Polizia
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ISRAELE
5 ore
Netanyahu senza maggioranza, Gantz avanti d'un soffio
ITALIA
6 ore
Renzi lancia "Italia viva"
SPAGNA
6 ore
La Spagna torna al voto
STATI UNITI
6 ore
Gli Usa fanno causa a Snowden per il libro
INDIA
8 ore
Scappa con l'elefante perché vogliono separarli, trovato dai giornalisti
STATI UNITI
8 ore
75 miliardi di dollari dalla Fed
CITTÀ DEL VATICANO
8 ore
Abusi sessuali, due preti rinviati a giudizio
STATI UNITI
9 ore
Ubriaca, va a prendere il fidanzato fermato per guida in stato di ebrezza: arrestata
ALBANIA
10 ore
Tusk: «L'Albania merita l'avvio dei negoziati per l'adesione all'Ue»
STATI UNITI
11 ore
Per 1 americana su 16 il primo rapporto sessuale è stato uno stupro
STATI UNITI
11 ore
Sigarette elettroniche: negli Stati Uniti la settima vittima
ITALIA
11 ore
Autobus va fuori strada e finisce contro un albero: 30 feriti
STATI UNITI
12 ore
Manifestazioni per il clima: a New York 1 milione di scolari potranno saltare la scuola
BRASILE
13 ore
Amazzonia: il capo indigeno Raoni proposto per il Nobel per la Pace
ARGENTINA
13 ore
Allarme femminicidio, uccise quattro donne nel fine settimana
ITALIA
21.07.2018 - 12:500
Aggiornamento : 15:11

Cadavere murato in cantina, è lo scomparso Antonio Deiana

Si è trattato di un regolamento di conti nel mondo del traffico della droga

MILANO - È finito nello scantinato di un palazzo a Cinisello Balsamo (Milano), in via Lanfranco della Pila 12, il mistero di Antonio Deiana, scomparso, a 36 anni, da Villa Guardia (Como) il 20 luglio 2012. Il suo cadavere è stato sepolto sotto il pavimento, avvolto da una colata di cemento che in tutto questo tempo ha consumato i resti. Non ci sono molti dubbi, ma la certezza dell'identificazione arriverà solo con l'esame del Dna.

Per la sua morte, un regolamento di conti nel mondo del traffico di droga all'interno di una famiglia di 'ndrangheta, la Squadra mobile milanese ha arrestato il 47enne Luca Sanfilippo, l'unico inquilino del palazzo a conoscere il segreto delle cantine.

Quando gli agenti sono andati a parlargli ha ammesso la sua responsabilità rendendo dichiarazioni spontanee: ha spiegato di aver ucciso Deiana in preda a un raptus dovuto all'uso di cocaina, per futili motivi durante una lite scoppiata nelle cantine. Il corpo è stato sepolto inizialmente in un fossa profonda un metro e mezzo che era già stata scavata per alcuni lavori resi necessari da una perdita di acqua. Sei mesi fa, con la messa all'asta del suo appartamento, ha coperto la terra con una colata di cemento. Gli investigatori hanno dovuto sfondare il pavimento con il martello pneumatico.

La svolta è arrivata il 10 giugno scorso, quando un pregiudicato ha chiamato il centralino del commissariato Greco Turro chiedendo di parlare esclusivamente con un ispettore (che tempo fa lo aveva arrestato per estorsione) per riferirgli una notizia importante.

È stato lui a raccontare che un conoscente di 50 anni gli aveva confidato che Sanfilippo aveva ucciso Deiana e lui si era provocato ustioni alle mani aiutandolo a bruciare gli abiti della vittima. Circostanza poi accertata dagli archivi dell'ospedale Bassini di Cinisello, dove risulta che dieci giorni dopo quel complice (non dell'omicidio ma della cancellazione delle prove) si è presentato per farsi medicare.

Deiana era fratello del 39enne Salvatore, a sua volta scomparso nel 2009 e poi ritrovato nel febbraio 2015 in un bosco di Oltrona San Mamete, anche lui nascosto sotto uno spesso strato di terra e ritrovato solo grazie alla confessione di uno dei killer.

Nonostante le dichiarazioni di Sanfilippo, per entrambi sembra esserci una sola pista: un regolamento di conti nel mondo del traffico di droga all'interno di una famiglia di 'ndrangheta.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 03:50:22 | 91.208.130.85