenze», ha detto il giudice Peter Cahill.

La prima giornata di deliberazioni si è però conclusa senza una decisione e i giurati, che trascorrono la notte in hotel, torneranno a riunirsi nelle prossime ore. Ma il loro verdetto potrebbe non arrivare prima di domani.

«Chauvin voleva vincere e Floyd ha pagato con la vita»
Nella sua arringa finale, il procuratore dell'accusa Steve Schleicher ha ricordato la lunga agonia di Floyd. «Nove minuti e 29 secondi» con il ginocchio di Chauvin sul suo collo, durante i quali «ha lottato disperatamente per respirare. Ma la forza era troppa». Il 25 maggio 2020, George Floyd «è morto a faccia in giù sul marciapiede». «Intrappolato, con il pavimento sotto di lui, inflessibile come» chi lo teneva inchiodato al suolo. E per la prima volta, il procuratore ha evocato di fronte alla giuria la condizione mentale dell'ex agente, uno degli elementi che potrebbe essere la chiave per una sua condanna. «Non ha lasciato che i passanti gli dicessero cosa fare. Ha fatto ciò che voleva, come voleva farlo e per tutto il tempo che ha voluto. E non c'è stato niente, niente che gli altri potessero fare, perché lui aveva l'autorità. Aveva il potere. E gli altri agenti e i passanti erano inermi». «Voleva vincere lui e George Floyd ha pagato con la sua vita.»

La difesa chiede l'assoluzione
L'avvocato difensore di Chauvin, Eric Nelson, ha illustrato ai giurati che sulla base delle informazioni che aveva al momento del fermo di George Floyd, l'ex agente si è comportato come avrebbe fatto qualunque altro collega «ragionevole» al suo posto. Inoltre, per Nelson - che ha pure insistito su come l'uso di droghe e le condizioni di salute della vittima abbiano avuto un ruolo nella sua morte - l'accusa «non è riuscita a dimostrare oltre ogni ragionevole dubbio» le proprie affermazioni. E per questo Chauvin «dovrebbe essere ritenuto non colpevole», ha detto Nelson, chiedendo l'assoluzione.

«Floyd è morto perché il cuore di Chauvin era troppo piccolo»
In replica, il procuratore Jerry Blackwell ha insistito sul fatto che «non possono esserci scuse per gli abusi compiuti dalla polizia». La difesa ha parlato di droga (il fentanyl), ha parlato di insufficienza cardiaca e di ritardo nell'arrivo dei soccorsi. «Hanno sostenuto che i paramedici hanno impiegato più tempo del previsto per arrivare sul posto. Sarebbero dovuti essere lì entro tre minuti». Ma, ha proseguito Blackwell, «il buon senso vi dirà che il semplice fatto che abbiano impiegato più tempo di quanto il signor Chauvin abbia pensato non era un motivo sufficiente per usare una forza eccessiva o per restare indifferenti» al fatto che Floyd non avesse più polso. «George Floyd è morto perché il cuore del signor Chauvin era troppo piccolo».

COMMENTI
 
Peter Parker 1 anno fa su tio
Potreste anche spiegare come i sostenitori BLM ed affini stanno passando l‘attesa? Magari fate vedere qualche video di come questi paladini della giustizia (solo la loro però) si stanno comportando, ovviamente sostenuti dall‘amministrazione ed dai compagni Dems? A tale proposito, vi informo che la splendida Maxine Waters (pura e dura Dem) ha pubblicamente esortato la folla di pacifici a diventare più aggressivi e reazionari in caso di verdetto non in linea con quello che vogliono loro. E questo ha fatto dire al giudice del processo che questo commento può dare un grosso stimolo e supporto ad un eventuale appello da parte della difesa... Ma in fondo questi sono dettagli, no?
Gandi81. 1 anno fa su tio
@Tgas ma sei serio? Mica lo dipingono come criminale, e una vittima della polizia americana come molti altri e stanno solo facendo un esempio su come dovrebbero andare le cose. Secondo te era normale tenere il ginocchio sul collo per più di 8 minuti? Pure quando e ammanettato e dice che non può respirare fare finta di niente? Nessuno merita di morire, abbiamo tutti fatto sbagli nella vita, mica doveva morire perche ha usato 20 dollari falsi e magari era sotto effetto di stupefacenti.
TGas 1 anno fa su tio
Floyd era un criminale. Stanno dipingendo un criminale come un eroe.
Tato50 1 anno fa su tio
E i parenti si sono cuccati 27 milioni di risarcimento !! Comunque, da ex poliziotto, quello che lo teneva fermo con il ginocchio per oltre 8 minuti è un fetente, quando in 30 secondi lo ammanettavano e lo portavano via. Gli altri che girovagavano intorno non è che siano meglio, potevano intervenire ma forse quello era il capo e al capo si da sempre ragione. Adesso spero che il "capo" si becchi 30 anni almeno si allena in cella ;-((
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO