keystone-sda.ch
+4
STATI UNITI
16.04.2021 - 15:170
Aggiornamento : 18:22

Strage al deposito FedEx, 8 morti e un movente ancora nell'ombra

La polizia conferma il bilancio delle vittime all'indomani della sparatoria

Il governatore dell'Indiana, Eric Holcomb: «È un altro giorno straziante». Il Procuratore generale: «In attesa dei dettagli per capire cosa sia effettivamente accaduto e in che modo».

INDIANAPOLIS - Otto persone uccise, cinque ferite da colpi di arma da fuoco e trasportate in ospedale e altre due ferite ma soccorse direttamente sul posto. Sono queste le cifre riviste del primo bollettino ufficiale pubblicato dalle autorità all'indomani della strage avvenuta in un deposito della FedEx a Indianapolis.

Nessuna parola invece, per il momento, sull'esatta dinamica della strage né sul possibile movente dell'autore, la cui identità non è stata ancora confermata. Gli accertamenti, fa sapere il dipartimento di Indianapolis, sono tuttora in corso e gli inquirenti - che hanno pure lanciato un appello ad eventuali testimoni - stanno raccogliendo le testimonianze delle persone che hanno assistito al fatto o che si trovavano nelle immediate vicinanze in quel momento.

In questo momento, ha detto durante una conferenza stampa l'agente speciale dell'FBI incaricato del caso, Paul Keenan, «sarebbe prematuro speculare sul possibile movente». L'unica conferma sul presunto autore della strage è il fatto che si è tolto la vita sul posto. Le autorità hanno mantenuto per ora il riserbo anche sull'identità delle vittime. I loro nomi - si legge in un comunicato - saranno resi noti pubblicamente solo dopo aver informato tutti i familiari.

È accaduto tutto in un paio di minuti
Le testimonianze raccolte all'esterno del deposito FedEx dai media statunitensi subito dopo il fatto hanno parlato di persone uccise sia all'interno dell'edificio che nei posteggi esterni. La strage, ha detto in uno dei momenti informativi il portavoce della polizia, si sarebbe consumata nel giro di un paio di minuti. Sempre secondo alcuni testimoni, la persona che ha aperto il fuoco imbracciava un'arma automatica, probabilmente un fucile.

Bandiere a mezz'asta per le vittime
«Questo è un altro giorno straziante e sono sconvolto dalla sparatoria avvenuta al deposito FedEx di Indianapolis», ha scritto in un tweet il governatore dello stato dell'Indiana, Eric Holcomb, annunciando che da oggi al tramonto di martedì prossimo le bandiere degli edifici governativi saranno abbassate a mezz'asta in ricordo delle vittime della strage. Anche il Procuratore generale dello stato, Todd Rokita, si è unito al cordoglio "social" aggiungendo di «essere in attesa dei nuovi dettagli che permettano di determinare cosa sia accaduto esattamente e come».

Il cordoglio della Casa Bianca

La portavoce della Casa Bianca ha manifestato il cordoglio del presidente Biden per quanto avvenuto e ha ricordato gli appelli al Congresso per una legislazione più severa sulle armi da fuoco. «Non possiamo permetterci di aspettare ad agire mentre vengono uccise persone innocenti». Biden in persona ha aggiunto: «La violenza armata è un'epidemia in America. Ma non dovremmo accettarla. Dobbiamo agire».

keystone-sda.ch
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 12:46:29 | 91.208.130.86