keystone-sda.ch (Eric Gaillard)
+10
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
EUROPA
25 min
In un'Europa meno inquinata ci sarebbero 50mila decessi in meno
«Molte città non stanno ancora facendo abbastanza» sostiene uno degli autori dello studio
STATI UNITI
55 min
Washington si prepara: «I militari sono praticamente ovunque»
C’è chi descrive la città come una zona di guerra: «È semplicemente scioccante» racconta un'abitante.
STATI UNITI
1 ora
Trump grazia Steve Bannon
L'ex capo stratega della Casa Bianca era stato accusato di frode
GERMANIA
1 ora
Merkel non esclude i controlli alle frontiere per arginare la diffusione della variante inglese
«Non possiamo permettere che le infezioni arrivino perché i partner seguono altre strade».
MONDO
1 ora
La variante inglese avanza: ora è presente in almeno 60 Paesi
Lo ha comunicato l'OMS, precisando che in una settimana si sono aggiunte 10 nazioni
CINA
1 ora
Jack Ma riappare dopo due mesi
L'imprenditore è intervenuto oggi in una conferenza online
STATI UNITI
1 ora
La pandemia premia Netflix
Sono stati superati i 200 milioni di abbonamenti
FOTO
STATI UNITI
2 ore
Fuori Trump, dentro Biden
Dalla notte elettorale all'insediamento di oggi: una buia parentesi nella storia della democrazia americana
MONDO
2 ore
L'Europa ha perso fiducia negli USA, occhi puntati sulla Cina
Da un sondaggio emerge la convinzione degli europei che sarà la Cina il prossimo leader mondiale
STATI UNITI / MESSICO
9 ore
Premiati i bilzo balzo rosa a cavallo del confine tra Usa e Messico
I giudici del Design of the Year ne hanno riconosciuto il valore «simbolicamente importante»
ITALIA
10 ore
Conte ha superato la prova del Senato
Il premier ha ottenuto la fiducia con 156 voti favorevoli, 140 contrari e 16 astenuti
FOTO
ITALIA
11 ore
Il museo chiude per il Covid e lui si porta a casa un Salvator Mundi
È successo in quel di Napoli, finito in manette un 36enne che teneva la copia del quadro di Leonardo in camera sua
PAESI BASSI
12 ore
Allevamenti di capre di nuovo pericolosi per la salute?
Più la fattoria è vicina, maggiore è il rischio di contrarre la malattia. Gli studiosi indagano sulle possibili cause
STATI UNITI
13 ore
Addio alla Casa Bianca: e ora cosa farà Trump?
Nel futuro l'impeachment, processi, indagini, forse la politica e molta incertezza
FOTO
CINA
13 ore
Un centro per 4'000 quarantene a tempo di record
La struttura in costruzione nella città di Shijiazhuang. Oltre 22 milioni di abitanti nello Hebei sono in lockdown
LE FOTO
GIAPPONE
14 ore
Maxi tamponamento coinvolge 130 veicoli
C'è una tempesta all'origine dell'incidente, che ha causato un morto e diversi feriti
UNIONE EUROPEA
14 ore
La proposta dell'Ue: aiuti di Stato fino al 31 dicembre
«Le aziende europee hanno bisogno di ulteriore supporto»
STATI UNITI
14 ore
Ultimo schiaffo di Trump a Pechino: «Contro gli uiguri un genocidio»
Così si è espresso il segretario di Stato americano Mike Pompeo il giorno prima della fine del suo mandato.
STATI UNITI
15 ore
Rubò il laptop di Nancy Pelosi, arrestata
La donna, secondo le indagini dell'FBI, voleva venderlo all'intelligence russa
POLONIA
15 ore
Sequestrati 5kg di capelli
Il valore della merce recuperata si aggira attorno ai 4mila franchi svizzeri
FRANCIA
29.10.2020 - 09:510
Aggiornamento : 18:06

Nizza, i morti sono tre. Emmanuel Macron visita il luogo dell'attentato

La Francia è tornata in queste ore allo stato di massima allerta antiterrorismo.

L'aggressore è stato ferito dalla polizia. Le vittime sono due donne e il sacrestano della basilica.

NIZZA - È di tre morti e diversi feriti il bilancio dell'aggressione all'arma bianca avvenuta questa mattina a Nizza. L'attacco è avvenuto nella cattedrale di Notre-Dame. La polizia ha invitato la popolazione a evitare la zona e poi, dopo essere intervenuta sul posto, ha arrestato il responsabile.

Le vittime - Il sacrestano di Notre-Dame e due donne, una settantenne e una mamma di 40 anni, sono le vittime dell'attacco di oggi nella basilica. Una donna di circa 70 anni è stata ferita profondamente alla gola, quasi decapitata, secondo quanto riferiscono fonti della polizia scientifica a France Info. Il suo corpo giaceva nei pressi dell'acquasantiera. Ucciso anche il sacrestano, un laico stipendiato dalla diocesi. Aveva circa 50 anni ed era padre di due bambini. È stato sgozzato. La terza vittima è una donna di circa 40 anni, morta all'esterno della basilica dopo essere fuggita per rifugiarsi in un bar, dove è deceduta per le conseguenze delle ferite profonde alla gola. Prima di morire il suo ultimo pensiero è stato per i suoi bambini: «Dite ai miei figli che li amo».

L'attentatore - «L'autore dell'attentato, mentre veniva medicato dopo essere stato ferito dalla polizia, continuava a gridare senza interruzione Allah Akbar», ha riferito invece il sindaco di Nizza, Christian Estrosi, intervistato da BFM-TV. Per Estrosi, «non c'è alcun dubbio sulla natura dell'attacco». Fonti di polizia e del governo confermano che l'assalitore è stato ferito e arrestato: al momento si trova in ospedale e le sue condizioni sarebbero gravi.

L'uomo si chiama Brahim Aoussaoui, cittadino tunisino di 21 anni. Una volta ricoverato, avrebbe spiegato di non avere complici.

Macron a Nizza e si torna allo stato d'emergenza attentati - Il ministro dell'Interno francese Gérald Darmanin ha annunciato su Twitter la convocazione di una riunione di crisi. Il risultato è la riattivazione dello stato d'emergenza attentati, secondo il sito di Radio Europe 1. Darmanin ha inoltre diramato una comunicazione ai prefetti: «Rafforzamento della sorveglianza dei luoghi di culto dopo l'attacco all'arma bianca a Nizza». Anche il Presidente Emmanuel Macron si è recato sul luogo, e ha parlato di «un attentato terroristico islamista» oggi a Nizza ed ha garantito il «sostegno ai cattolici da tutto il paese». «Voglio innanzitutto dare il sostegno della nazione intera ai cattolici di Francia e del mondo» ha dichiarato Macron parlando davanti alla chiesa in cui è avvenuto l'attentato. «Dopo l'assassinio di padre Hamel nell'estate 2016, i cattolici sono di nuovo attaccati nel nostro paese, minacciati. La nazione intera è al loro fianco e ci resterà perché la religione possa continuare ad esercitarsi liberamente nel nostro paese». «In Francia - ha proseguito il presidente - c'è una sola comunità, la comunità nazionale. Dobbiamo, in questi momenti, unirci e non cedere nulla allo spirito di divisione». Macron ha quindi annunciato il passaggio da 3'000 a 7'000 dei militari dell'operazione "Sentinelle" preposta alla sorveglianza armata antiterrorismo ad opera dell'esercito. Dal 2015, dopo gli attentati, i militari sono stati chiamati di rinforzo per la sorveglianza nelle strade e ai luoghi sensibili.

Il primo ministro Jean Castex ha annunciato davanti ai deputati all'Assemblea nazionale che sarà varato subito il piano "Vigipirate" di allerta antiterrorismo in tutto il paese al suo «massimo livello», quello denominato «attentato imminente». Castex, riferendo sull'attentato di Nizza dopo aver sospeso la seduta sull'instaurazione del lockdown per recarsi alla cellula di crisi al ministero dell'interno, ha detto che «la risposta della Francia sarà ferma, implacabile e immediata».

La condanna - Unanime la condanna di quanto avvenuto a Nizza. Tra i messaggi di cordoglio e le prese di distanza ci sono anche quelle del Consiglio francese del culto musulmano e quello della Turchia: Ankara - impegnata in questi giorni in una rovente polemica con Parigi - condanna «fermamente» l'attacco «selvaggio» avvenuto nella città meridionale.

«Informato del feroce attacco che è stato perpetrato questa mattina in una chiesa di Nizza, provocando la morte di diverse persone innocenti», papa Francesco «si unisce in preghiera con la sofferenza delle famiglie colpite e condivide il loro dolore». Lo scrive il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin in un telegramma di cordoglio per le vittime dell'attentato, inviato a nome del Papa al vescovo di Nizza, mons. André Marceau. Il Pontefice «chiede al Signore di portare loro il conforto e affida le vittime alla sua misericordia».

«Condannando nel modo più forte possibile tali violenti atti di terrore», prosegue il messaggio, Francesco «assicura la sua vicinanza alla Comunità cattolica di Francia e a tutto il popolo francese che chiama all'unità». «Affidando la Francia alla protezione di Notre-Dame - conclude -, dà con tutto il cuore la Benedizione Apostolica a tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia».

«Sono vicino alla comunità cattolica di #Nizza, in lutto per l'attacco che ha seminato morte in un luogo di preghiera e di consolazione - dice quindi il Papa in un tweet -. Prego per le vittime, per le loro famiglie e per l'amato popolo francese, perché possa reagire al male con il bene». 

Attacco al consolato francese a Gedda - Intanto, si registra pure un attacco al consolato francese a Gedda, in Arabia Saudita, dove una guardia è stata ferita da un assalitore. Quest'ultimo sarebbe un cittadino saudita. Lo riferiscono i media locali.

«L'ambasciata di Francia condanna fermamente questo attacco contro una sede diplomatica ne niente può giustificare», scrive la rappresentanza francese a Riad come riporta France Info. 

Attentati antifrancesi? - Quest'ultimo assalto e quello avvenuto in mattinata a Nizza potrebbero essere legati alle recenti tensioni che contrappongono Parigi e il mondo islamico. Da quest'ultimo arrivano in particolare accuse di islamofobia per la campagna anti islamista lanciata da Parigi. La stretta francese è seguita all'uccisione, due settimane or sono, del docente di scuola media Samuel Paty, che, nell'ambito di una lezione sulla libertà d'espressione, aveva mostrato ai suoi allievi le caricature su Maometto di Charlie Hebdo.

Killer sbarcato a Lampedusa - Il killer che ha colpito nella chiesa di Nizza è sbarcato a Lampedusa assieme ad altri migranti. La conferma delle modalità con cui il tunisino è entrato in Europa arriva da fonti degli apparati di sicurezza italiani secondo le quali nell'isola c'è stata la prima registrazione dell'uomo.

Sono in corso tutti gli accertamenti per ricostruire i vari spostamenti del tunisino, in stretto contatto con le autorità francesi.

Non è la prima volta che un tunisino sbarcato in Italia si è poi reso protagonista di atti di terrorismo in Europa: a febbraio del 2011 sempre a Lampedusa arrivò - assieme a migliaia di tunisini - Anis Amri, l'autore della strage al mercatino di Natale di Berlino nel 2016. Al momento dello sbarco Amri si dichiarò minorenne e fu trasferito in un centro per minori in Sicilia.

keystone-sda.ch (Eric Gaillard)
Guarda tutte le 13 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-20 09:08:10 | 91.208.130.86